VARIE! VARIE! VARIE! VARIE! VARIE! VARIE!

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

BUON ANNO AI FORUMISTI

Messaggio  Admin il Gio Giu 02, 2011 3:55 pm

BUON ANNO AI FORUMISTI
Vittorio E. Polito il Gio 1 Gen 2009 - 11:47

.HO IL PIACERE DI PORGERE AGLI AMICI DEL FORUM I PIÙ SENTITI AUGURI PER UN FELICE E RICCO 2009, SOPRATTUTTO DI SALUTE, E LO FACCIO CON UNA BELLA LIRICA DEL POETA PINO GIOIA, CHE PUR DATATA 2001, È SEMPRE ATTUALE IL MESSAGGIO CHE TRASMETTE E CHE IO FACCIO ANCHE MIO. BUON ANNO A TUTTI.


CAPODANNO (2001)*

Mmènz’alla chiazze jè fèsta grànne
Jè eccèzzionale cusse Capedànne
U vècchie sègghele se ne fùsce
E cudde nève, ce sa ce annùsce.

Quanda fatte ijnd’à cind’ànne
s’acchemenzò, auandànne auandànne
u colère, l’alluviòne e la uèrre
nge facerene acchià de cule ndèrre.

La carne ijère lusse, u pàne ijère gnòre
se cambave, a jòra e jòre
attùrne attùrne, ijèr’assà la fàme
ma se respettàvene le crestiàne.

Tanne tanne, sckattò nalda uèrre
e nalda volte, u cule scì ndèrre
tutte nzìme, nge mettèmme sòtte,
e reveldàmme u munne, capesòtte.

Bianche bianche, se facì u pàne
le deghelìtte, abbettarene le crestine
l’atomobble, scettàte sop’alla stràte,
e la cape... bell’e uastàte.

* * *
U nuove segghele ce sa ce nge dà
ma della sorte magghia fedà
ce da dà sope, m’acchiamènde Criste,
ij me sèndeche assà nzìste.

E a chiss’amisce, ca me stonne attùrne
augureche u mègghie bène du munne.
Speràme d’acchiange, pe n’alde cind’anne
che la salute e senz’affanne

* Da “In Viaggio con l’A.I.O.S.” di Pino Gioia, Di Marsico Libri Ed., 2007 .
Vittorio E. Polito


Messaggi: 405
Data d'iscrizione: 17.02.08
Località: Bari





.


Consuntivo di fine anno
santa vetturi il Ven 2 Gen 2009 - 17:16

.... o di fine secolo!
La bella lirica di Pino, che Vittorio ha voluto regalarci, mi ha fatto ricordare un'altra cosa che io avevo scritto, al'avvento del Duemila, e che era rimasta chiusa nel mio cassetto, assolutamente inedita.
Voglio condividerla con voi, perchè mi pare possa essere motivo di riflessione e racchiuda anch'essa, comunque, un messaggio di speranza, valido per ogni inizio, non solo d'anno.

Prometto che non vi subisso più con le mie poesie, cominciano ad essere un po' troppe, su questo forum!
Il fatto è che qui mi sento tra amici...

Ancora un augurio, perchè il 2009 possa essere un anno felice, in cui almeno un sogno diventi realtà
Santa

O NOVECJINDE CA FERNESCE

Quanda svendure ca te puérte apprisse
tu ca te ne st’a vva cu uazzebanne
pe la brevoggne avissa stà cchiù citte
e no senà e ballà che tutte quande
Na uérre c’avvrazzò u munne sane
e la seconde ca cchiù pesce angore
scettò la morte che nu fonge mbame
vestì l’umanetate de delore
E ialde uérre peccenonne e grosse
da frate condr’a frate chemmattute
pezzinghe ajire aggnérene le fosse
ca manghe tu a Caìne u sì vengiute
Cjind’anne amare chjine de termjinde
tu nge sì ddate apprime de sparésce
tramote e malatì e delenguìnde
pavure e chedda droghe ca sterdésce


Eppure ce nge pénzeche cchiù megghie
la vite apprime jéve assà chiù toste
ddò cose da salvà le pozze scegghje
u bbene ca nge djiste a ffà canosce
U séggue fuste du Papa Giuanne
du Presedénde accise pe sfertune
assérene da te crestiane granne
e u uòmene sbarcò sop’a la Lune
Jé ggnore u ssanghe c’all’Ebré ghestaste
pe colpe de nu vere desgrazziate
ma dop’a chessa terre nge ammenaste
nu vjinde dolge assà de lebértate
Vedémme de cadé mure de storie
l’Europe acchemenzò a stà cchiù aunite
la fémmene chendò tanda vittorie
la malatì cazzaste che le pjite







Tu cammenaste svèlde pe la strate
ca porte dritt’a ccase du progrésse
ce pure tutte no à funzionate
cchiù megghie stame de l’attane neste
e u munne ca nge allasse pu Ddumìle
jé com’a paravise d’abbennanze
e la gestizzie sott’a cusse cjile
jé senne ca pertame tutte nnanze
No vvale a gastemà quande sì brutte
ca forse tu te mìrede na lode
e de senatte mò me pare ggiuste
la mùseche de le cchiù ddolge note
A tte, o Novecjinde ca fernésce
pure jì vogghje candà cu core mmane
e a stu Millénnie neve ca st’a ttrase
che nn’ecchje de speranze acchiamendame.
santa vetturi


Messaggi: 26
Data d'iscrizione: 26.02.08





.


IL MIO AUGURIO INVECE...
Admin il Sab 3 Gen 2009 - 15:30

.Il mio augurio invece è che Santa continui all'infinito ad inviarci le sue poesie e che noi all'infinito si possa leggerle. Naturalmente sempre con vicino un bicchiere di vino di quello dei migliori.
Poi c'è un altro augurio che faccio a me primariamente e a chi mi leggerà. Incazziamoci sempre, non guardiamo in faccia nessuno, combattiamo con l'indignazione e senza paura tutte le mafie mentali e fisiche che ci stanno intorcinando a tutti i livelli, indigniamoci e denunziamo tutte le mezze verità, le ipocrisie, quelli che predicano bene e razzolano male, e dormiremo sonno tranquilli. Ciò che mi stupisce e mi indigna è che siamo arrivati ad un punto di assuefazione che mi fa più che paura, ribrezzo.
Franz Falanga.
Admin
Admin



Messaggi: 190
Data d'iscrizione: 16.02.08
Località: Provincia di Treviso





avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

MA COS'E' CHE LI BLOCCA?

Messaggio  Admin il Gio Giu 02, 2011 4:05 pm

Da u bballe de Petenghine a Bertrand Russel
Nico Lomuto il Mer 12 Nov 2008 - 21:22

.PREMESSA SCHERZOSA: Per i miei gusti, la risposta che dice tutto sarebbe, fra quelle indicate, “Non ho risposto perché sono barese”; ma non si può rispondere “I baresi non dánno mai risposte” senza meritarsi il commento: “Perché, questa che stai dando cos’è?” Ecco il problema che ha sempre vessato la logica formale fin da Aristotele, fino a sfociare nel paradosso di Bertrand Russel, che sconvolse la teoria degli insiemi. Auto-commento: ah ciè belle, non ze capisce nudde!

ANALISI: il problema manca di chiarezza. Le “regole” (notare: regole) che si cercano sono da imporre o servono per documentare? Vogliamo dettare che in barese si scriva così, si dica così, o vogliamo notare che qualcuno scrive così, qualcuno scrive colà? Detta così, la cosa sembra assurda, ma questo è il mio punto. Ai due estremi ci sono: da un lato le regole da obbedire (ma da chi?), e dall’altro la confusione di sempre, magari con una classificazione; ovviamente, ci vuole un compromesso.

Faccio un esempio. Qui, mi dicono, molti si attengono al New York Times manual of style, che io poi non ho mai neanche visto, che è un insieme di “regole” stilistiche tipo quando usare la maiuscola. Naturalmente, suppongo che i giornalisti del New York Times siano obbligati ad attenersi, ma qui è l’interessate: altri giornali importanti hanno il loro Manual of Style, e molti giornali minori, riviste, scrittori di news televisive, ecc. seguono (se vogliono) questo o quel manuale. Se no, non è che si trovano la Polizia alla porta: “Lei è agli arresti per uso improprio di maiuscola”

Falán, tu domandi: se Gadda violasse queste regole, chi lo avvertirebbe? Io risponderei con la contro-domanda: avvertirlo di che?.

Ultima modifica di Nico Lomuto il Mer 19 Nov 2008 - 19:52, modificato 1 volta
Nico Lomuto


Messaggi: 17
Data d'iscrizione: 17.02.08





.


Da u bballe de Petenghine a Bertrand Russel
felice.alloggio il Gio 13 Nov 2008 - 9:19

.E' evidente che 100 persone, più o meno quante sono quelle che nel Seminario stanno dicendo la loro, non possono imporre come si scrive il dialetto barese a 300.000 baresi, Barese più, Barese meno, Nè questi ultimi sono tenuti ad ascoltarli, i seminaristi.
D'altro canto se mio nipote mi dovesse dire: "zio, oggi ho andato al cinema", io devo correggerlo ovviamente, ma chi mi dice che lui non mi risponda: "e perchè devo ascoltarti, in fondo tu hai capito lo stesso quello che ho detto".
Ma in tutto questo discorso lanciato da quel monellaccio trasgressivo e rivoluzionario Falan, devo comunque fare i complimenti a Nico Lomuto per il titolo del suo post: "Da u balle de Petenghine a Bertrand Russel".
Ce u avèva disce, ca u dialètte iù pure na filosofì!
Ciao amici, scriviamoci, è bello!.
felice.alloggio


Messaggi: 67
Data d'iscrizione: 21.02.08
Località: Bari





.


UGGODE COME DIRE CHE GODURIA
felice.alloggio il Gio 13 Nov 2008 - 17:14

.Ciao,
a proposito di manualetti, io so per certo che ne esisteva uno nella RAI anni '50 e '60, che altro non era se non l'elenco delle parole e delle frasi da censurare nell'informazione e nello spettacolo preparati dal fior fiore della intellinghentia clericale e quacquera dell'epoca. Naturalmente era assolutamente vietato parlare in dialetto.
A proposito Nico, ti risulta che negli States esistono ancora i quacqueri?
a risentirci
Felix.
felice.alloggio


Messaggi: 67
Data d'iscrizione: 21.02.08
Località: Bari





avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

VITO ANTONIO MELCHIORRE

Messaggio  Admin il Gio Giu 02, 2011 4:23 pm

VITO ANTONIO MELCHIORRE
felice.alloggio il Lun 18 Ott 2010 - 7:50

.Storico della città di Bari è morto all'età di 88 anni. Vittorio Polito così lo ha ricordato su Bari Sera del 16 ottobre 2010: "...Bari perde un altro dei suoi grandi e amati figli, colui che sapeva tutto sulla nostra città. La sua copiosa produzione letteraria e storica resta come testimonianza del suo amore e del suo interesse per la storia di Bari e per le sue origini...."
Alla sua famiglia vadano le nostre più sentite condoglianze.
Felice Alloggio.
felice.alloggio


Messaggi: 64
Data d'iscrizione: 21.02.08
Località: Bari





.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

STRANEZZE DELLA LINGUA DI BARI

Messaggio  Admin il Gio Giu 02, 2011 4:26 pm

Stranezze della lingua di Bari
Nico Lomuto il Lun 22 Feb 2010 - 18:01

.Il dialetto barese ha dei costrutti caratteristici che non solo si manifestano nel dialetto vero e proprio ma facilmente s’intrufolano nel parlare che vorrebbe essere in italiano.

Esempio: ieri sera parlavamo di linguistica e ragionando ragionando bevevamo birra. In quella incontrammo a Filippo, che chiese: “Ma che state discutendo, voi e due?”

============

Il doppio gerundio

Il doppio gerundio si usa in barese per descrivere attività protratte nel tempo, preferibilmente varie attività simultanee. Per esempio: e camenanne camenanne arrevamme a caste. Notare che sarebbe una pessima traduzione “E camminando camminando arrivammo a casa tua”. In questo esempio siamo fortunati, perché esistono delle parafrasi indovinate, tipo “passo passo”. Altre volte la parafrasi dobbiamo inventarcela.

============

a + accusativo

Esempi: so viste a Coline
ji a te te fazze neve
Signora Maestra, lo vedete a quello? [ah, ci bella frase!!]

Senza averci pensato tanto, mi pare che qui ci sia una regoletta molto semplice: la ‘a’ si aggiunge se e solo se l’oggetto è una persona (si noti che oggetti inanimati non prendono la a). I dubbi che mi restano sono (dubbio 1) E se l’oggetto è un animale? (dubbio 2) Fa differenza che l’oggetto sia vivo o morto? (Per esempio, si dice so sendute Verdi o so sendute a Verdi?) (dubbio 3) Ma la a estranea appare anche dopo “come”; stessa regola?

============
e coi numeri

Esempio: Signora Maestra, li vedete a quelli e ddue?

La regola sembra essere che quando in italiano ci sarebbe un numerale preceduto da un vocabolo collettivante, ecco che spunta quella e come u pedrsìn a ogn’e mnestr ... Beh, in vista di questo esempio forse la regola non è poi tanto semplice.




============
congiuntivo

In barese il congiuntivo si usa molto poco. Ci sono due casi opposti: il primo è quello che, potremmo chiamare congiuntivo preferenziale (o se ci piace la pomposità congiuntivo optativo) , ossia quello che esprime un desiderio:

i u mangiasse, ma jè fridde

(in italiano si userebbe il condizionale)


============
congiuntivo scaramantico

Si usa quando l’oggetto è indesiderabile.

Esempi: avéssame a sci a fernésce come alla zita de Trítt
auánd, aviss a cadé
avéssem a fa come a mest Giuánn

Mi pare (ma non sono sicuro) che al congiuntivo vada sempre una qualche voce del verbo ave’ a (dovere). Si noti che, per esempio, in napoletano credo che si metta al congiuntivo qualsiasi verbo (p. es.: fússeve venúto pe nguacche ccosa? Con le dovute scuse per eventuali errori agli amici Napoletani).

============
raddoppio di consonante

U bballe de Petenghine ? E sia
ls bbanne de le chiacune ? E sia. Ma perché ...
addó va? A ccasa mentre d’addó vijn? Da casa

E perché mai in u chiù surd de le surd (che poi sarei io, quindi non temo di essere politically incorrect). Dicevo, perché mai in u chiù surd de le surd la prima s va pronunciata doppia e la seconda no?

============
raddoppio di vocale

Il caso più eclatante è probabilmente quello in cui la i si raddoppia in (...ehemmm, come preferite?) ii o ji, o ij e cosi via. Ma anche la u non scherza. Ciò che si sente è u aschere o u uaschere? (il lastrico) u azzedbbanne o u uazzebbanne (la batteria); e “tre batterie” come si dice?

============

Indurimento di consonanti

Esempio: Signora Maestra, perché quando parlo divendate rossa per la rabbia?

Per fortuna, l’indurimento è solo un vezzo. Se ne può fare benissimo a meno.



Appello al forum: qualcuno può aggiungere qualche altro costrutto particolare? Mi pare che, volendo definire o insegnare il dialetto questi costrutti siano essenziali..
Nico Lomuto


Messaggi: 15
Data d'iscrizione: 17.02.08





.


Stranezze della lingua di Bari
felice.alloggio il Mar 23 Feb 2010 - 9:33

.Forma dialettale : Angore cade.
Bariano (Barese italianizzato): Ancora cadi
Ciò che si vuol dire: Sta attento a non cadere
Italiano :Nessun significato

Forma dialettale : Stogghe sope alla nonne
Bariano (Barese italianizzato): Sto sopra alla nonna
Ciò che si vuol dire: Vado o sto dalla nonna che abita al piano di sopra
Italiano : Il mio corpo sta sopra quello della nonna

Forma dialettale : Addò sta Luigge? se n'ascennute!
Bariano (Barese italianizzato): Dove sta Luigi? Se ne è sceso
Ciò che si vuol dire: Dov'è Luigi? E' uscito di casa
Italiano: Dov'è Luigi? E' sceso dalle scale o da qualsiai altro luogo posto più in alto.

e ancora: -Megghièreme av'assute inginde=Mia moglie è uscita in cinta = Mia moglie è in cinta = Nessun significato
-Addò sta papà? Papà sta jìnde alla commàre. Mio padre sta dentro alla commara = Mio padre è in casa della comare =Nessun significato
-Vìne ca te fazzeche la cape = Vieni che ti faccio la testa= Viene che ti pettino = Nessun significato
-Quanne va a case appicce l'acqua = Quando vai a casa accendi l'acqua = Accendi il fornello sotto la pentola dell'acqua = Nessun significato
-Quanne ièsse a bolle scitte la paste. Quando esce a bollire butta la pasta = Quando l'acqua bolle cala nella pentola la pasta = Nessun significato

Ciao Felice.

Ultima modifica di felice.alloggio il Gio 25 Feb 2010 - 8:40, modificato 3 volte
felice.alloggio


Messaggi: 63
Data d'iscrizione: 21.02.08
Località: Bari





.


EHILA' NICO!
Admin il Mar 23 Feb 2010 - 17:07

.Bene caro Nico hai messo su un bel pò di problemi. Dal che se ne deduce che i due irrisolti problemi riguardanti il dialetto barese sono:



1) La redazione di una grammatica



2) La scrittura del dialetto



Per quanto riguarda il punto 1) ci sono certamente delle grammatiche ponderose ed interessanti, non sarebbe male però se si volesse migliorare l'esistente e portare più avanti il discorso sintattico e grammaticale del dialetto barese.


Per quanto invece riguarda il punto 2) la scrittura del dialetto, penso che sia un argomento sul quale difficilmente si potrà arrivare a trovare un terreno comune. Oddio, la "e" muta potrebbe essere un argomento sul quale tutti potrebbero essere d'accordo, la e scritta senz'accento non si pronunzia, scritta con l'accento si pronunzia. Il resto diventa molto difficoltoso da promuovere perchè ognuno difficilmente scriverebbe secondo regole altrui. Questo è certamente uno dei lati complessi del barese, la stessa cosa accade anche nelle altre parlate dialettali quando diventano scritte. Mi piacerebbe vedere un pezzo qualsivoglia scritto in italiano, chessò le prime pagine dei Promessi sposi oppure le prime pagine di Lezioni americane di Calvino, o un qualsiasi romanzo di Erri De Luca, tradotte in barese da dieci, venti, cento autori. Sono convinto che vedremmo dieci, venti, cento maniere di scrivere in barese l'una diversa dall'altra.


Questo è quello che io penso.


Ciao a tutti.


franz falanga


.
Admin
Admin



Messaggi: 189
Data d'iscrizione: 16.02.08
Località: Provincia di Treviso





.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

A PROPOSITO DI PESCE E FRUTTI DI MARE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Mar 25, 2012 5:48 pm



25 marzo 2013

A proposito di pesce, ostriche, cozze pelose e frutti di mare



di Vittorio Polito

A proposito di cozze pelose e quant’altro regalati al sindaco di Bari Emiliano da parte dei signori De Gennaro, Lino Patruno scrive nell’editoriale della Gazzetta del Mezzogiorno del 23 marzo scorso che «a Bari i frutti di mare sono venerati come San Nicola». Lo stesso Patruno sostiene, in altro libro, non a torto, che «… la tavola per i baresi non è una tavola, è un palcoscenico, (…) per il barese mangiare è la più alta forma di comunicazione».

Per i baresi, infatti la pausa-pranzo non esiste, il pranzo è un rito arcaico che neanche lo stress della vita moderna è riuscito a scalfire. Sulle nostre tavole prevale il pesce di barchetta ed i frutti di mare con in testa u pulpe rizze che Patruno chiama “Sua Maestà”, polpo che è stato sbattuto sulla pietra o scoglio, arricciato e «cullato nel cesto come la ninna nanna di un bambino».
È appena il caso di ricordare che il barese, per l’alto costo del pesce bianco o da arrosto, si arrangia, per dirla con Giovanni Panza, «che la fragagghie, u ‘paranziidde’, cudde pesce ca tene mesckate merluzzette, tregghiezzole, zanghettodde e ca se fasce fritte: goste de mene ma te fasce sende u addore du mare». Per non parlare del “crudo” i cosiddetti frutti di mare, che i baresi non rinuncerebbero per nessun motivo al mondo.
Nell’anno 2010 si è parlato di una normativa finalizzata a vietare l’uso del pesce crudo e quant’altro, cosa che per i baresi è a dir poco assurda. Per l’occasione Lino Patruno in una sua rubrica sul quotidiano citato invitava i legiferanti a venire a capire cos’è un Polpo, ed i danni che arrecherebbero a “Sua Maestà” il polpo e soprattutto ai baresi.
D’altro canto che i frutti di mare sono stati sempre sacri per i baresi, lo conferma anche un’ordinanza dell’Intendente di Bari del lontano 1819, a proposito dei riposi dei negozi nei giorni festivi, con la quale si autorizzava i marinai (insieme ai barbieri), a svolgere liberamente le rispettive attività pure nei giorni di festa.
E per meglio capire cos’è il pesce per i baresi invito a leggere cosa scrive il poeta dialettale barese Giuseppe Gioia, a proposito di pesce e di “Ndèrre a la lanze”, il classico posto ove si possono gustare i frutti di mare crudi (anche se oggi dal punto di vista igienico non è proprio consigliato).

NDÈRRE A LA LANZE

di Giuseppe Gioia

M’affermabbe l’alda dì a babbuèsce
ndèrre a la lanze addò se venne u pèsce
Ijère calde u sole, la scernàte ijère bèdde
mènz’ò cijèle scamàve la rendinèdde
Na bavètte de dolge maijstràle,
allesciàve chiàne chiàne u mare,
e alzave a picche a picche le cavaddùne
ca arrevàvene ndèrre, ijune a ijùne
Dà me pertàve mamme alla matìne
e lendàne lendàne da u casìne
assapràmme chedd’arrie matetìne,
chièna d’addore de lagghèna marìne
Picche màgghene s’acchiavene gerànne
come passave june, ijère festa grànne
u mare, u cijèle e chidde rendinèdde
ijèrene nu quadre atturne a le paranzèdde
Ce pò nganne a mare ascennìve
jnd’alle varche u pèsce, vive vive,
zembàve mbacce come l’acchiamendàve
u marenàre che cudde cambàve!
E ci se scorde chidde rizze chijne chijne
ca allassavene alle mane tanda spìne
Na sciacquate jnd’a mare e nu stezze de pàne,
ijère nu beccone... ca pertàve lendàne!
Me descetesceche da chisse penzijre
e me sparèsce u munne d’aijre
chisse varche me parene ammasenàte
da sti vanne, u munne jè cangiàte!
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

SALUTI BARESI

Messaggio  Admin il Sab Ago 11, 2012 4:29 pm

SALUTI BARESI
alisce fritte il Mer 8 Ago 2012 - 10:54

.Ciao, sono una nuova utente e il mio nome sul forum è alisce fritte, perchè è un piatto barese che adoro. L'altra sera le ho mangiate a la nvàme presso una friggitoria di Torre a Mare.
Mi farò sentire perchè desidero discorrere sul dialetto barese e sui libri in daletto barese che, ho visto, vengono opportunamente inseriti.
Ciao e a presto.
.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

SALUTI BARESI

Messaggio  Admin il Sab Ago 11, 2012 4:31 pm

SALUTI BARESI
felice.alloggio il Mer 8 Ago 2012 - 12:26

.Buongiorno cara amica, e ben arrivata in questo FORUM. Siccome hai espressamente dichiarato nel tuo primo post d'interessarti al dialetto e ai libri in dialetto barese, ti consiglio subito di dare un'occhiata ad un libro interessante edito da WIP Edizioni di Bari che potrai trovare da Feltrinelli e che s'intitola "FLORILEGIO BARESE". Si tratta di un'antologia comprendente poesie e racconti scritti da 22 autori baresi che hanno cercato di scrivere più o meno allo stesso modo il nostro dialetto. Se vorrai potrai anche venirci a trovare, noi ci incontriamo in Barivecchia, Strada Tresca n,.16, accanto alla chiesa di San Giovanni Crisostomo e avere notizie ulteriori sugli studi dialettali, per integrare quello che sicuramente troverai anche in questo FORUM. Spero di essere stato chiaro nel soddisfare le tue richieste e desideri, così come spero di risentirti ancora. Ciao
Felice.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

PER ALISCE FRITTE

Messaggio  Admin il Sab Ago 11, 2012 4:33 pm

PER ALISCE FRITTE
Admin il Mer 8 Ago 2012 - 17:26

.Gentilissima alisce fritte, questo forum ha un paio di regole fondamentali. La prima è che non è ammesso per nessuna ragione al mondo l'anonimato (i nick name tanto per intenderci), la seconda è che, prima di inaugurare un nuovo topic, per evitare di avere una lista lunghissima di argomenti è bene inserire il proprio topic in quelli che hanno più attinenza con l'argomento del proprio messaggio. Tutto qui. Spedisca quindi pubblicamente su questo topic, per cortesia, il suo nome e cognome e il suo e-mail, entro e non oltre sabato prossimo a mezzogiorno. Se non dovesse, volesse, potesse farlo, il forum automaticamente cancellerà la sua iscrizione. La legge, gentilissima, è uguale per tutti. E' chiaro che potrà usare il suo nick name solo dopo che ci avrà pubblicamente esternato la sua identità e la sua casella di posta elettronica.Grazie e molti saluti! franz falanga l'admin di questo forum..

avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

PRESENTAZIONE

Messaggio  Admin il Sab Ago 11, 2012 4:35 pm

PRESENTAZIONE
alisce fritte il Gio 9 Ago 2012 - 9:34

.GENTILE ADMIN,
MI CHIAMO RITA ASCIANO. PER LA MIA E MAIL L'HO DICHIARATA AL MOMENTO DELLA REGISTRAZIONE.
MI PERMETTA SIGNOR ADMIN, ANCORA FALCE E MARTELLO? NON LE SEMBRA FUORI TEMPO VISTO CHE IN GIRO DI COMUNISTI VERI NO NGE NE STONNE CHIU'?
IN QUANTO ADMIN POTREBBE RIPRENDERE CHI MI HA DATO DELLA SMEMORATA SENZA MANCO CONOSCERMI?
CORDIALI SALUTI E A RISENTIRLA. .
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

PER LA SIGNORA RITA

Messaggio  Admin il Sab Ago 11, 2012 4:36 pm

PER LA SIGNORA RITA
Admin il Gio 9 Ago 2012 - 10:09

.Innanzi tutto grazie per essersi appalesata. Benvenuta quindi nel forum! Non è mio compito "riprendere" nessun partecipante al forum Per quanto riguarda il mio pensiero politico, grazie a dio, viviamo ancora in un periodo in cui ognuno può permettersi di esprimere le proprie opinioni politiche. Io ho le mie, qui nel forum ognuno ha la sua visione politica della vita. Io continuerò quindi a dire e ad esprimere le mie opinioni, senza naturalmnte ledere la libertà di nessuno, quando e come voglio. Un mondo dove tutti la dovessero pensare allo stesso modo sarebbe molto poco divertente e molto triste. Cordiali saluti. franz falanga .
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

DIRITTI D'AUTORE, DI IMMAGINE E DI CITAZIONE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Ago 12, 2012 6:00 am

C’È QUALCUNO CHE FA CONFUSIONE TRA DIRITTI D’AUTORE, DIRITTI D’IMMAGINE E CITAZIONE DELLA FONTE.
I DIRITTI D’AUTORE E QUELLI D’IMMAGINE SONO STABILITI DA DISPOSIZIONI DI LEGGE, ALLE QUALI RIMANDO, MENTRE QUELLO DI CITAZIONE È SOLO UN DOVERE DA PARTE DI CHI UTILIZZA UNA FOTO O UN’OPERA, ECC. A CITARNE LA FONTE. QUINDI NESSUNA CONFUSIONE CON IL DIRITTO DI IMMAGINE CHE NON C’ENTRA PROPRIO NULLA.
VA ANCHE DETTO, NEL CASO SPECIFICO, CHE CHI SCRIVE NON HA MAI CHIESTO QUALSIVOGLIA DIRITTO AGLI UTILIZZATORI DI IMMAGINI E FILMATI MESSI A DISPOSIZIONE GRATUITAMENTE. MA CITARE LA FONTE È QUANTO MENO UN OBBLIGO DA PARTE DELL’UTILIZZATORE, SENZA FAR COMMENTI DI ALCUN GENERE. DIVERSAMENTE PUÒ ASTENERSI DALL'UTILIZZARE IL MATERIALE DATO IN USO GRATUITO.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

CHI TROVA UN EDITORE, TROVA UN AMICO

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Set 14, 2012 8:03 am



14 settembre 2012
Chi trova un editore trova un amico

08:51 | Raccolto in: Cultura e Spettacoli | Pubblicato da: Giornale di Puglia




di Vittorio Polito

Una domenica di un agosto tra il 1990 e il 1995, almeno questi sono i miei ricordi riferiti alle date, mi trovavo in prossimità del Castello Svevo e, avendo incontrato un amico che mi riferiva di essere appena uscito dall’azienda di Don Mario Cavalli, decisi di passare anch’io da casa Levante. Premesso che allora i rapporti con la famiglia Cavalli erano di pura conoscenza, non di amicizia come ora, mi ritrovai in un regno fatto di libri, macchine, carta e scaffalature. Don Mario e i figli stavano organizzando il lavoro per il mercoledì successivo, giorno di riapertura, dopo le ferie estive.

Feci il nome della persona che mi aveva indirizzato in azienda e Don Mario fu contento tanto da affermare che fino a qualche anno prima, questo comune amico, era
una presenza fissa nei giorni festivi. La disponibilità dei Cavalli fu subito totale e così
scoprii una realtà forse solo apparentemente poco barese: l’usanza di ricevere amici e clienti nei giorni festivi, sabato e domenica, in modo da non togliere spazio alla normale attività.

Nonostante fosse ancora agosto – periodo notoriamente riservato alle vacanze – non sembrava casa Levante, ma porto Levante e fino alle 13,30, orario in cui sono andato via, ho conosciuto tanti giornalisti, nel tempo divenuti… colleghi, e tanti scrittori… da considerarmi, già da allora, della famiglia. (Negli anni ho pubblicato tre libri ).

Ricordo che quel giorno Don Mario ad una signora che aveva telefonato in azienda chiedendo del marito, chiamandola per nome, disse «Se tuo marito viene da me, senza che lo abbia prescritto il medico, vuol dire che è felice di farlo e se un uomo è felice lo devono essere anche le persone che gli vogliono bene».

Anni dopo, quando ho recensito il volume dell’on. Pisicchio dal titolo “La mela dolce. Il diritto costituzionale alla felicità”, mi sono ricordato dell’episodio perché il libro chiosava che il fine della politica fosse la felicità. Partendo da presupposti diversi forse Don Mario e l’onorevole volevano farci capire quanta soggettività vi fosse nella ricerca della felicità.

In tutti questi anni sono tornato tante volte, soprattutto il sabato, nell’azienda di via Napoli ove ho conosciuto tante persone ed appreso episodi di vissuto quotidiano che poi ho utilizzato per costruirmi una vita piena ed operosa; da pensionato che cerca di dare sfogo alle sue curiosità, senza timore di avventurarsi per sentieri sconosciuti.
Consentitemi di mettervi al corrente di due vicende di cui sono stato testimone, in presa diretta, nella casa editrice Levante.

Una volta Mario Cavalli mi ha presentato un professore di latino e greco, di cui non rammento il cognome, che volle raccontarmi a tutti i costi l’episodio che gli aveva fatto conoscere quasi mezzo secolo prima l’editore. Il professore aveva necessità di pubblicare in tempi brevi un libro con oltre 30 pagine di tutto testo greco.

Per un lavoro precedente era stato a Roma ed in treno nel tornare a Bari aveva conosciuto un giornalista che gli aveva detto che nella tipografia di Mario Cavalli stampavano giornali e libri con celerità e precisione.
E così fu! Quando il docente andò via, dopo aver abbracciato Don Mario, mi salutò con una stretta di mano pregna di un calore ed un affetto che ancora oggi non riesco a dimenticare e pronunciò l’ennesima frase in latino, nonostante gli avessi detto, più volte, che i miei studi non contemplavano lingue classiche. In seguito Don Mario mi disse che si trattava di un grande uomo: corretto, severo, dignitoso, inflessibile… specialmente con gli studenti poco disposti all’impegno.

Per restare in argomento l’altro episodio di cui voglio farvi partecipi si ‘intitola’ “Don Mario fa i miracoli”. Quando mi è stato presentato questo illustre insegnante, parlando di Don Mario, disse: «Per me quest’uomo ha fatto un miracolo». Proverò a raccontarvi la storia precisando che io sono riuscito a metterla a fuoco dopo molte spiegazioni; spero di essere abbastanza chiaro per farvela apprezzare. Una sera di un anno del secolo scorso questo docente si presentò da Levante per ritirare le quattro copie di un libro che avrebbe dovuto presentare il giorno dopo per partecipare ad un concorso. (Nei ricordi di Gianni Cavalli questo era già un primo miracolo perché il libro era stato confezionato in quattro giorni). Quella sera la richiesta del professore fu di aggiungere una ventina di pagine… chiaramente per il giorno dopo.

Subito i figli di Don Mario evidenziarono “l’impossibilità della richiesta per qualsiasi azienda”, anzi Gianni si spinse oltre sottolineando che una persona di buon senso non avrebbe inoltrato l’istanza.

Gli animi si riscaldarono e, per ammissione dello stesso professore, vi fu un vivace scambio di idee tra lui e Gianni Cavalli, notoriamente “il vulcano” dell’azienda. Don Mario congedò il professore con un “vedremo quello che si può fare”. A questo punto è stato Raffaele Cavalli a venire in mio soccorso con precise ed esaurienti spiegazioni tecniche. In quel periodo da Levante erano “sfornate” giornalmente, al servizio di varie testate locali, più pagine della stessa “Gazzetta del Mezzogiorno”. Per questo si alternavano turni alle linotype. (Questo particolare è fondamentale per la riuscita dell’impresa).

Don Mario valutato che le macchine da stampa erano tutte programmate per entrare in funzione la mattina seguente, ritenne che bisognava tentare con un metodo antidiluviano: il tirabozze. Divise il testo in due e lo affidò a due linotipisti, i più bravi, in modo da avere nella notte più tempo per le operazioni successive. Furono tirate le bozze che furono corrette da Gianni, mi dicono infallibile “cecchino” nello scovare gli errori.

Riscontrate le correzioni Don Mario impaginò e risultarono ventiquattro pagine; quindi servendosi di un buon tirabozze stampò singolarmente le pagine prima da una parte e poi dall’altra, aspettando un po’ di tempo tra le due operazioni per consentire alla carta di asciugarsi. (Mi è stato spiegato che perfino per un addetto ai lavori, con grande esperienza, si tratta di impresa irta di difficoltà, perché “una cosa è la bozza, altra la stampa”).
Don Mario dopo aver provveduto ad allargare il dorso della copertina del libro, onde poter ospitare le ventiquattro pagine in più, cercò di cucire in qualche modo i fogli sciolti prima di incollarli e mettere la copertina. La perfezione di Don Mario lo portò a far aggiungere anche la riga del nuovo capitolo nell’indice. Con una operazione tutta a mano, nel senso che, composta la riga di piombo, fu intrisa nell’inchiostro e con polso fermo fu impressa su carta. Anche se questa operazione fosse stata capita solo da qualche vecchio tipografo o giornalista, mi riterrò soddisfatto.

In sostanza alla 8,30 del giorno dopo Don Mario tagliò le quattro copie alla presenza del professore che ritenne di aver avuto un piccolo piacere, in seguito percepì le dimensioni del ‘miracolo’. Don Mario aveva passato in azienda una intera nottata felice di non aver deluso le aspettative dell’amico, in quel caso anche cliente.

Il docente in questione nel salutare Gianni Cavalli disse: “Voglio darle un consiglio… faccia l’avvocato non è per lei dirigere un’azienda” al che Cavalli rispose
“lo stesso dicasi per lei” e con una risata, che nel tempo è divenuta sempre più espansiva, si strinsero la mano.

Quell’agosto, che per me è uno dei ricordi più ‘caldi’ dell’esistenza, non mi ha cambiato la vita, ma mi ha aiutato ad alimentare passioni che hanno costretto a far morire di ‘fame’ una nevrosi che per tutti noi è sempre in agguato.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

UNA MAGNIFICA CANTANTE BARESE

Messaggio  Admin il Sab Set 15, 2012 2:50 pm

Vi segnalo il sito di una giovane e straordinaria cantante barese. Visitatelo e mi darete ragione. franz falanga http://www.myspace.com/cristinapalmiotta

P.S. Il link funziona solo per chi è iscritto al forum. Se dovesse leggerlo qualche non iscritto, non riuscirà a connettersi dal forum, quindi basterà fare copia e incolla utilizzandolo poi sul proprio browser. Grazie
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

MURAT E BARI

Messaggio  felice.alloggio il Gio Ott 18, 2012 7:26 pm

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO DEL 17/10/2012
(Rubrica Lettere alla Gazzetta)

Murat benefattore ma a Bari non lo si celebra

Nel 2013 ricorrerà il bicentenario
della costruzione del Borgo Murattiano,
destinato a divenire il cuore pulsante
della città, ad opera di Gioacchino Murat,
re di Napoli e cognato di Napoleone Bonaparte.
Mancano soltanto pochi mesi all'evento
e i baresi nulla sanno circa le iniziative
che le istituzioni locali intendono prendere
per l'importante appuntamento. Non sarebbe
male ricordare che Gioacchino Murat intraprese
un'opera assolutamente indispensabile per la
vecchia città i cui ventimila abitanti vivevano
soffocati nel cerchio delle mura e del mare. Murat,
inoltre, per poter agire, con estrema decisione
espropriò quei terreni che appartenevano a grossi
proprietari terrieri ed alla chiesa che si opposero
strenuamente. Non sarebbe male se a questo
personaggio storico, anche se non barese,
si dedicasse una via più importante dell'attuale,
magari Corso Vittorio Emanuele.

Felice Alloggio
Bari

La risposta dell'Associazione "Murattiano Bari" murattianowordpress.com
"...è una delle ipotesi in corso di valutazione. Ti terremo informato. A presto.
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

FALANGA E IL GALATEO DEL 2000

Messaggio  felice.alloggio il Lun Ott 29, 2012 10:40 am

E' giusto che chi veda il titolo di questo post pensi che voglia suggerire a qualcuno come ci si deve comportare. Lungi da me questo intento. E spiego subito il significato del titolo.
Ieri domenica 28 ottobre presso la Sala Murat a Bari c'era un'Associazione che promuoveva il baratto dei libri. Mi sono recato quindi con tre libri che avevo in casa e li ho donati all'Associazione. Questa in cambio me ne ha donati altrettanti. E' stato un modo simpatico e onesto per invitare i cittadini alla lettura. Naturalmente i libri che ho avuto li ho scelti io fra tanti che erano sparsi sui tavolini. Il mio occhio infatti si è soffermato su una fotografia che ritraeva tre persone più o meno note a Bari e, una di queste, la prima a sinistra era il nostro simpatico Francesco Falanga, all'incirca quando credo avesse un po' meno di cinquant'anni. Gli altri due, piuttosto seriosi al confronto del folto baffo alla Peppone "mestazze de ghìse", e i canuti e folti capelli del primo, erano l'illustre ortopedico Emilio Putti e il noto scrittore barese Giorgio Saponaro. La fotografia altro non era che la quarta di copertina del libro intitolato, per l'appunto, "Galateo del 2000", con le due foto, quella che ho appena descritto, e quella della copertina, scattate entrambe presso il noto Antico Caffè Stoppani di Bari. Il libro, in Italiano, è stato scritto da questi tre signori.
Uno dei paragrafi del libro s'intitola "Il dialetto" e, di queste due paginette in cui si afferma amabilmente fra l'altro, che il dialetto è una lingua parallela all'Italiano, ve ne trascrivo, in dialetto barese un piccolo passo: "...quanne nge velìme refugià jìnde a le recuèrde de l'infànzie e de l'adolescènze, o sendìme u besègne de n'espressiòne ìndeme e spogghie, scoprìme chidde parole, chidde frase e chidde mode di disce dialettàle che a nu' nge avonne arrevàte e ca so' stambàte jìnde a la memòrie senz'età. U dialètte come a l'infànzie de l'ùmene!..." Grande e bella questa definizione!
Naturalmente il bel libro l'ho letto d'un fiato e, effettivamente concordo con chi ha presentato il testo certo signor o signora Allegra Zante che, fra l'altro, riferisce trattarsi di un libro reazionario perchè tutto ciò che vuole mettere ordine è reazionario!
Mi ha fatto piacere conoscere una persona ca iè probbie come sope a la fotografì, nu brave crestiàne cu pullòver verde a trècce anni '80! Stogghe a parlà de Cicce Falànghe o, come se fasce chiamà jìdde, FRANZ.
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PER FELIX

Messaggio  Admin il Mer Ott 31, 2012 4:58 pm

Ma guarda cosa mi hai rammentato Felix! Grazie di cuore! Sono tornato indietro di quasi quarant'anni ai temp dei mitici Pasquale Sorrenti, Corrado Strada, Giorgio Saponaro, Emilio Putti, ed altri personaggi straordinari della storia e della cronaca di Bari. Mi è venuta in mente una storia vera di Pasquale Sorrenti, che come forse qualcuno non sa, era un libraio di quelli veri. Aveva la sua libreria in via Andrea da Bari, sullo stesso isolato del Banco di Roma. Ogni mattina veniva da casa sua con la filovia da San Pasquale, apriva la libreria, lasciava la borsa con qualche suo manoscritto di libro che stava completando, chiudeva la vetrina ed andava al panificio Arciuli alle spalle, in via Roberto da Bari. Si comprava una mezza ruota di focaccia, e divorandosela con classe e gusto se ne tornava in libreria. Un giorno, entrando nella libreria della quale stiamo parlando, si accorse di una drammatica incursione che avevano fatto i ladri nel suo negozio, non certo per rubargli i libri, ma per passare attraverso la libreria medesima, entrando dal portone accanto, per poter raggiungere con un altro buco nel muro il negozio adiacente del carissimo Pippo Somma, per rubare abiti di alta qualità. Cosa che fu fatta, senza essere notati, una notte fra sabato e domenica, mi pare. Insomma la solita banda del buco. Pasquale osservò per un attimo i due buchi a sinistra e a destra, i libri nuovi calpestati e pieni di calcinacci, non battè ciglio, depose la sua borsa su una sedia, chiuse la vetrina della libreria e se ne andò svoltando all'angolo a sinistra, girò l'isolato, arrivò in via Roberto da Bari, entrò dalla sua amatissima panetteria Arciuli, si ordinò la solita mezza ruota di focaccia, se la divorò con classe infinita sulla strada del ritorno ed arrivò, leccandosi i baffi, alla sua amatissima libreria. Aprì, e solo allora si incazzò come una belva e telefonò alla polizia denunziando il furto con destrezza. Altri tempi, altre persone, altra maniera di concepire la vita. Ora su tutto aleggia una tristezza infinita e ai giovani non interessa più di tanto quasi più nulla. Come siamo messi adesso, meglio non parlarne. Grazie ancora al carissimo Felix per il bel regalo e per il bel ricordo che mi ha scatenato. franz falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

LA SUPERSTIZIONE ALL'U.T.E. "PUGLIEUROPA"

Messaggio  Vittorio E. Polito il Sab Gen 18, 2014 3:58 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2014/01/la-superstizione-tiene-banco-puglieuropa.html



17  gennaio  2014



La superstizione tiene banco a 'Puglieuropa'

Bari, Territorio
1/18/2014 09:00:00 AM


di Vito Ferri -

Si è svolto nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico “Romanazzi” di Bari  per gli incontri culturali dell’Università della Terza Età “Puglieuropa”, il previsto evento dedicato alla superstizione “Non è vero ma ci credo”, in occasione del quale è stato trattato ampiamente l’argomento.

La superstizione, modo irrazionale con cui l’uomo esorcizza le proprie paure e cerca il controllo dei fenomeni rari e misteriosi e l’esercito dei “Non è vero ma prendo le mie precauzioni” è infinito, come è stato dimostrato dai relatori che si sono avvicendati nel corso della serata.

Dopo  saluti d Franco Minervini presidente di “Puglieuropa” , è intervenuto Nico Veneziani, medico, esperto di tradizioni popolari, che ha moderato l’incontro.  Veneziani ha fatto una lunga disamina sulle origini e la classificazione delle superstizioni. Il suo interessante intervento ha coinvolto e divertito simpaticamente il numeroso pubblico presente, che ha mostrato alto gradimento all’argomento trattato.

  Vittorio Polito, giornalista e scrittore, nel suo intervento ha fatto un po’ la  storia della superstizione, stigmatizzando  che il fenomeno della superstizione riguarda anche una fascia di popolazione battezzata e che si professa cristiana. Passando quindi in rassegna gli oggetti di uso quotidiano che sono oggetto della superstizione, i periodi della sfortuna, gli animali da tener d’occhio e le azioni rischiose che i superstiziosi evitano accuratamente.

Rosa Lettini Triggiani, attrice  scrittrice, ha declamato il suo monologo “La Iettatùre” . Quindi Emanuele Battista poeta e commediografo,  ha declamato una sua poesia intitolata “U destìne” che ha molto divertito il pubblico.
Concludendo la serata, Rosa Lettini Triggiani ha declamato la poesia di Vito De Fano “La scarogne de  Gnazie Spine”, che propongo ai lettori del “Giornale di Puglia”.

La scarogne de Gnazie Spine
di Vito De Fano

Se lagne sule sule Gnazie Spine:
Me spàreche! Megghièrme m’ha lassate,
m’ha sciùte a fallemènde l’Officine,
la case ca tenève ha scaffuate!
Sò stanghe de sta vita disgrazziate,
o sorta mbame, ormà sime a la fine! -
E ammène atturne l’uldema uardate
come pe disce Addì, munne sassine!
S’arracchemànne l’àneme o Segnore:
Perdùneme, no u fazze stu calvarie…
E apponde la pestole dritt’o core.
Po’ jalze l’ècchie e vète u calannarie…
Degessètte?! Gesù! N’alda zampogne!
No me spàreche, no, porte scarogne!

       
                                                                                                                               
     
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DAL 18 MAGGIO 2014 SUL "CORRIERE DEL MEZZOGIORNO" (CORRIERE DELLA SERA)

Messaggio  Vittorio E. Polito il Gio Mag 22, 2014 4:19 am





BARI AL VOTO CON 96 DUCATI
di Vittorio Polito


Nell’anno 1989 lo storico Vito Antonio Melchiorre, forse per recuperare l’orgoglio di essere baresi,  pubblicò per Levante Editori una interessante e voluminosa opera di oltre 500 pagine,  che descrive la cronologia delle amministrazioni  comunali di Bari dal 1806 al 1989. Secondo lo storico barese il Comune è senza dubbio una delle maggiori istituzioni cittadine dal momento che la maggior parte delle attività  pubbliche si svolgono e gravitano intorno ad esso da duemila anni.
Gli Annali di Tacito riportano che la data di nascita è attestata perlomeno al 66 d.C. e la sua notevole attività è testimoniata dai numerosi documenti esistenti negli archivi e dai quali si rilevano fatti e curiosità come le assemblee alto-medioevali dei boni o noviliores homines, i parlamenti cittadini del basso Medio Evo, le Università dell’Età Moderna, i decurionati dell’Età Contemporanea, i consigli comunali degli ultimi 150 anni circa. Il Decurionato, una sorta di giunta comunale, dal tardo Medioevo (sec. XVIII e XIX), era incaricato di sovrintendere alle attività dei numerosi Comuni italiani.
È noto che l’occupazione del Regno di Napoli da parte delle armate francesi da1806 al 1815, segnò anche l’inizio di profonde modificazioni di Bari e di altri centri pugliesi della costa: l’istituzione della «società economica» e la fondazione del borgo murattiano. Furono così soppressi i feudi insieme a tutti i privilegi e diritti, estendendo alle terre feudali le comuni norme giuridiche, tributarie, ecc. nominando una speciale Commissione feudale della quale fecero parte lo scrittore e giurista  Vincenzo Cuoco (1770-1823), e Davide Winspeare (1775-1847), avvocato e giurista. Nel giro di qualche anno furono soppressi gli ordini religiosi ed i conventi, furono secolarizzati ingentissimi patrimoni ecclesiastici, ma tutto ciò non servì a rimpinguare le finanze dello Stato, dal momento che non  si trovarono acquirenti dei beni e quei pochi venduti furono ceduti a prezzi molto inferiori al loro effettivo valore. (Senza scomodare i famosi “Corsi e ricorsi” di Giambattista Vico non risulta che, ad oggi, la situazione sia cambiata.)
Per la ripartizione degli oneri fiscali fra i distretti (circoscrizioni interne e provincie) ed i comuni, furono istituiti dei Consigli provinciali e distrettuali incaricati di controllare entrate ed uscite, nonché  l’attività dei sindaci intendenti e sottintendenti.
Per l’esercizio dell’elettorato attivo e passivo la legge dell’8 agosto 1806 impose  il possesso di un censo da determinarsi in  base all’entità della popolazione dei singoli Comuni. Per Bari, che superava i seimila abitanti, fu fissato un reddito minimo di novantasei ducati, mentre erano richiesti per l’eleggibilità alle altre cariche rappresentative 960 ducati per i consiglieri distrettuali e ben 1920 per quelle a consiglieri provinciali. (Queste cose andrebbero ricordate a chi contesta la nostra tanto vituperata democrazia. Sapere da dove si viene ci rende più consapevoli del percorso realizzato e ci induce a non tornare indietro. Che poi la perfezione sia una chimera non autorizza nessuno a tornare ai tempi dei 1920 ducati...).
Qualche curiosità: il 4 settembre 1811, il decurionato, a proposito del suono abusivo delle campane delle chiese, deliberò che ciascun suono non doveva superare la durata di 10 minuti, mentre la prima delibera consiliare dattiloscritta datata 4 luglio 1918, conferisce la cittadinanza barese nientemeno che al Presidente degli Stati Uniti d’America, Thomas Woodrow Wilson (1856-1924). Il 24 novembre 1946, in occasione delle elezioni comunali, fu presentata una lista il cui contrassegno riportava l’effige di “San Nicola”, lista che ottenne ben 34.287 voti e 24 seggi, contro i 6.682 e 4 seggi della lista “Scudo crociato”, mentre il Re Gioacchino Murat con decreto n. 182 del 26 settembre 1908 fece trasferire da Bari a Trani il Tribunale di prima istanza e l’Intendenza. Il 23 agosto 1810 compare per la prima volta nell’ordine del giorno del Consiglio Comunale il vocabolo francese badget.
L’interessante testo fornisce anche l’elenco dei Sindaci di Bari dal 1346 al 1989, dal quale si rileva che il primo sindaco di Bari era un nobile e si chiamava Nicolò de Piltro.
Il piano per il nuovo Borgo, datato 30 giugno 1790, pur approvato dal Re Ferdinando IV di Borbone l’8 dicembre 1790, rimase ineseguito per vari motivi. Il progetto fu rielaborato dall’architetto Giuseppe Gimma (1747-1829) ed approvato dal decurionato nella seduta del 14 settembre 1812.
Un’ordinanza dell’Intendente di Bari del lontano 1819, a dimostrazione che i frutti di mare sono stati sempre sacri per i baresi dispose, a proposito dei riposi dei negozi nei giorni festivi,  che le attività di barbieri e marinai erano autorizzate a svolgere liberamente le rispettive attività pure nei giorni di festa. (Questa ordinanza mi porta ad una riflessione che, senza alcun altro fine, giro ai Governanti futuri della nostra città: recuperare, in ogni circostanza, il buon senso – quasi mai parente del consenso  - potrebbe essere la ricetta per far crescere, in maniera indolore, la nostra magnifica Bari).
 
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

CALA IN ITALIA L'USO DEL DIALETTO E DI ALTRE LINGUE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Ott 29, 2014 2:52 pm


 
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

Re: VARIE! VARIE! VARIE! VARIE! VARIE! VARIE!

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum