POESIE E DINTORNI

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Bre j nu paj'se / DA PARTE DI FRANZ

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 9:13 am

da parte di franz
Da Admin il Lun 3 Mar 2008 - 10:17

Bre j nu pajse
ka vne da lendne
da lendne ass.
Potsse ka j ine de le pajse
cchii andche
dIdglie.
Ngoccheine ha scritte
ka Rme jnnte dpe de n.
Ha parlte Plnnie,
Orzzie,
ettandlde,
epp so vente le lombrde
langione, laragonse, le svve, le normnne, le borbne,
non me le ste fascnne mtte ine ndretalllde
epp le frangse
snza scherdnge ka le romne
usvane Bre comanuconfne
dumilanneapprme
de cde galandme de don Carlccie Lve
ennommevgghjie skerd de Snda Necle
cde ka vne da Mre.
Marrecrde ka llda d
nu loffiandne
ka stevaff la cdallapste
cazz nu pde a ine
eccde cu pde cazzte desc
eh! Snda Necle!
U loffiandne nge redrene le sjenze
e ttte chendnde, u scemne,
desc
u lo stadio!
Epp u amche m
Giosu
kha fatte le scle jlde
ha scrtte ka tandnnef
passrene dad le saracne.
Epp Besnzie erRme
fascvene nu srte de gebbellre
plle chisere lre e peccme savva preg.
Non nge sme scherdnne du glfe de Venzzie
e de le bastemjende a vapre ka partvene d muele SantAndnie
e dalla duane.
E d mste allandrte ka fascve le zoche
nnanzopetruzzlle.
Epp so vente le tedjesche
epp le mericane
epp radiobbre
epp Tot, Macrie, Wandosirs, Nne Trde, Nte Navarrne, Vra Rlle, le frte Bons, BllerRve,
ke ttte le mgghjie vetazzele ka scvene adaspett le ballerne allasste ndrte o Petruzzlle
o da ndrte o Piccnne.
Epp j arrevate
Estr Vuillims
o cinemimbre
e Bn Crsbe e Dnni Ki
ku crdeche Pire Virgindne
e u fortne
e u msce debBre
epp le bnne militre da tuttumnne
epp u nfortnie de Cavne o scencchjie
pecclpe de nu terzne du Mdene ka se chiamve Silvstre
epp tandlde chrestine angre,
bbune, cattve, jlde, vsce, grsse, mzze, de dstre, de senstre,
du cndre,
epp venvene chde da la Jugoslvie
paccatt le gnze mercate de via Calefate o spnde de via QundiNoslle
epp so acchemenzte avven domare, da ttte le vnne
nzmme nabblla stria lnghe
lnghe ecchine de ftte e de vte
e de cse mbortnde ass e penndde mbortnde.
Ttte ftte knna jsse scrtte epparlte
jnde alle csere, mmnze alle strde, alluniversit,
add saccttene le lbbre
qunne se mnge ammenzad e alla sre.
De na cse per me fzze ammaravgghjie ass
perc nescine m se ngzze o non prle
de cuddnne, me pre u millenovecjiendeettrnde,
acqunne nge levrene u mre abBre vcchie
acqunne nge screne aff chda strde de czze sttallamergghjie
ka levve u mre da sottalavndre du pase andche m ?
Uagnne! S passte settandnne
ennescine n m parlte angore!


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 2:58 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

La Chi Mgghia Cett

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:21 pm

Da armando santoro il Ven 7 Mar 2008 - 17:28

La Chi Mgghia Cett
La chi mgghia Cett du Munne,
avssa ten nu Lungomre
lecnde e cristalline,
da mbriacrte lcchie da la sre a la matne.
Add vlene palmme e gaggine vagabbnde,
auuandnne psce e salppece da spallnde.
---
E attrne a stu mre, chjne de profme,
nu puertecdde, Ndrra-na-Lnze,
che tnde psce frscke de paranze,
nzime a czz, rzz e pulpetdd,
ca te fscene arrezzu pezzng le capdde!
---
E apprss angre, na blla Cett andche,
che na Chisia grnn e nu
Snd chi grnn,
c'va f mmiddie a ttt u mnn,
e protggesce pecciuatdde e marenre,
acqunn se ne vnne a pezzec che le lambre.
---
E pe css Snd, na festa grnn, n primavre,
che cjnde vrche e varchecdd,
festegginne nzime a tnda pellegrine,
ca uaspttene dermnne sotto Fortne.
---
E appriss a css nu Castidd bellass
nu vre ngnd sle a uard,
ca defennve u pbble
da delingund e malandrine,
ca venvene ad arrebb jnda sta Cett pre le gaddne.
---
E apprisse angre, nu Purte grnn ass,
da d prtene tnda nve senza vle,
grnn coma tnde grattacile,
scnne nnnze e drte da lOriende,
che tanda crestine e tnda rbbe sopa le bastemnde!
---
E po, jnda cjnde strte andche,
tu sjnde n addre ca non te dche,
pe tnda tine ca jssene da nu frne,
e abbabiscene chdde strte, attrne attrne,
---
Che naddre de besctte, tarlle e cartddate,
paperss mbettte, e temblle avvambte,
maccarno frne, sgaglizze e pupzz,
nzime a tandlde cose e pre a la salzzz!
---
La chi mgghia Cett du Mnne,
a mm prbbie me pre,
avessa jsse coma Bbre!
armando santoro


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:01 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

una poesia / Santa Vetturi

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:23 pm

una poesia
Da santa vetturi il Gio 24 Apr 2008 - 1:41

Sentivo stasera alla TV una notizia, passata cos, fra tante altre, e il cuore mi si riempito di tristezza.
Poche parole per liquidare il dolore e farne solo oggetto di una fredda cronaca giudiziaria. Facciamo presto a dimenticare, troppo presto, ma certi avvenimenti ti rimangono dentro, sedimentano, e poi, quando ci si riesce, trovano la via consolatoria della poesia.
Il nostro dialetto, per me, l'ho gi detto, lo strumento per dare voce all'anima, e non importa quanto efficace sia, quanto "perfetta" sia: ci che conta il sentimento che vi dietro.
Ecco, voglio condividere con voi una mia cosa, che ho appena finito di scrivere, a notte fonda.
Per ricordare, e per riflettere.


Stvene d uaggnune berafatte
camore addemannvene a la vite
e na famigghie coma tutte lalde
ca se velve bbene e ive unite

Ma da la vite ce navonne avute
tandamarzze e tande pateminde
cess comassule se s sendute
sbattute nnanze ndrte como vinde

E ppurassule s scite a mmer
abbassce a na cestrna maledtte
nesciune ca sta vosce la send
nesciune ca naite m nge dette

Ce sorta ggnore poveridde a llore
da dd e da dd le stvene a cerc
quanda rremore atturne a Ciccie e Tore
e sottallcchie mangha chiamend

Ma ce nge colpe de sta fina triste
la mamme o cuddattane svendurate
c ggerate la cape e non vviste
o c sapve e o sbande l lassate

O tutte n ca u timbe non acchime
pe st dreta le pecceninne neste
avaste ca le cose nge accattme
e nge sendme a pposte e tandonste

Non i acches e nn ca sime granne
u-avssema sap ca i sbagliate
e ca le figghie se fasce nu danne
ce apprisso ppane non nge dame u ffiate

A penz a st d ineme bbelle
me chiange u core de malenghen
ma me piasce a mmagen ca s d stedde
ca m lscene damore nnanza Dd

Pu ddelore ca sendrene a sta terre
pu future lore c state arrebbate
a le figghie m stasre na carzze
e da m dannze u sacce s cangiate
santa vetturi



la sintesi di Santa Vetturi
Da Admin il Gio 24 Apr 2008 - 8:34

Qualora ve ne fosse stato bisogno ecco qui un verso della Vetturi che spiega ancora una volta la potenza della sintesi che solo la poesia pu dare:
ce apprisse o ppane non nge dame u ffiate
Complimenti signora Vetturi! E grazie per avercelo detto qui!
Franz Falanga


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:03 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Da Armando Santoro che ci invia una poesia di Vito Bellomo

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:26 pm

LA MALASORT DU PULP BARES - (VITO BELLOMO)
Da armando santoro il Ven 25 Apr 2008 - 11:30

il video di questa poesia, molto divertente, la si trova
anche su YOUTUBE selezionando come ricerca il nome dell'autore VITO BELLOMO.
Vale proprio la pena di
ascoltarla e ringrazio l'autore per aver esaudito la mia richiesta,
inviandomela via e-mail

LA MALASRT DU PULP BARS LA MALASORTE DEL POLPO BARESE
Mmnz a tutt lanml ca stnn omnn
st in ca ind ammr,affnn affnn,
pass la vitas jnd a nu mod strn,
dscjn ca i fess e ca m adventanzin.....

......U pulp!Tnr dcor,dla pls innamrt
e stu fatt,sop alla terr, tant sha sputtant,
ca ppizzcuh non gjvol tandesperinz,
avst nu spgh,nu stezz dpls e la pascnz.

La chdd du pulp,allr,i na vitamr,
ma uchi sfrtnt i cudd ca nscj a Bbr:
la vita s,i norml,allald vnn dla trr,
ma,dd pjdd,i na traggdj,i pscj d'na urr.

Appn ven pizzct,accm ved la prima lscj,
allanvm nu muzzkngp,angr snfscj;
e minz stirdscit,pu dlr e pu scjknd,
jnd annudd ssenddtr tutt lmalndr.

Non fscjattmb a pnz:Ma cuss i mmtt?...
Ca uBars uaund e uackmmnz a sbatt
ktutt la forz e lnirv sop all chiangn,
lcirr sarrzzscjn e iss tanda scjkm.

La tortr non ha frnt,u Bars insst
e fort skduscj upulp ind ocanstr:
cert ,ptutt esst la nscjt,la vit e la mort,
ma la chedd du pulp bars i na vera malasrt!


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:05 pm, modificato 2 volte
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Vituccio ci invia una poesia di Vito Bellomo "COM CI FOSS LA PRIMA VOLD

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:30 pm

Una poesia per San Nicola
Da vituccio il Gio 8 Mag 2008 - 15:48



COM CI FOSS LA PRIMA VOLD di Vito Bellomo

Mnz alla fodd,o mul,aspttck ca Tu sbrck,
cr Sanda Ncl,da sop a chedda varck;
ogne inn,lemozin,i semb la stess
e i,com ci,j,pla prima volt, tvdss.



Da qunt pas,lpllgrn,arrvn a mggj,
a prtrt devozin e a cjrcrt ucorggj
pkmmtt na vita trist e chin dproblm,
e,pnn,i semb nu prscj,acqunn lvdm!



E,a te,dcanscj tutt umunn,Sanda Ncl,
gent dogne religin,ca tchim com vol:
Nicolus o Santa Klus,ca i Pap Natl,
nu Sanda Ncl binck knu sack drgl....



Tutt lBars sstrngjn attrnatt,Bbr
sappccj a fest e signj,ulungomr
dbancarll chin dncdd,trrn e lpn, ,
e man piccinnn strngjn fil dpalloncn.



Eck,Tu mo sta vinn in pricjssin menzann,
scorr na lcrim a nu vcchj,sarcrd la giovent;
e lcchj,da nguddatt,lilz,chin, fin o cil.....
Ci fu dlcj,cudd prim vas,a piazza Mercantl...



E Bbr vcchj addr dghimrdd e salzzz,
dfczz e mortatll,dsgaglizz e popzz;
po,tutt a cjrc,alla mrgghj e o lungomr,
la chi mgghia posizin pvd uspr.



U prim razz binc,jnd o mar sspcchj,
volnn in rj e sckdunn Bbr vcchj;
po,in dret allald,na fantas dclr,
form brillnd ascnnn com all fir



e frnscjn a mar!Alla fin,nu silnzj stran
epp,com o titr,tutt che abbttn lman!
Aitcj tu,a vlrcj chi ben,cr Sanda Ncl......
......E...gj vdm uann cj ven,ci Crist vol.....!
vituccio


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:07 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

LA FESTE DE SANDA NECOLE DI SANTA vETTURI

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:32 pm

Il mio pensiero per San Nicola
Da santa vetturi il Ven 9 Mag 2008 - 21:18


LA FESTE DE SANDA NECOLE


Stasre ca pe Bbare i fsta granne[/size]
pu Sande ca nge d la protzzione
me snghe de sc ndrte de tandanne
e stu penzire appiccie lmozzione
U core vole apprissa le recurde
e la melanghen ferm non pozze
penzanne o timbe m ca ire vrde
da peccenonne fingha uaggneddozze

N uaspettmme da nu inno ulde
che le cheggine m ca imme sore
u-arrive de sta feste ca candave
la glorie de Sanda Necole ggnore
E ive chedda loccasiona giuste
pe ffange apposte nu vestite nve
ca nge u-avmma mtte pe stu guste
de fange acchiamend matine e sere

Quannarrevve la festa sovrane
a Bbare Vecchie scmme tutte quande
nge acchimme o magazzne de nu zzine
unte nzime peccennne e granne
Acchemenzve u Sette cu Chert
e po la scsa mmare de la stdue
la chiazza china chiene de ziaz
ca le vedmme coma tande fdue

Passvene da dd tande parinde
la scusa bbone pe stassassedute
No nge vedme chi da quande timbe
Tu come st st bbune de salute?
Necdde e spassa timbe a spezzeu
lepne e quatte chiacchiere ndramisce
de mamme le panne pe mangi
u timbe se ne scve ass felsce

E n napprofettmme uaggneddzze
pe scinge a ffa nu ggire o Lungomare
pu prisce dacchi le uaggnne a sfotte
senza chi ngudde u ffiate de nattane
Derve u gebell finga la sere
du ggiorne Nove che la pregessine
fernve che la gare de le spare
a notta chine dopallorazzione

Attneme u chi nziste nolggive
da nu marnre chedda varchecdde
ce maravigghie a sta ghed le spare
da mmenza mmare sotta lune e stdde
Pertmme apprissa nn d panzartte
ca sembe laccattmmo GrandItagglie
la masc de le lusce ngile e sotte
larmen de st acchecchiata la famigghie

Stasre nbsce stogghe sola ccase
e mmanghu voggha acchiamendue u Sande
mardeme la fodde no nge pisce
stu prisce m arrebbate stu brebbande
Nescine asptta Masce pu vestite
saccttene oggne d poggnoccasione
de zzineme u negzzie s achiedte
add s scite le cheggine bbone

E u timbe vrde m i ggi passate
chidde uaggnne se s ffatte granne
quanda crestiane Criste s pogghiate
e iosce sime n attane e mamme
Eppure sta serate ca i feste
me fasce angore mbitte emozzion
Sanda Necole ca i ssande neste
me sape sembe u core chenzu
santa vetturi


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:09 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

A proposito delle poesie di Santa Vetturi

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:35 pm

Da Admin il Sab 10 Mag 2008 - 15:53

Ragazzi, che devo dirvi? Che la signora Vetturi bravissima . E che gli altri poeti che scrivono nel nostro nobile dialetto bravissimi sono anch'essi.
Ad un fottutissimo vecchio come me, questi guizzi nel campo dela poesia fanno ben sperare, anche se ormai le speranze che qualche cosa che vada in porto sono ahim rarissime. Il problema come avvicinare i nostri figli, alla poesia. Secondo me questo il drammatico problema. Quando noi apprezzatori di tutti gli universi poetici saremo evaporati, ci saranno nuove voci? Molti mi diranno di s, mi diranno che sono fuori dal tempo, che non ho capito nulla. Vorrei sbagliarmi, ma sono stato per mestiere in mezzo alle giovani generazioni per quarant'anni, e continuo a starci. Hanno addosso un malessere e un nichilismo da far paura. Ritengo che noi dinosauri del neolitico si sia gli ultimi ad essere capaci di porre rimedio. Ma come? Agitando il dito indice nell'aria, facendo i paternalisti e i maternalisti? Dicendo: ai miei tempi? Nulla di peggio. E allora che facciamo per evitare il disatro completo?
Se non ora quando?
Franz Falanga
Localit : Provincia di Treviso




Dinosauri della poesia?!
Da santa vetturi il Lun 12 Mag 2008 - 0:52

Caro Franz (posso permettermi il tu, vero, anche se non ci conosciamo?!),
desidero anzitutto ringraziarti di cuore per l'apprezzamento che hai voluto esprimere alle mie poesie, troppo gentile da parte tua! A me fa strano ancora oggi sentirmi definire "poetessa", nonostante i tanti riconoscimenti...
Voglio dirti che dissento assolutamente con la tua visione della poesia nel mondo d'oggi, in particolare tra i giovani. A me sembra invece che essi abbiano ancora tanta "fame" di poesia, di quella letta e di quella creata: basta solo trovare le vie giuste per risvegliarla o semplicemente sollecitarla.
Posso affermarlo con tranquillit sulla base della mia lunga esperienza di docente, appena ultimata (tanti anni in una scuola di trincea e altrettanti in una scuola di eccellenza, dunque due punti di vista opposti). Ebbene, ho trovato in entrambi i casi un terreno fertile e credo (con grande umilt, ti assicuro) di avervi piantato dei buoni semi di poesia, e di poesia dialettale, che hanno dato i loro frutti, anche in termini di riconoscimenti esterni. Impossibile pensare che tutto sia andato disperso: se non nell'immediato, col tempo riaffiora, ne sono pi che sicura.
Come se non bastasse, ho un altro osservatorio privilegiato. Questo il nono anno che organizzo un premio da me ideato, "Creativit itinerante", e grazie ad esso ho potuto constatare come la poesia sia ancora una forma privilegiata di espressione per moltissimi giovani. Non siamo solo noi "grandi" a sentirla, e nemmeno siamo i soli a coltivarla.
Si tratta piuttosto di individuare i canali giusti per tirarla fuori dall'animo di questi nostri benedetti ragazzi. In questo concordo con la tua visione: non facciamo abbastanza, noi "dinosauri"!
E qui si potrebbe parlare all'infinito...
Santa

per Santa
Da Admin il Lun 12 Mag 2008 - 16:29

Gentilissima Santa,
Innanzi tutto grazie per permettermi di darti del tu. Per quanto riguarda i "nostri" ragazzi, mi sono certamente spiegato male. Quando parlo del nichilismo nel quale sono precipitati, la colpa di cui parlavo non insita in loro ragazzi ma nei grandi, nei prof. Sai benissimo che a fronte di persone come te (e spero come me) che "stavano civilmente insieme" agli studenti esisteva ed esiste una schiera di colleghi nostri, perfetti mestieranti che riescono a distruggere in un attimo quello che noi faticosamente edifichiamo in molto pi di un attimo. Lo sai benissimo ed di questo che volevo parlare. So benissimo che i nostri giovani sono affamati di poesia, basta vedere le loro facce quando vanno ad ascoltare Benigni e quando sono in presenza dell'INTELLIGENZA civile. Pensa tu che ogni volta che iniziavo una mia lezione, facevo recitare, a qualsiasi studente che lo avesse chiesto, una poesia. All'inizio dell'anno accademico mi guardavano come un pazzo, poi facevano cose di pazzi per poter leggere le poesie che avevano portato con s.
Parecchi saluti
Franz Falanga


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:11 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

aspettando Italia / Francia Vituccio invia una poesia di Vito Bellomo

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:38 pm

aspettando italia-francia........
Da vituccio il Dom 15 Giu 2008 - 22:41

Un regalo per i forumcoli sportivi da Vito Bellomo



ACQUNN SCICK LITGLJ...........

Ci scick lItglj , alleurop o all mondil ,
upas saffrm , latmosfr advnt irrel:
uvind mv lbandrr appnnt all balcn
e , mmnz all strad , non camn niscin!

E da sus a Bolzn , fin abbscj a Lampeds ,
n , Itaglin , non vdm lr , stm tutt nervs;
e finalmnd , unt da qualcheccs , upalln ,
sndm linn dMaml , e gpgghj , lemozin!

Lpartt s destt , dpomerggj , dser o dnott ,
lvdn pur lfmn , st ci fscj pizz e panzertt;
ognn vol st in compagn , e tutt lpnzrr
sparscjn , pd ir , jnd a nu fim dbbrr.

La pall a cntr , urbtr frskcj , e sackmmnz
a f vln , ammv lpit , vlssm st dammnz;
la primazina bbn , la pall sop alla travrs ,
st ci gastm e ci sfscj la crscj allammrs.

Ci pass la prima menzr , e stam zer a zer....
Ma ci ha kmbnt lallenatr , ma ci , adavr?
E uarbtr , com uha vist ufuorigick?No , rigr!
M , avm capt , v , ann gj vln sbatt daffr!

E spt vngj , e dvnt campin , e spt perd ,
e spdn pur fa , evgghj , cert fgr dmmrd......
Ma ognn dn , tn lrcurd s , dcert goll ,
dcert zmb sop odvn , accm all moll!

...E dcert grid o balcn , pna vittrj itaglin ,
dcort menz o cors , dnu bgnj jnd alla fndn ,
dlkcrm ca fors stvn gi anasknnt ,
dvas e abbrzz kcristin m canscit.

I la mag ca upalln , ogne tand , gj rgl.....
Pckt , ca p sparscj , passt la Nazionl;
ma , iscj , st da sciqu na partt senza sbglj ,
mtttcj tutt ucr , azzrr car , e.... forz Itglj!!!!


QUANDO GIOCA LITALIA.......


Se gioca lItalia , agli europei o ai mondiali ,
il paese si ferma , latmosfera si fa irreale:
il vento muove le bandiere appese ai balconi
e , in mezzo alle strade , non cammina nessuno!

E da lass , a Bolzano , fino gi , a Lampedusa ,
noi , Italiani , non vediamo lora , siamo tutti nervosi;
e finalmente , uniti da qualcosa , il pallone ,
ascoltiamo linno di Mameli , e ci prende , lemozione!

Le partite si giocano destate , pomeriggio , sera o notte ,
le guardano anche le donne , c chi fa pizze e panzerotti;
ognuno vuole stare in compagnia , e tutti i pensieri
scompaiono , per due ore , in un fiume di birra.

La palla al centro , larbitro fischia , e si comincia
a far veleno , a muovere i piedi , vorremmo essere l;
la prima buona azione , la palla sulla traversa ,
c chi bestemmia e chi si fa la croce al contrario.

Se passa la prima mezzora , e siamo zero azero....
Ma cosa ha combinato , lallenatore , ma davvero?
E larbitro , come lha visto , il fuorigioco?No , rigore!
Beh , abbiamo capito , dai , ci vogliono sbattere fuori!

E si pu vincere , e si pu diventar campioni , e si pu perdere ,
e si possono anche fare , eccome , certe figure di merda......
Ma ciascuno di noi , ha i suoi ricordi , di certi gol ,
di certi salti sul divano , come le molle!

...E di certi gridi al balcone , per una vittoria italiana ,
di cortei in mezzo al corso , di un bagno in una fontana ,
di lacrime che forse erano gi nascoste ,
di baci e abbracci con gente mai conosciuta.

E la magia che il calcio , ogni tanto , ci regala....
Peccato , che poi svanisca , passata la Nazionale;
ma , oggi , c da giocare una partita senza sbagli ,


Ultima modifica di Admin il Dom Nov 30, 2008 3:14 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

UNA POESIA DI FRANZ (IN ITALIANO)

Messaggio  Admin il Dom Nov 30, 2008 2:41 pm

PERO' E' IN ITALIANO
Da Admin il Mar 30 Set 2008 - 15:13

Tranne il titolo, il piccolo brano che invio in italiano, spero vorrete perdonarmi.

U rag

Per chi viene dalla parte nuova di Bari
e si addentra in una stretta stradina
verso
Santa Teresa dei maschi
il profumo
del rag il primo personaggio
finalmente importante
che gli si para innanzi.
Tutti quelli che aveva incontrato prima,
chess venendo da Via Sparano
o da via Melo
erano soltanto dei vuoti a perdere.

ciao da franz
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

BARI, AMORE E... POESIA

Messaggio  Admin il Lun Dic 01, 2008 7:26 pm

Bari, amore e... poesia
Da emanuele battista il Dom 11 Mag 2008 - 16:47

Cari amici, ho il piacere di comunicare che il 24 Maggio alle ore 18, 00 presso la sala consigliare del comune di Bari (sala E. Dalfino, c.so V. Emanuele 84), insieme ad alcuni amici, presenter la raccolta di mie poesie dal titolo "Bari, amore e ... poesia" edito da Levante Bari. Sar per me un onore avervi tra i partecipanti. Si parler ovviamente di poesia, di baresit e di amore. Vi aspetto, ciao.
Emanuele
emanuele battista


Messaggi : 2
Registrato il : 08/03/08
Et : 49




La poesia di Emanuele Battista
Da felicem.alloggio il Ven 23 Mag 2008 - 12:20

Cari amici forumisti,
al di l di come si deve scrivere il dialetto, penso che ciascuno di noi non debba
perdere l'occasione di ascoltare le poesie di Emanuele Battista perch i versi che io ho sentito in altra occasione e letto sul suo libro, sono un vero arricchimento dell'anima.
Spero che lo stesso ed ampio partrre che giorni f era presente al Seminario sul dialetto, sia presente anche alla serata che Emanuele ci ha preparato perch anche in questo modo si dimostra l'amore per il dialetto. Dir di pi, sicuramente pi del Seminario, una serata di poesia dialettale aiuterebbe a difendere la baresit e le nostre tradizioni che a volte vengono offesi con parodie, caricature e volgarit.
Ricordo a tutti che l'evento per domani 24 maggio alle ore 18 nella Sala Consigliare di Bari.
felicem.alloggio


Messaggi : 48
Registrato il : 21/02/08
Localit : Bari




a proposito di Emanuele Battista
Da Admin il Sab 24 Mag 2008 - 15:38

Mi riferisco al messaggio di Felice Alloggio "La poesia di Emanuele Battista".
Ho apprezzato il neologismo "forumisti" che faccio mio. E' un piacere sottile e raffinato giocare con le parole, inventarne di nuove, contaminare quotidianamente la propia lingua e i propri linguaggi.
Ho apprezzato la frase di Alloggio "...al di l di come si deve scrivere il dialetto..."frase che mi fa pensare che la grammatica italiana e la relativa sintassi siano s la nostra legge, ma grazie a Dio non esistono due scrittori italiani perfettamente "uguali" fra loro. Quel formidabile ragazzo che rispondeva al nome di Pablo Picasso conosceva come pochi le regole grammaticali e sintattiche del disegno con i risultati che tutti abbiamo sotto gli occhi. I linguaggi sono organismi e strutture vive e in quanto tali nascono si formano si deformano e muoiono, vedi le lingue morte ormai non pi modificabili.
Ho apprezzato la frase "...difendere la baresit e le nostre tradizioni che a volte vengono offese con parodie caricature e volgarit...". In questa nostra vita contemporanea abbiamo bisogno di tutto tranne che di volgarit e di stupidit culturale.
E per finire, voglio inviare i miei complimenti per stasera, per il passato e per il futuro a Emanuele Battista.
Se poi, al termine della serata, qualcuno di noi tampinasse e rammentasse ai reggitori della cosa pubblica barese che noi abbiamo gi il nostro cuore a piazza del ferrarese, nel vecchio mercato del pesce, beh sarenbbe cosa buona e giusta.
Parecchi saluti da Franz Falanga.
P.S. Non ho certamente raggiunto la perfezione, ma gli spaghetti alla sangiovannella che ho fatto oggi somigliavano al quaranta per cento a quelli di mamm.
Admin
Admin



Messaggi : 131
Registrato il : 16/02/08
Localit : Provincia di Treviso




Re: Bari, amore e... poesia
Da emanuele battista il Dom 25 Mag 2008 - 6:09

Ringrazio di cuore quanti hanno partecipato contribuendo nel rendere pi incantevole l'atmosfera che la bellissima e accogliente sala consiliare chi ha regalato. E' stata una serata speciale, meravigliosa, per me innanzitutto che l'ho vissuta da protagonista, ma anche per chi ha ascoltato coloro che mi hanno voluto offrire il proprio contributo per la presentazione: Adele Pulice Lozito (ha curato la prefazione), Emanuele Cazzolla (relatore), Alfredo Zippari (moderatore), Gaetano Romanelli (musicista).
Al di l, comunque, del successo personale, stata un'occasione per esaltare l'importanza e la bellezza del nostro musicale dialetto. Vi posso assicurare che c'era gente che ha poco a che fare con il dialetto, ma alla fine, salutandomi, mi ha manifestato con evidente sincerit, la soddifazione di essere stati presenti e le emozioni vissute nell'ascoltare le poesie. Sono stati toccati alcuni temi che caraterizzano la mia poesia: religiosit, i valori, le poesie ironiche, l'amore e infine Bari e la baresit. Molti messaggi sono stati trasmessi, e sono arrivati al cuore della gente, facendo vibrare le cordi emozionali. Per agganciarmi a quanto detto da Felice Alloggio e Franz Falanga, il dialetto ancora una volta si rivelato linguaggio immediato, genuino, che viene parlato nell'intimit, tra amici, che ci accomuna e ci fa sentire pi uniti. S, proprio cos, pi uniti. E questo quello che auspico a tutti coloro che hanno a cuore Bari e la baresit, dobbiamo crescere, dobbiamo rimuovere alcune convinzioni che ci fanno prendere posizioni divergenti. Per una buona volta prendiamo la cosa sul serio, la volonta c', vero, si visto nel convegno del 19 maggio. Costituiamo un comitato che lavori per difendere e valorizzare i nostri tesori (e sono tanti). Partiamo, ma partiamo da zero.
Emanuele
emanuele battista


Messaggi : 2
Registrato il : 08/03/08
Et : 49




PRESENTATO IL LIBRO DI EMANUELE BATTISTA "PANE AMORE E... POESIA"
Da Vittorio E. Polito il Dom 25 Mag 2008 - 6:51

Nella suggestiva cornice della Sala Consiliare del Comune di Bari, alla presenza di un numeroso e qualificato pubblico, stato presentato il libro di Emanuele Battista Bari, amore e poesia (Levante Editori, recensito da Barisera il 5 maggio scorso).

Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, Battista ha raccolto le sue poesie, scritte in dialetto barese, seguendo un filo conduttore che unisce il grande sentimento dellamore terreno a quello soprannaturale, amore profondo che tocca la sfera celeste. Si tratta di uno straordinario affresco di vita, di rispetto per la dignit umana, di amore per la propria terra e per la sua citt, di sentimenti ed emozioni spirituali, scritte con quel dialetto, che esprime la vera genuinit, la naturalezza della vita concreta, lautentico soffrire e sentire di un popolo, uno strumento che rafforza la comunicazione.

Sono intervenuti: Giuseppe De Santis, presidente del Consiglio Comunale di Bari che ha portato il saluto dellAmministrazione civica. Emanuele Cazzolla, giornalista, che ha fatto un excursus sulla poesia dialettale del 900 e quindi di quella di Battista, mentre Alfredo Zippari, cultore di poesia, ha presentato magistralmente le liriche di Emanuele che Adele Pulice Lozito, docente di lettere, ha sapientemente commentato.

Zippari ha sottolineato come lamore per Bari e per la baresit non poteva trovare miglior accoglienza che nella casa dei baresi, mentre ha definito Battista Uomo giovane con il cuore di altri tempi.

Nel corso della serata lautore ha declamato alcune sue poesie coadiuvato dalle performance musicali del giovane maestro Gaetano Romanelli.
Vittorio E. Polito


Messaggi : 127
Registrato il : 17/02/08
Localit : Bari
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Riflessioni sparse con Omaggio poetico a VITO DE FANO

Messaggio  Ospite il Mar Feb 03, 2009 3:25 pm

RIFLESSIONI SPARSE DI UN FUORISEDE

A cura di Francesco SIGNORILE





Parla un po di te! (mi stato suggerito)



Potrebbe sembrare la traccia di un tema scolastico, di quelli che ti arrovellavano la mente per le tonnellate di cose che si sarebbe voluto dire, ma che comportavano il rischio di farti straparlare con il risultato di metterti troppo in mostra.

Ancor pi, diventa difficile farlo quando si sono buttati gi dei versi, in modo elementare, sotto la spinta del rispetto e della stima di una persona che ormai fisicamente non pi, ma che vive nei cuori di quanti hanno letto quello che ci ha lasciato (ndr. trattasi di Vito DE FANO a cui sono dedicatati da Franceso Signirile i versi riportati in calce alle riflessioni).



Ritengo che da piccoli, incalzati dalla emozionalit di forti sensazioni o esperienze coinvolgenti, un po tutti abbiamo provato a scrivere versi per esternare o esaltare a modo proprio situazioni dalle quali in quei momenti si veniva totalmente plagiati.

Anche a me in passato successo questo.

Il primo corteggiamento, il primo bacio, la prima volta che si avverte dentro di se un enorme vuoto, ma traboccante di..pindarici sogni che premono per essere catapultati fuori, era allora che si prendeva carta e penna e si volava tra le nuvole, anche se vi era un cielo terso, rincorrendo parole difficili per sensazioni semplici.



In famiglia, normalmente, si parlava litaliano studiato a scuola e, magari, anche facendo attenzione e non usare la cadenza propria di Bari, piuttosto aperta e strascicata; con mia madre, invece, cera una muta e condiscendente intesa allutilizzo della lingua dialettale del paese di dove venivamo: GRUMO APPULA.

Arrivai a Bari che avevo solo cinque anni e.. un dialetto nettamente diverso.

Se volevo farmi accettare dai miei coetanei, dovevo imparare presto la lingua barese che usavano tutti gli altri ragazzi e che si modellava nei toni e nella animosit della discussione a secondo che si trattasse di giochi, di liti, di presa in giro o altro.



Continuamente sia gli insegnanti che i genitori ci redarguivano se ci sentivano parlare in dialetto; non corretto non educato erano le parole che usavano, ma cos ci creavano, inconsapevolmente, un vuoto culturale e di tradizioni che ha affiancato i giovani dellepoca fino a tarda et.



Un lumicino tenue si accese nella mia mente dopo la morte di mia madre con la quale avevo sempre continuato a parlare in dialetto; quel lumicino mi ha illuminato sullimportanza e su quanto costava non poter parlare la lingua che per me, era e lo ancora, fondamentale per esprimere i sentimenti pi semplici e reconditi.

Ho capito quale insoddisfazione pu creare il mancato utilizzo di espressioni colorite dialettali che in italiano non trovano uguale rispondenza.

E stato cos che la mia ricerca e i miei sforzi sono stati indirizzati al perseguimento dellobiettivo di creare la condizione affinch i giovani, i ragazzi, i bambini e quanti lo desiderano, possano imparare a riscoprire la cultura antica, dialettale, di tradizioni della nostra Bari che nei secoli ha accumulato montagne di esperienze.



Tutti noi, credenti nel patrimonio che i nostri predecessori ci hanno tramandato, abbiamo lobbligo, quindi, di dedicare il nostro impegno affinch lo stesso venga consegnato ed amato dalle generazioni future.





















OMAGGIO A VITO DE FANO



Lalda di ss sscite allAbline

ca i u tidre de Vite Segnorile;

idde i bbrave ma nonn- u patrune,

e dd iinde fasce u-attre e u derttre.



Stvene tutte dd no pe ff rite

solamnde perc fascne u mestire

de iesse attori comici e ppure bbrave,

ma perc so iommene de BBare

e vvlene bbne a ine com a llore.



Ine ca tenve core e sendemnde,

acchiamendve atturne totte la ggnde

quanne scee pe strate e stratucchi;

saggnve de fattaridde e fandas

pe sscrive cu diltte le paus.



VITE DE FANE ive u nome su

e ttnde de cappidde ngama f

pe totte le paus ca nge ha lasste;

e le chemmdie e larragamnde

ca se pdene send sule a BBare vcchie



Ce ttu le lsce assle e cchine cchine,

Te sinde arrezzec tutte le carne

Perc te pare ca te pgghie u vrazze

E tte porte attrnattrne pe prev

Lesperienze de cudde ca te dsce.



Totte le cose ca Vetcce ha sscritte

Te fscene cansce veramnde

Come ive la vite a BBare vcchie,

e lomgge, ca pednne ngama f,

i de mbr a llsce chdde parle

parrecherdlle smbe

e tenlle stambte iindo core.



Francesco Signorile 24, gennaio 2009


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

BARE M di Vittorio Polito

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Feb 03, 2009 6:51 pm

da
BARESIT E MARESIT
di Vittorio Polito
(Levante Editori Bari)


BARE M

Tu s come nu beghentte
ca berefatte e saperte
ijnda ijnde, sope e sotte
me d priesce e predte!

Tu s dolge, s na mamme
ca che cuddafftte ndelecte
mappicce u cre che na fiamme
ca mallasse mbriacte!

Tu s nu fiore de checzze
ca vrde vrde, prefemte,
nzimo rise, patne e czze
fasce nu piatte prellebte!

Tu s granne como prisce
ca m auuande acquanne j sre
e me porte Mbaravise
abbrazzate che la megghire!

Ass paijse s canescite
viagginne d e d, a zeffunne
allalde vanne stogghe sperdte:
tu s la megghia citt du munne!







BARI MIA

Tu sei come un bocconotto
che ben fatto e saporito
nel mio intimo, sopra e sotto
mi d gioia e desiderio!

Tu sei dolce, sei una mamma
che con affetto delicato
accende il cuore con una fiamma
che mi lascia inebriato!

Tu sei un fiore di zucchina
che verde verde, profumata,
insieme al riso, patate e cozze
realizza un piatto prelibato!

Tu sei grande come la gioia
che mi prende quando sera
e che mi porta in Paradiso
abbracciato con mia moglie!

Assai citt ho conosciute
viaggiando qua e l, in abbondanza
ma alle altre parti sto sperduto:
tu sei la migliore citt del mondo!

Vittorio Polito
16.10.2008


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Gio Feb 19, 2009 3:45 pm, modificato 3 volte
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 976
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

L'INFINITO DI GIACOMO LEOPARDI IN DIALETTO BARESE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Feb 18, 2009 3:39 pm

Giacomo Leopardi
(Recanati, 29 giugno 1798 Napoli, 14 giugno 1837).
Poeta, filosofo, scrittore, filologo e glottologo italiano.

LINFINITO

Traduzione di Giuseppe De Benedictis
(Giudebbe)

Le so tenute semme ijnde ocore:
sta aldure sola sole e chisse chiande;
non fascene vd dd mbonde a mbonde
ce sta chi drte a m, ce sta chi nnande.
Assise, vche e non me stanghe,
e mtte ca me allasse la pavure
me fngeche nu larghe granne granne,
chi granne, chi de a ijre, josce, e cr,
ca u cervijdde ma pote penz,
add non sijnde frusce de na sckosce,
ce pasce te st dda, affunne affunne.
Sndeche na bavtta chinda chinda,
ca frusce fronza e fronze; j na vosce
e chessa vosce u fazze nu combronde
che chedda ca tu m, non sijnde m
e vosce j, ca m fernesce, m,
j, come du mer e du camb.
Ce cosa granna granna ca j chesse.
Dd u penzijre m j ca se nche,
e dolge dolge me ne voche mbunne.
________________________________
Dd = l; mbonde = punto lontano; assise = seduto; e picche = e poco che; me allasse = mi lascia, o mi lasci; me fengeche = mi fingo; cr = domani (da cras); frusce = fruscio; sckosce = pulviscolo; affunne = profondo; sndeche = sento; bavetta = venticello fresco; chianda chianda = tra pianta e pianta; ca frusce = che fruscia; fronza fronza = tra foglia e foglia; nu combronde = un confronto; chedda = quella; ca = che; non sijnde = non senti; m = mai; se neche = si annega; mbunne = in fondo.

Sempre caro mi fu questermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dellultimo orizzonte il guardo esclude
Ma sedendo e mirando, interinati
Spazi di l da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien leterno,
E la morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Cos tra questa
Immensit sannega il pensier mio:
e il naufragar m dolce in questo mare.

________________________________________
Da Canti di Giacomo Leopardi tradotti in vernacolo barese
di Giuseppe De Benedictis (Giudebbe), Schena Editore, Fasano, 1987


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Lun Apr 20, 2009 6:02 pm, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 976
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

L'INFINITO DI GIACOMO LEOPARDI IN BARESE

Messaggio  felice.alloggio il Gio Feb 19, 2009 7:13 am

In questa traduzione dialettale che il De Benedictis fa di una poesia del Leopardi,
nell'uso sistematico della lettera J insita una lode che l'autore fa tale segno ortografico.
Anche questo poeta va letto, anche la sua scrittura va tenuta in debito conto nel
lavoro che si sta svolgendo nel Seminario.
Felice
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

INVITO ALLA DISCUSSIONE

Messaggio  Admin il Lun Apr 20, 2009 6:06 pm

Mi sono scocciata di vedere che questo forum langue... allora ho deciso di venir meno alla promessa di non "allietarvi" pi con le mie poesie e ve ne mando un'altra... un po' come una provocazione, o per meglio dire un invito alla discussione.... insomma... vogghje f l'appicciafuche!!!

Dalla stessa poesia capirete facilmente su che argomento verte il confronto delle idee.

CE PENZATE di Santa Vetturi

Ce penzate c avute u-assessore
de chiand st fendane mmenza mmare
nge attocche de secure cussanore
ca ffatte chi modrne u Lungomare
Ma come nge mmenute chessid
cess da ce cappjidde nge avassute
n Barjise u velsseme sap
potsse ca Ginvre jve scite

Lava jsse viste mmenza cudde laghe
nu spruzze jalde jalde fingo cjile
s ddate po da f coma nu maghe
A Bbare lamannusce chidde bbive!

E da na d allalde s spendate
o Lungomare coma tande fiure
st fendane caller nge onne pertate
nge ammanghe solu sceche de chelure
Non fosse ca camnene a segghitte
s chi le volde ca stonne stetate
e ppure ca ce ammne u Majstrale
te pote capet dsse affecute

Naccquste vere s chisse fendane
pe Bbare noste ca penzo future
nge donne nrie chi ndrnazzionale
s bbelle sotto sole e acquanne j scure

Per josce s passate o Lungomare
ndramnde ca no stvene n-funzine
me s fermate a chiamend ngandate
stu panorame chine demozzione
A la rive chiane se sfrangve londe
e ass lendane u sguarde se perdve
u sprefume du mare e laria dolge
e ngore tanda pasce me sendve

Me s addemannate allorea ce vvale
ce onne agginde st fendane o paravjise
la beddzze ca gi tene u Lungomare
avaste a jggne lcchie a n Barjise


Allora... che ne pensate? Non della poesia, ovvio, ma delle fontane.
Ciao a tutti
Santa
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

LA BEFANA. Poesia di Augusto Carbonara

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Gen 06, 2010 7:33 pm


Ricevo da Augusto Carbonara e pubblico per gli amici del dialetto

La Befane
Quanne vene la Befane
chetrarrive tramendane
Ndra mendagne ialde ieve
vende annusce e tanda neve.
La Befane vene a notte
che le scarpe menze rotte,
rappezzate i la settane,
vive, vive la Befane!
A le brave annusce dune
a le ciucce anghe carvune,
ma promesse avonna d
de pestrgghie chi non f
Se laspttene e le uagnedde
le uagnune e grannecedde
Nu scolline pe pap
u chi mgghie ca nge sta.
A la mamme u reggesene
ca chi bedde non ne tene;
tutte pizze i chessa mise
coste scchere de terrise.
Ndra le fmene e uagnedde
chessa i certe la ch bedde.
Tavuine so aggestate:
miere, frutte e carteddate

Augusto Carbonara per gli amici del dialetto barese (06)


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Lun Gen 11, 2010 6:25 am, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 976
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

SUOR ELIA DI SAN CLEMENTE E LA LIRICA DI GIUSEPPE GIOIA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Gen 10, 2010 4:55 pm


Dal "Notiziario S. Croce" Anno 19 n. 1, gennaio 2010, pag. 16

LA BITE ELIE

O spunde de case, a pertate de mne,
sta u manastre de le Carmelitne
che na chiessidde smbassidute
ca i nu tresre ass aggrazzite



Susa suse a cudde frabbecte,
jnda na celltte ass delecte,
Suor Elie da la matne alla sre
pregve a Criste che core sengre


U Cregefisse, na sgge e u litte,
agnvene lambinde stritte stritte
add chendnde e cu serrise,
pe settanne e itte mise


che la salte tottacciaccte,
de tutte le chelre ne ive passte
e la malat ca tenve ngudde,
nge larrebb uagndde uagndde!


Da chdda stanztte, benedtte,
che tnda divozzine assrene le scrtte
de cudde cervidde ndellignde e pure
ca de scole non tenve culdure


Dolge dolge e ass alignde,
nasc, jnda cudde cervdde snde,
na poas sengre e allemente
da u Padreterne ca lavve capte


Dalla celltte, chdda lusce,
nzmalle scrtte se mett a fusce
e comu fare ca da sopo mule
ammne la lusce jndo cile


e non ze navvrte ca chine chine
slve le marenre da la tramondne
adaches chidde scritte, da tanne,
ignene de Grazzie ogne vnne


e alle crestine, auandnne u core,
mbarene la strate de lAmore
ca la Bite Elie, che cudde serrse,
nge disce ca va Paravse!

LA BEATA ELIA

Allangolo di casa, a portata di mano,
sta il monastero delle Carmelitane
con una chiesetta sempre in ordine
che un tesoro assai pregiato



Sopra sopra a quel fabbricato,
in una celletta assai delicata,
Suor Elia dalla mattina alla sera
pregava Cristo con cuore sincero


Il Crocifisso, una sedia e il letto,
riempivano lambiente stretto stretto
dove (Suor Elia) contenta e sorridente,
per sette anni e otto mesi


con la salute malandata,
di ogni colore ne ha passate
e la malattia, che la tormentava,
ce la rub giovane giovane!


Da quella cameretta, benedetti,
con tanta devozione uscirono gli scritti
da quel cervello intelligente e puro
che di scuola non aveva cultura


Dolce dolce e assai elegante,
nacque, in quel cervello santo,
una poesia, sincera e illuminata
dal Padreterno che laveva prescelta


Dalla celletta, quella luce
insieme agli scritti si dette alla fuga,
e come il faro che dal molo
diffonde la luce nel cielo


e non saccorge che pian piano
salva i marinai dalla tramontana
cos quegli scritti, da allora,
riempiono di Grazia ogni luogo


e alle persone, catturando il cuore,
insegnano la strada dellAmore
che la Beata Elia, con quel sorriso,
ci dice diretta al Paradiso!

di Giuseppe Gioia


Suor Elia di San Clemente nacque in Bari, da genitori veramente cristiani: Giuseppe Fracasso e Pasqua Cianci, il 17 gennaio 1901 e fu chiamata Teodora. Da bimba frequent le scuole delle Suore Stimatine e poi il loro laboratorio, dove si distinse per la bont danimo e per leccezionale spirito di preghiera e di raccoglimento.
Il 7 maggio 1911 ricevette la prima comunione e a 14 anni divenne terziaria domenicana. A 19 anni entr nel Monastero di San Giuseppe, lunico del Carmelo che, per particolari disposizioni, aveva pure un Educandato. Il 24 novembre 1920 ricevette il S. Abito della Regina del Carmelo, col nome di Suor Elia di S.Clemente.
La sua brevissima vita claustrale scorse nella preghiera, nel lavoro e nel disimpegno di quei piccoli uffici che poteva compiere una giovane religiosa di modesta cultura. Per alcuni anni fu istitutrice e maestra di ricamo nellEducandato, dove suscit lammirazione delle giovanette per il suo radioso sorriso e per lanelito verso Dio che ella rivelava anche senza volerlo. Emise i voti perpetui l11 febbraio 1925. Dopo appena due anni, nel S.Natale del 1927 la sua esistenza fu stroncata da una violenta encefalite non diagnosticata per tempo.
Giuseppe Gioia, abile e fine poeta dialettale, ha trovato anche in questo caso le giuste parole per onorare la memoria della nostra concittadina, beatificata ed elevata agli onori degli altari.

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 976
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

SUOR ELIA DI SAN CLEMENTE E LA LIRICA DI GIUSEPPE GIOIA

Messaggio  felice.alloggio il Lun Gen 11, 2010 6:53 am

Desidero aggiungere che il poeta Pino Gioia nello scrivere la poesia su Suor Elia ha dimostrato, qualora ce ne fosse stato bisogno, anche un grande senso della disciplina, attenendosi alle regole di scrittura finora deliberate dal Seminario sul dialetto tuttora in corso. Insieme a Gaetano Mele, e a diversi altri, il Gioia d incitamento e coraggio a continuare l'imbrobo lavoro che si sta perpetrando presso l'Istituto San Filippo Smaldone in Barivecchia.
Affettuosi saluti
Felice Alloggio
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PER FELIX E PER CHI VORRA'

Messaggio  Admin il Mar Gen 12, 2010 9:29 am

Hi Felix! Lieto di leggerti, bene bene movimentiamo un p il Forum, visto che ogni tanto il piatto piange. Ho saputo che sulla Gazzetta c' stata una tua proposta non proprio ortodossa circa San Nicola, siccome io amo molto pi l'eterodossia che l'ortodossia, che ritengo talora noiosissima, capisci amm, vuoi inviarmi il testo della tua lettera? Spero e mi auguro che tu abbia suscitato un vespaio. Mi arrivato solo l'eco, vorrei il documento preciso.
Secondo argomento: tu dici che l'ottimo Pino Gioia ha "seguito" le raccomandazioni della consulta sul dialetto. La domanda che mi pongo, che ti pongo e che gli pongo la seguente: Quando Pino scriveva la lirica, aveva presenti le raccomandazioni? Vorrei una risposta semplice e mirata, s o no, in parte, totalmente.
L'argomento mi intriga parecchio.
Il solito fraterno abbraccione Felix!
Alla grande da franz
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

ORTODOSSIA E NO

Messaggio  Admin il Mar Gen 12, 2010 9:33 am

Per evitare di essere sbranato dagli ortodossi, ti dir che quando ho visto dopo secoli gli ortodossi a San Nicola, dove per secoli non erano mai venuti, stato entusiasmante. Gli ortodossi che si comportavano in maniera eterodossa. Questo non c'entra con il messaggio precedente, non c'entra con la religione, c'entra con i comportamenti. Capitemi amm.
franz


Ultima modifica di Admin il Dom Gen 17, 2010 8:10 am, modificato 1 volta
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

ORTODOSSIA E NO

Messaggio  felice.alloggio il Mar Gen 12, 2010 10:44 am

Caro Franz,
non so cosa ti abbiano riferito circa la mia "lettera alla Gazzetta" su San Nicola. Secondo quello che ho scritto, la Ortodossia e il suo contrario cio la Eterodossia non c'entrano un bel niente. Francamente non ho avuto nessuna intenzione di suscitare un vespaio, n credo di averlo suscitato. Lo scritto semplicemente ironico, tant' che ironica stata la brevissima risposta di Lino Patruno.
Per quel che riguarda la scrittura dialettale del Pino Gioia, lasciamo che sia lui a risponderti.
Con affetto, ciao Felice
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE E DINTORNI

Messaggio  GIUSEPPE GIOIA il Ven Gen 15, 2010 10:05 pm

Caro Franz,
relativamente al tuo quesito confermo di aver seguito, spero compiutamente, le decisioni a cui pervenuto il seminario sul dialetto di cui faccio parte.
Ti porgo i miei saluti
Pino

GIUSEPPE GIOIA

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 06.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Per Pino Gioia

Messaggio  Admin il Sab Gen 16, 2010 6:43 pm

Perfetto Pino. Grazie per la risposta. Stammi bene, anzi benissimo.
franz
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

LA POESIA DI MARIO PIERGIOVANNI

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Feb 12, 2010 7:23 am


UNA POESIA DI MARIO PIERGIOVANNI (1927-2009), SCRITTA IN EPOCHE DIVERSE, STA A DIMOSTRARE CHE SI PU CAMBIARE ANCHE SENZA GRAMMATICHE E SENZA IMPOSIZIONI E/O CONSIGLI DI COLORO CHE SI SENTONO UNICI DEPOSITARI DELLA VERIT.

MARIO PIERGIOVANNI, PITTORE, POETA E SCULTORE, NEL SUO LIBRO "BARI ANNI TRENTA", SCRIVE A PROPOSITO DELLA LETTURA E DELLA INTERPRETAZIONE DELLE SUE POESIE:

"Non esistendo un metodo codificato per la scrittura di un testo in lingua dialettale cui attenermi ed uniformarmi, e discostandomi da quelli adottati da altri autori, ho ritenuto valido il rappresentare le parole in relazione alla loro effettiva pronuncia dialettale con le sillabe mute e le vocali lunghe, caratteristiche tipiche della lingua barese. Pertanto le sillabe mute sono state scritte con una consonante seguita da un punto, che va quindi letta senza abbinamento con alcuna vocale, e le vocali lunghe con un'accoppiata della stessa vocale, di cui la prima accentata tonicamente".

U SOLE
IL SOLE

di Mario Piergiovanni
(1927-2009)
In un vicolo della citt vecchia il sole f capolino filtrano attraverso le terrazze ed i comignoli


Sc.unn d uascratdd
e trapanann na cangdd
u sole
s squgghie sopa nu vasen.cole,
jinda nu buatte d ch.nzerve.

da Bari anni trenta di M. Piergiovanni, Stampa Unione tipografica, Bari 1970, pag. 10

Sceuanne do uascratiedde
e trapananne na cangedde
u sole
se squagghie sopa nu vasenecole,
jinda nu buatte de chenzerve

da Sole & Cerase di M. Piergiovanni, Edizioni Fratelli Laterza, Bari 1981, pag. 46
Scivolando da un terrazzino
e filtrando una cancellata
il sole
si scioglie sopra un basilico,
in un barattolo di conserva.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 976
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DEDICATO AD ANTONIO CASSANO

Messaggio  felice.alloggio il Ven Giu 22, 2012 7:13 am

Dedico questa poesia ad Antonio Cassano.

Andnie Cassne

U scecuatre Cassne de nome Andnie
mnze a u cambe j pesce de nu demnie
scatte, drebblsce e colpsce la palle de tste
a tutte quanne l'avversrie nge fasce la fste.

Aqqunne fusce sope a l'erve e u terrne
nanze e drte fasce fa' a tutte velne
dondusce come a na vecchia e andca nache
e a l'avversrie le fasce ass tutte de cape.

U pallne u passe a tutte l'alde amsce
lste u ammne ndr le gamme de le nemsce
mndre da dstre fusce a u cendre e a senstre
la reg i la so' come a u prime menstre.

Le portre ca cadene a l'estrma defse
stonne facce ndrre malengneche e offse
jdde s'avvecne e ngenecchite l'aite
che na mane ad'alzrse mndre l'ecchie achite.

Le tefse tagline e sobrattutte barse
riunte jnde a la glrie e senza cammse
stonne sope a le spalde e atturne a Cassne
le chembgne festggene u Barevecchine.

Picche momnde belle tutte come a chisse
a cudde uagnne sembe nziste e sfottiste
u fscene devend imene de responzabelet
e da ngle u protgge DI m ca devendte pap.

La giie so' se manefste che nu cazzecmmere
la maglitte mane cu dsce ca i nu belle nmere
nge manne tande vase e pure ca sta' lendne
Andnie sape bune ca tutte nu' barse u amme.
Felice Alloggio
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: POESIE E DINTORNI

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum