LA NATIVITA' TRA ORIENTE E OCCIDENTE E...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LA NATIVITA' TRA ORIENTE E OCCIDENTE E...

Messaggio  Vittorio E. Polito il Gio Dic 18, 2008 7:45 am

Da Barisera del 17-12-2008

Storie, libri e leggende sui presepi realizzati in Puglia
La Nativit tra Oriente e Occidente
di Vittorio Polito


Il presepio (o presepe) quella rappresentazione della nascita di Ges che si fa nelle chiese e nelle case durante le feste natalizie e che riproduce scenicamente la Nativit e l'Adorazione dei Magi. La diffusione del presepio dovuta ai Francescani, proseguita dai Domenicani ed in seguito dai Gesuiti.
Non si pu parlare di presepi senza fare riferimento ad una data, il Natale del 1223, quando San Francesco ebbe per primo l'idea di realizzarlo a Greccio (Rieti). Se il miracolo francescano pu essere considerato un passaggio rinforzante nella tradizione giunta fino a noi, di fatto il presepio non ha una precisa "data di nascita", in quanto si venuto formando nei secoli attraverso usi e forme diverse, nella pittura e nella scultura delle chiese, nelle sacre raffigurazioni. La prima aria di Natale si avverte il giorno di San Nicola quando la mattina, molto presto, i fedeli si recano ad ascoltare la Santa Messa in Basilica, ed in chiesa si suonava la ninna nanna.
Gli zampognari, provenienti dall'Abruzzo e dal Molise, eseguivano per le strade note nenie natalizie creando un clima di tenerezza che esaltava i valori autentici della famiglia, anche per strappare qualche soldino ai passanti.
San Francesco d'Assisi con l'intento di ricreare la mistica atmosfera del Natale di Betlemme e per vedere con i propri occhi dove nacque Ges, con l'aiuto della popolazione del luogo, appront, con l'autorizzazione di Papa Onorio III, il primo presepe vivente del mondo. Era il Natale del 1223. Sono gli evangelisti Luca e Matteo i primi a descrivere la Nativit. Nei loro brani c' gi tutta la sacra rappresentazione che a partire dal medioevo prender il nome latino di praesepium ovvero recinto chiuso, greppia, mangiatoia. Luca nel suo vangelo riporta che Ges nato in una mangiatoia perch non c'era per essi posto nellalbergo (Ev., 2,7). E in Puglia quando nato il presepio? Le pi antiche testimonianze risalgono alla seconda met del Quattrocento, come ricorda Clara Gelao nel volume Il Presepe pugliese - Arte e folklore (Adda Editore), mentre un notevole sviluppo si ebbe nel Cinquecento. Ma quello che rimasto solo una parte di quello che testimonianze storiche, orali e documentarie dimostrano. Si sa che nella Cattedrale di Cerignola esisteva un presepe che serv da modello per quello di Matera, distrutto poi nel Settecento, e cos pure nella chiesa di Sant'Andrea a Barletta e in quella di Santa Maria dei Martiri a Molfetta.
Nel secolo XVI pare che la scultura presepiale in pietra raggiunge la massima affermazione a cui segue un lento declino per riprendersi in seguito, con forme differenti e con l'influenza dei presepi napoletani in cartapesta o terracotta. Grottaglie, Polignano a Mare e Martina Franca conservano importanti presepi realizzati da Stefano Putignano, lo scultore pi fortemente plastico. Un raffinato presepe pu considerarsi quello esistente nella Cattedrale di Lecce, mentre il pi antico presepe presente nel territorio regionale quello conservato nella chiesa di Santa Caterina d'Alessandria a Galatina in provincia di Lecce.
Esclusivamente leccese anche l'arte autenticamente popolare della cartapesta. La cartapesta composta da carta ricavata da stracci senza cellulosa, ridotta in poltiglia e mescolata con colla di farina e quindi bollita in acqua con aggiunta di sostanze insetticide per impedirne la tarlatura. La sostanza cos ottenuta viene disposta a strati, quindi modellata unicamente a mano e perfezionata con ferri roventi, una fase chiamata fuocheggiatura. La statua realizzata viene fatta essiccare al sole e quindi si passa alla dipintura. Alla fine del secolo XVI erano i barbieri che, per incrementare i loro scarsi guadagni, lavoravano la cartapesta, cos ogni bottega di barbiere diventava laboratorio di statuine che venivano poi vendute alla Fiera dei pupi e dei pastori, fiera che si svolge a Lecce ancora oggi nel giorno di Santa Lucia.

Bianca Tragni, coautrice del volume sopra citato, scrive che la tradizione presepiale pugliese impallidisce di fronte alla grande tradizione folklorica del Salento e di Lecce. Il presepe - scrive sempre Bianca Tragni - pi che un rito o un abitudine: una passione inestinguibile, un amore sconfinato, un tarlo roditore, un virus contagioso, un gene in pi di questa razza speciale di meridionali di razza che sono i leccesi.
Mariagraziella Belloli nel simpatico tascabile della Stilo Editrice Il presepe tra Oriente e Occidente, anche se di qualche anno fa, scrive che il presepe fra Oriente e Occidente, una tradizione che con quella di San Nicola certamente la pi emozionante e commovente.
il caso di ricordare che Ges nato al centro del vicino Oriente sotto la dominazione dell'Impero romano d'Occidente e si ipotizza che la visita dei Magi, provenienti dal lontano Oriente, abbiano contribuito a legare in maniera indissolubile i due mondi. Oggi anche in Capitanata e nelle provincia di Brindisi il presepe sta registrando una notevole ripresa, segno di una nuova vitalit di questa tradizione che sotto certi aspetti concorre a condividere la storia tra Oriente e Occidente e quindi a dare un notevole contributo all'ecumenismo.


LA POESIA CHE SEGUE NON FA PARTE DELLA NOTA PUBBLICATA SU BARISERA, MA IN CONSIDERAZIONE DELL'ARGOMENTO TRATTATO MI PIACE PROPORLA AI FORUMISTI CON I PIU' FERVIDI AUGURI PER LE IMMINENTI FESTIVITA'

U PRESBBIE DELLE POVERIDDE*
di Pino Gioia

A Bare Vcchie, u presbbie j tradezzine
ijndalle casere, alle Chiesie a ogn pendne!
Scnnatturne atturne p st strte
sinde uaddre de terrne e carteddte!

Quanda presbbie s viste da st vanne
pe spizzulle, non avaste nanne!
So ass blle, chijne de fandas
ogne ijune tne tanda poas!

Ma cudde ca veramnde j magistrle
u so acchiate o quste della Cattedrle!
soplla chiazze, ijnd nu settne,
u presbbie de le poverijdde j recme!

Dalla carta dmballagge arrezzte
ijsse la grotte, la chi calde e arregreijate
la sckorze du uarrue j u sndijre
ca portalla mendagne u carrettijre!

Le stadutte, nu picche arrepezzte,
stonne d e d, tuttaggestte!
la bambaggie sop monde j la nve
u pgheridde, ijnd spcchie bve!

U musckie, scettte atturne atturne,
fasce u prte, u mgghie d munne!
larrue de pine che larange e mandarne
abbrazza la grotta, la mendagna e Ges Bammne!

Me sndeche menetijdde d nanze
chssobra j la chi chijna de creijanze!
e abbune abbune, ma ce lave mannte?
marrive alle rcchie na serente!

Che la zambogne e la cialamdde u pastre
annusce de Natale u sapre
e me ijacchieche jnd nu munne idale
d, o spunde della Cattedrle!

Natale 1998
* Primo premio nel concorso letterario Nuovo Sottano anno 1998






Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 4:31 pm, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

Natale

Messaggio  felice.alloggio il Gio Dic 18, 2008 11:58 am

Ecco una bellissima poesia di Vito Maurogiovanni sulla fuga della Sacra Famiglia da Erode, e una spiegazione leggendaria del perch i lupini hanno un gusto amarognolo.


Una voce imprecava

A Btlemme, Erode pote isse mbse,

le pecceninne avvena isse tutte accise.

Fesc Mar, cu core inde o chiande

e ch Ges arrevegghiate inde o mande.

Fesc Mar mmnza la campagne

e apprisse nAngeue che lacchembagne.

U vi? Nu seldate, ce brutta razze

nge vole lev u bammine da m-mnz ovrazze.

Cherrve Mar, cherrve snza fiate

mndre u bammine citte steve appappagnte.

Atturne atturne non nge stve repare,

u cile ive ggnore, u timbe ive amare.

Cherrve Mar cu seldte quase vecine:

pertve in salve Ges Bammine.

Ma la Madonne se ved perdute

e a tutte larrue addeman aiute.

"Arrue de lepine, arrue de lepine,

aprteve e asckennite u Bammine."

Vattine respennrene le lepne,

"vattine tu e cusse Bammine.

"Lepine, lepne tu si state amare ass

e sembe cchi amare, tu a da devend."

E come cudde lepne le mendu

a narrue dauu Mar tezzeu.

"Auu, Auu bblle e verde e ggnore

pu Bammine nu murse de core.

E larrue dauu subbete subbete sapr

salv Ges, Gesppe, e la Vergene Mar.



Buon Natale

Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Questo il mio presepe

Messaggio  santa vetturi il Gio Dic 18, 2008 7:01 pm

"U presbbie m"

Cussanne vgghje f na cosa nove
nnanzo presbbie cu ciucce e cu vove
e San Gesppe aunte a la Madonne
ca condembl u Bammne se ne stonne

O poste de landche stadune
fernre e candenre che staggnne
nge vgghje mette la gnde de jsce
du munne du Dumle senza pasce

O custe de la grotte nge ava st
nu vecchiarjidde stanghe de camb
ca passe malamnde la scernate
mmenza na strate assule e abbandonate

Non chi pastre adrene u Siggnre
n pegherdde a ddange u ffite lore
d nnanze peccennne maldrattate
ca ngurpe e mbjitte s state violate

Atturna la fendane quatte ggnure
pe defresckrse mmenza la calure
ca porte malat e fame e secche
allAfreca ca more a picccha picche

Chi d sotta na palme nge gghia mette
c sta ssoffre pe la urra maldtte
ca larme e ass delre a nn nge goste
da dd e da dd pe chessa Terra noste

Jinda na grottecdde d frastjire
de chidde ca tu sfrutte e pigghie ngre
lavonne acchite d na vera case
dameczzia com'a seggne nu vase

E non av mang pure u laghtte
chjine dacjidde e tande papardde
uagghia f cu specchje oppure de stagnole
a llanemale estnde a dd rrecove

Da lendane ggi le vite darrev
cu uore e ngjinze e mirre da don
s le Re Magge da Orinde partte
pe pert o Redendre nu salute

Ma dreta tutte stu granne sblendore
tu te navvjirte ca no nz cchi llore
le recansce ca s le potjinde
ca chemnnene u munne de st tjimbe

Angenecchite nnanza stu Bammne
stonne a promtte de f cose fine
de chemmatte la urre e po la fame
e u nguinamnde che stu smogghe mbame

E tutte quande n apprjisse a llore
sendme mbjitte carette e amore
aunte paiet povre e immigrate
coma cambine de lumanette

I nu merggue stu presbbie m
a chiamendue u munne av cap
sopa la Terre tutte le crestiane
savonne coma frate d la mane

Santa Vetturi
avatar
santa vetturi

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 26.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

E OGNI VOLTA CI CASCO!!!

Messaggio  Admin il Sab Dic 20, 2008 9:20 am

Ed ogni volta ci casco! Nel senso che pur avendo con il Natale un rapporto soltanto di curiosit storica qualche volta mi faccio coinvolgere in maniera leggermente emotiva. Il mio sfrenato laicismo e la mia guadagnata/studiata lontananza da visioni religiose del mondo mi conducono su altre strade. Non sopporto nella maniera pi assoluta una delle caratteristiche pi comuni e pi note della nostra cosiddetta civilt che quella di aver mescolato la nascita di uno straordinario bambinello, che poi diventato quello che diventato, con un consumismo sfrenato orrendo e volgare. Scusatemi la blasfema (non secondo me, ma secondo altri) presunzione ma, se io fossi quel bambinello, diventato grande tornerei nel tempio e caccerei a pedatone nel culo tutti quei personaggi che ammantandosi di bont per una settimana fanno affari a gog sfruttando le dolcezze e i bisogni di serenit dell'animo umano. Stamattina ho incontrato il mio amico Giacomo, operaio di quarantacinque anni, abita qui nella zona, sta in una fabbrica di mattonelle di cotto, lavora alla fornace, non so se mi spiego, ha sempre lavorato con il sorriso sulle labbra, sempre stato servizievole con i suoi padroni, non credo abbia mai fatto una giornata di sciopero, non si mai tirato indietro nello sforare quasi giornalmente qualche ora in pi della sua vita durante il lavoro, ebbene, alla fine del mese di dicembre insieme ad unaltra trentina di suoi colleghi operai, gli hanno detto che se ne andr in mobilit, poi si vedr. Fra un paio di anni sar gi vecchio e non servir pi ai suoi "padroni". Se aveste visto la sua faccia! Ma torniamo al Natale. Quindi sono andato a leggermi le belle poesie di Pino Gioia, Vito Maurogiovanni, Santa Vetturi, ai quali faccio i miei complimenti per la loro vena poetica che, come al solito, sempre piena di correnti misteriose e intriganti. Complimenti ai tre. Aggiungo una lode a Pino Gioia per il verso u presebbie de le poverijdde j nu recame, una lode a Vito Maurogiovanni per il verso cherreve Mar cu seldte quase vecne, una lode a Santa Vetturi che con il verso allAfreche ca mora a piccha picche (verso terribile e straziante che condivido) che ha dato unocchiata anche fuori dalle nostre tavole ben imbandite e fuori dai nostri straordinari mercati invernali del pesce. Sono sempre dellavviso che, se salvezza ci sar, questa verr dalle donne di ogni latitudine e dai giovani del sud. Io la penso cos. Ringrazio inoltre Nicola Cutino e Mondo Antico e Tempi Moderni per la bella animazione e per gli auguri. Ho trasferito il messaggio dellamico Cutino nellargomento Natale, che a fine festivit, sar poi trasferito in varie varie varie.
Arrivato in fine messaggio auguri di un ottimo 2009 a tutti, senza distinzione di sesso, di religione, di etnia.
Franz Falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Localit : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

CHE SI MANGIA A BARI A NATALE?

Messaggio  Vittorio E. Polito il Sab Dic 20, 2008 11:27 am

Da Vittorio E. Polito Oggi a 12:27 am
CHE SI MANGIA A BARI A NATALE?


Per Bari e i baresi mangiare non significa nutrirsi ma, prima di ogni cosa, rappresenta la pi alta forma di comunicazione. Per cui mettersi a tavola nei giorni di Natale una delle migliori occasione per dar spazio alla fantasia ed allinventiva, dal momento che la tavola un palcoscenico.

Ecco, da La checine de nononne (Schena Editore), il menu suggerito da Giovanni Panza, barese doc, per il nostro Natale.

Vescigghie: vermeciidde cu grenghe o capetne, capetne arrestute mbondo spiite che le fronze de llore; u ccrute, tomacchie e mignitte, baccal sottacte; sopataue, nusce, aminue, necedde, chiacune, frutte de stagione, pecciuateddre, carteddte, castagnedde, pastriache, ecchie de sandalec, resolie de lemne, de mandarine, anesette, streghe, stomdeche, ecc.

(Vigilia di Natale: spaghetti con il gronco o capitone, o con frutta di mare (noci, cozze, datteri, muscoli, o seppie, ecc.); capitone allo spiedo con foglie di alloro; frutta di mare cruda, comacchio, baccal e pesciolini fritti e sottaceto; verdura cruda, cartellate, castagnelle, paste reali, occhi di santa Lucia, torrone, liquore di limone o di mandarino, anisetta, strega, amaro, ecc.).

Natale: brote de vicce che la verdure o granerise o alde cose ca se fscene cu bbrote; vicce allesse che lanzalate; scarcioffe e lambasciune ndorate fritte; u ccrute davanze, ecc.

(Natale: brodo di tacchino con verdura, riso o altro; lesso di tacchino con contorno di insalata verde; carciofi e lampascioni indorati e fritti; frutta di mare eventualmente avanzata; verdura cruda, frutta di stagione e tutto il resto come il giorno della vigilia).

Sande Stfene: tembane o furne, carne a rag; agniidde arrestute e patne fritte; u reste accoma lalde d.

(Santo Stefano: timballo al forno, carne a rag, agnello alla brace con contorno di patatine fritte; il resto come i giorni precedenti).

Per i baresi sono irrinunciabili certi antipasti di mare come laliscette (alicette); lalliive (seppioline); le calamariidde (calamaretti); la meroske (piccoli pesci); le pulperizze (piccoli polpi arricciati); le rizze (i ricci) e, dulcis in fundo, u ccrute (il crudo), rappresentato dalla variet di frutti di mare (cozze pelose, noci, ostriche, canestrelle, tartufi di mare, datteri, ecc.). Tutte prelibatezze marine da consumare rigorosamente crude, ma sconsigliate, per motivi di igiene e salute, da alcune ordinanze comunali, mentre un decreto ministeriale ha proibito, per motivi di tutela ambientale, il prelievo, la vendita ed il consumo dei datteri di mare.


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 7:24 am, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

U NATALE, LE STRAFUCHE E U CAPETONE (prima parte)

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 6:46 am

U NATALE, LE STRAFUCHE E U CAPETONE (prima parte)

(Scenette natalizie, rilevate dal vero)
di Peppino Franco
da Citte citte fra nu e nu (Ed. Grafischena Fasano)


Pp cqunda fijste vnene nda uanne,
nescine arrve a cchdde du Natle.
E cche cce desedrie e cqunda prijsce
nnu laspettme smbe a inne a inne.

Le u?, u lagna lagne?, la mesrie?,
e cci le vte cchi addve stnne?
Le dijbbete?, v bbne, honnaspett
N ppnze j, ca j lgghia pag,
perc ngi va penz ci llvav?
E vvte nda le case a ffdda ffdde
u attne che lle fgghie a ff u presbbie:
la grtte, u vve, u cicce, le rR mMgge.
Che lla Madonne e sSan Gisppe, ndrre,
sopalla pgghie honna seddu u bBammne,
ca i de crte o crte o de sapone.
Ngi vnnappezzec spe a lla grtte
La stdde che lla cot lnga lnghe,
e ttnda stddue sparnezzte attrne,
seddute mmenze allrve spe e sstte:
pastre, pggre, case, e barrcche,
la ggnde ca camne spe o mnte,
addve st u pajse dla mendgne.

Po mbcce alle ramgghie de le pne,
lemne, le marangiue e mmandarne.
Nge fscene la nve de vammsce
scittte a cciffe a cciffe add nge piasce.
E a cchiamend che cqunda devezzine
ogni famgghie fsce stu presbbie,
te sijnde u core agn de commozzine.

Ma po pe rrte, i ndalla checne
Lacchite a tttte vnne rreveldte
Le fgghie fmmene, che lla mmme apprijsse,
a pestregghi nd mmle o ijnd cqutte,
le pttue, le percijdde e ccarteddte.
A nnlte pzze le tarlle a ddrme,
le dlce e u atterrne tste tste,
pste damnue che lle castagnlle.

Po spe a nnalta tua, sparnezzte
Megneucchie peccennne e strascente.

De cape sotte mbcce a nnu pertijdde,
stnnappennte vcce e lle gardijdde.
Po st u agnlle, e ppe lle vermecijdde,
nu tine cchijne de sghe e bbrascile.

Spe a na chinga grnne ammendente,
frtte de mre frscke a mmgghia a mmgghie:
lle taratffe, lstreche e le qucce,
le czze de San Gicheme e lle msce,
czze pelose che lle canelcchie,
le czze gnre che lle canestrdde,
zeppijre de comcchie e ffranvellcchie.

A nlde quste nzijme a dd o tr ccste,
menstra vrde, fenecchijdde, icce,
le mele, le marangiue e mmandarne,
lemne, e pp na damigina chine,
de triske fne fne gnre e bbinghe,
e pp ngocche bbottglie de resglie,
pe bbve u bbecchierne nda u festne.
Ma ttte chisse cse na nz nndde
acqunne fcche u nse mmnze o pssce.

Ci icchie apprijsse au grnghe, au pulpetijdde,
le trgghie che lle cijfele ca addrne,
ci st seddute accme a nnu bbarne?:
defrske volav: - U capetne!
Ci n st cdde, deh!, uste la fste
n ppre cchi u Natle accme acqunne,
ijnd o presbbie na nge st u bBammne.
Penzte mm, ca tijmbe de Natle,
a bBre st ci se v mbgne u re,
ma spe a cchdda tua bbenedtte,
o i du ricche o i du poverijdde,
accme st nu Pape assise ndrne,
adacchess tu icchie u capetne.

E jnde a cchdde d, add tte icchie,
jnde a lle cse, nda le chizze o u trne,
a tttte vnne sijnde de parl
de capetne e cqunde ava chest.

E acqunn lla vescgghie, po, la sre,
tu vte alle mercte na felre
de bangardde e llsce spe e sstte,
ca pre pre d acqunn nntte.

E cce ssiccte mmnza cchdda fdde
le lccue de la ggnde a ddsce: - A mm
ca stgghe da menzre! E nnu alte mbrme:
- E j stgghe da nr! - e ffscene lte.

Po sijnde: - U, na mme cazz le pijte -
E i na fmme a spnge pe sc nnnde.
Po na uagndde mbcce a nnu seldte
Ca sammenve ngudde: - U, cremne
Te prte ngpe?... non te strefen.
Stve na cammarre a ppnte e ttcche,
se mett a ddsce accme a nna segnare:
- A mm quattrtte e mmzze, ho mmlta flla -
E u pesciaile: - Eill, dnna feldre.
E lla pigghirne ttte a ccarcatre.

Ca v dd mmnze acchite u poverijdde,
u ricche, la mmenza sciammrghe, u prvte,
u carecchile, u segnre, la scrze,
loperie, u chezzle, u commercinde,
e tttte qunde a ddsce: - A mm a mm -
Ma u pesciaile, ca i cchi malpine,
e taccansce u clinde mbrme mbcce,
v ssrve apprme a cci non bde au prijzze,
a ccdde ca nge psse u sottamne
a nnu lte ca non acchiamnde o pse,
(ca po lavarrebb da nnze e nnnze,
mettnne u discete jnde alla velnze),
e allalte po, le fsce st a vvram,
pezznghe acqunne dd, shonna stang.

E tttte stu pestrgghie mm, perc?,
ca sav rispett la tradizzine.
J digghe ca n la penzme male!
Se u capetne scchie tutte u nne,
pirc amaspett prbbie u Natle
pe strafuequangue e ppe ppaglle
cu chggre ngpe, accme ci st acctte
ngocche e bberlnde sme asste mtte?

CONTINUA...


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 7:04 am, modificato 2 volte
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

U NATALE, LE STRAFUCHE E U CAPETONE (seconda parte)

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 6:56 am

U NATALE, LE STRAFUCHE E U CAPETONE (seconda parte)

(Scenette natalizie, rilevate dal vero)
di Peppino Franco
da Citte citte fra nu e nu (Ed. Grafischena Fasano)


I vvre po remmnne tr nn e nn
ca stgghe a ff u maistre a ddrtte e a strte,
ma qunn ttijmbe de Natle e a ccse,
nge manghe u capetne, sme murte!
E mm vgghia chend nu bbdde ftte
Ca i seccijsse a bBre a nnu sartre,
nu amche m, nu prisciannre nzste,
femtte e fferbacchine a cchendratt.
Pednne, tijmbe de Natle, jdde
penzve a ff la spse pe lamsce,
e nnne, nge sc a ccapet stu u.

La sre de la vescgghie sc alla chiazze
pe sc a ccap u mgghie capetne.
Se ne pegghi se chle e pp alla cse,
u fac mtte jnde a nnu catare
agnte dacque, ca la d dapprijsse,
lamsce ndra de lre a ine a ine,
savevenaccherd pe lle parzine.

La ntte accme f, come non ff,
scevunne a ine a ine, da u catre,
le capetne se nassrne fre
e sse ne scrne attrne csa cse
trasnne apprme ijnde alla checne,
e pp, strescinne sembe terra terre,
trasrne add stvene a dderm:
ca ive mm, na cmerasselte,
cu lijtte grnne add cu sartre,
dermve la mgghire e u peccennne,
o quste du chem, ijnda nna bbrnde,
de cpe a ppijte, le ddu fgghie mskue;
po spe a nnu devine ftte a llijtte,
dermve la uagndda vacand,
ca tnne stve angere descette
nervse ca non acchecchive lcchie,
nu pcche a ssnde u attne ca greffuve,
nu pcche perc stve a ppenz o zte,
ca che la mmme aveve ftte lte.

La camere ive grnne, ma dd jnde,
che ttnda ggnde e mmbbele nzertte,
n nze petve manghe refiat.

Spe o chem, de fcce mbrnde o lijtte,
na stddue de Sanda Necle, e nnnze,
mnze stette, stvenappiccite
ddo lmbe dgghie cu steppne a ffrsce,
e cche na lsce ca na nzaffettve.

Pednne po, acqunne la uagndde
se npavvert de cudde strisce e strisce
du capetne ca stve a ttras,
mbrme appezz le rcchie e saffacci
pe cchiamend dda ndrre; e sc allezz
na cosa longa longhe ndrettegghite
E cca savvecenve nnnda idde.
Fu tnne, ca che lla pavra ngurpe,
scitt nu lccue frte, acches ffrte,
ca descet le frte, mmme e attne.
E ccsse, ca sckand, allandrastte,
n ccapesc cchi nndde, e che nnu zzmbe,
sammen ndrre, e ssecced u macijdde
ca nge sc a mmtte u pte dritte drtte
spe alla schne de nu capitone,
ca au pse po, scevunne sotte u pete,
u azzepp ndrre accme a nnu chiangne.
U sartre gred: - Sanda Necle
aiteme cci ccse i sseccjsse -
La fgghie cu tremuzze respenn:
- Pap, se n ffescite u capitone -
- Ah! ccaregnne me llva pag -
dec u attne, e sse lagnve ttte:
- uh! Cce ddlore manngghie a cchi l bbve
Aiteme Tarse e mm fettijnde
niscne pnze ad appicci la lsce?
La lsce lappiccirne e u poverme,
stennte lunghe lunghe ndrre a rrsce,
se stve a ttrce accme o capetne.

Penzte de ved mm, chssa scne:
le capetne attrne attrne spassegginne,
e ttte la famigghie gtta gtte,
che lla cammsa ngudde arrecednne,
ffescnne apprijsse apprijsse pacciafflle.
La fgghia vacand che lla pavre,
savvecenve, nauandve ine,
e ppo u scettave allrie ca parve,
chve pegghite u ffuche nda le mane.

E ff na sfacchente pe mmenzre,
pezznghacqunne u acchegghirne tutte.

E ddppe ca fern chessa battglie,
sacchiamendrne mbcce senza fite,
sedte accme purce e mmaceddte,
ci che nnu marche mbrnde, a cci nu razze
na nze chedduve cchi; u pvre attne,
pass u Natle e Capednne a llijtte,
tra lle gastme e lle delre frte
ijnde a le gmme, nda la sckne e mbijtte.

E tttte stu pestrgghie e stu macijdde,
pe ffsce smbe apprijsse au cannarle,
ca acqunne po le fijste so ffernte,
nge vlne ddu mse sne sne,
de pnele, de purghe e dde cetrte,
pe ffnge degger a ine a ine,
le trnere ca avme strafecute.
Petme ringrazzi Ges bBammne,
ci vne mmnze a nn na vlte a u nne,
ca ci nascve dd o tr vlte, tnne,
non gi avastve u tijmbe a ffesteggi,
a mmangi e bbve ssmbe, a ddegger,
a st malte e ffrse pe mmer.

FINE
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

U NATALE DE LE POVERIDDE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Dic 21, 2008 3:58 pm

DOPO U PRESBBIE DELLE POVERIDDE di Pino Gioia PROPONGO
U NATALE DE LE POVERIDDE DI PEPPINO SANTORO
da "PLACIDA NOTTE" di N. Lavermicocca e A.M. Tripputi (Paolo Malagrin Editore)

Le vecchie andiche discene: j vre
ca u munne j angore fatte a' na manre;
ci accocchie mille lire e ci le scange.
Ma quante po' arrive chessa feste,
u poveriedde vole alz la creste,
afferre u ore, robbe e ci ca sta,
e s'u v'a mbegne au monde de piat.
Menz'au mercate va. Quanda sespire,
aquanne vde spenne tante lire!
Ci accatte capitone e calamare,
ci u pesce pezzecate a la lambare;
ci tregghie, luzze, cieffe, pulpe e ngjiedde,
ci nusce, cozze, quicce e canestrjidde.
Ma u poveriedde arrange cu ciambotte,
ca picche ha ricavate da u fangotte.
Menz'a la vangaredde va geranne
ca vole sparagn a tutte vanne;
per se sende disce: lassa sta,
la robbe ce la u, l'ha da pag!
Quante s'affaccia a ngualche magazzine,
la cape aggira mbacce a la vetrine:
salame, capecuedde, sebressate,
presutte e la salzizza affumicate.
Ma u poveriedde vede e s'acchendende
de mette nu chiancone sott'au dnde.
E tu, Bammine mj, ca pienze a tutte
(a u portafogghie sane e cudde rutte)
la forza e la salute ngi hada d,
e pure nu', na cose ham'assaggi.
Ca po' se pote hav nu chemblemende,
a sc facenne nanz'au scigliemende!
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

LA NATIVIT NELLA STORIA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Dic 20, 2010 7:05 pm

Da Confcommercio Magazine n. 5, Nov. Dic. 2010, pag. 20

LA NATIVIT NELLA STORIA

Il periodo natalizio, rappresenta la principale festivit dellanno e parte dal solstizio dinverno (il giorno pi corto dellanno), per terminare con lEpifania. Levento, che appartiene allanno liturgico cristiano in cui si ricorda la nascita di Ges, viene ricordato nella cristianit occidentale, il 25 dicembre, mentre in quella orientale il 6 gennaio.
Ma qual lorigine della nativit? Pare derivasse da altra importante festa pagana, la celebrazione del Sol invictus, dio del Sole e signore dei pianeti. Il Messia veniva spesso descritto come Sole di giustizia e lo stesso vangelo ne parla, a volte, paragonandolo al Sole. Ecco la preferenza per il 25 dicembre, data che, anche se probabilmente non esatta, stata scelta per la necessit di contrapporre una festa cristiana ad una pagana nel momento in cui si diffondeva una nuova religione, il Cristianesimo.
In Palestina ed a Gerusalemme, invece, fino al V secolo era comunque lEpifania ad essere festeggiata in memoria della nascita di Cristo. Storici famosi come Clemente Alessandrino propendevano per il 6 o il 10 gennaio, altri addirittura per il 25 marzo.
Nellantica Roma, dal 17 al 24 dicembre, si festeggiavano i Saturnali in onore di Saturno, dio dellagricoltura, un periodo in cui si viveva in pace, si scambiavano doni, venivano abbandonate le divisioni sociali e si facevano sontuosi banchetti.
Nel 274 d.C. lImperatore Aureliano decise che il 25 dicembre si festeggiasse il Sole. Da qui lorigine della tradizione del ceppo natalizio, ceppo che nelle case doveva bruciare per 12 giorni consecutivi e doveva essere preferibilmente di quercia, un legno propiziatorio. Oggi il ceppo natalizio si trasformato nelle luci e nelle candele che oggi addobbano case, alberi, e strade, definito appunto albero di Natale.
Il Natale di oggi deriva da tradizioni borghesi del secolo scorso, con simboli e usanze sia di origine pagana che cristiana. Negli anni recenti, il Natale, festa prettamente cristiana, diventata occasione per una corsa al consumismo, un festeggiamento frenetico, sostituendosi da un clima di celebrazione e di riflessione a una gara commerciale, facendo intervenire spesso la Chiesa a ribadire con incisione il significato religioso.
Il pranzo di Natale, per tradizione, viene consumato in casa e varia a seconda dei paesi. Abbiamo anche una ricchezza di dolci deliziosi e prelibati, che ricordano spesso simboli solari o tradizioni rurali; i dolci spesso richiedono lunghi preparativi e la lavorazione viene fatta diversi giorni prima.
La serie di festeggiamenti continua con il cenone di fine anno e, dopo la breve euforia di pranzi, brindisi, auguri e abbracci, si fa una pausa di riflessione nella giornata di Capodanno.
Il primo giorno dellanno, festa di rinnovamento, viene celebrata in tutte le civilt ed caratterizzata da rituali che simbolicamente chiudono un ciclo annuale e inaugurano quello successivo.
Infine arriva lEpifania, una delle principali feste cristiane la cui celebrazione cade il 6 gennaio. Nata nella regione orientale per commemorare il battesimo di Ges, fu presto introdotta in occidente dove assunse contenuti religiosi diversi, come la celebrazione delle nozze di Cana e il ricordo dellofferta dei doni dei Magi nella grotta di Betlemme. Questultimo aspetto ha finito per prevalere e sovrapponendosi a precedenti tradizioni folcloriche, ha determinato la nascita della figura della Befana che distribuisce doni.
I Magi, infatti, erano un gruppo di personaggi che, guidati da una stella, arrivano dalloriente per rendere omaggio a Ges appena nato a Betlemme, donandogli oro, incenso e mirra. Successivamente vengono indicati come re e il loro numero viene fissato a tre, con i nomi di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre. Questa festa, che d un supplemento di regali ai bambini, pone termine al ciclo di festeggiamenti dedicato al Santo Natale.
VITTORIO POLITO



La foto riproduce la Nativit della scultrice barese Anna Maria Di Terlizzi che ripropone la figura tradizionale del Bambinello collocata nella nicchia ritagliata in una vecchia base di anfore olearie.


J NATLE!
un coro in Chiesa

Me ne vogghe cammennne mre mre
le penzjere, me tnene ngattre
Acchiamndeche la strte sdevacte
j ass frdde chssa scernte

E mndre ngpe aggre la fandase
maunde alle rcchie na melode
ca me pigghie chine chine da lendne
e ca ijndalla Chissie me chime!

Da Ualdre u Bammne macchiamnde
jnd core me snghe chendnde
maggre la cpe, la chescnze me csce
stogghe babbute, ass blle s le vsce

ca se msckene e pare ca j june
ca me fascene send naldne
le penzjre s lendne, sckerdte
u munne me pare cangite!

Fernsce u cande, fernsce la melode
citte citte repigghieche la ve
j devrse m chssa strte
j sblendnde j allemente!

E me sendeche leggere ijnd cre
le crestine me parene frte e sre
cusse memnde j ecczionale
j Natle!

Giuseppe Gioia
20.12.1997

NATALE!
un coro in Chiesa

Vado vagando strisciando i muri
le preoccupazioni mi danno fastidio
Guardo la strada svuotata
molto fredda questa giornata

E mentre in testa vaga la fantasia
mi giunge alle orecchie una melodia
che mi prende lentamente da lontano
e che in Chiesa mi chiama!

DallAltare il Bambino mi guarda
nel cuore mi sento contento
mi gira la testa, la coscienza brucia
sono incantato, molto belle son le voci

che si mescolano e che sembra una
che mi fanno sentire cambiato
i pensieri son lontani, dimenticati
il mondo mi sembra trasformato!

Termina il canto, termina la melodia
in silenzio riprendo la mia via
appare diversa ora questa strada
splendente illuminata!

E mi sento leggero nel cuore
le persone mi sembrano fratelli e sorelle
questo momento eccezionale
Natale!

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 17.02.08
Localit : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

Re: LA NATIVITA' TRA ORIENTE E OCCIDENTE E...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum