SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Messaggio  felice.alloggio il Mar Dic 13, 2011 7:33 pm

Carissimi amici,
desidero inaugurare un NEWTOPIC caratterizzato dallo scrivere esclusivamente o quasi in dialetto barese.



Ultima modifica di felice.alloggio il Sab Ago 11, 2012 5:04 pm, modificato 2 volte
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

L'UOVO DI COLOMBO

Messaggio  Admin il Ven Dic 16, 2011 8:57 am

Caro Felix totalmente d’accordo con te, anche perché nella tua prima lettera del nuovo topic c’era fra le righe un concetto che finalmente è venuto fuori alla grande anche nella mia mente, stamattina appena sveglio. Eccolo qui, te lo espongo rapidamente in italiano e poi lo tradurrò in barese. “Così come nessuno si permette di correggere o censurare chi dovesse scrivere in italiano, la stessa cosa è giusto che accada il momento in cui si passa a scrivere in dialetto. Così come ognuno scrive il suo italiano a seconda della propria attrezzatura culturale e nessuno si permette di dire alcunchè, la stessa cosa deve dunque accadere quando si scrive nel proprio dialetto. Ognuno scrive come è in grado di scrivere. C’è solo un luogo abilitato alla correzione dello scrivere e del parlare altrui, la scuola, ma lì ci sono i professori pagati dallo Stato per insegnare, fuori della scuola è tutt’altra cosa, ci mancherebbe altro. I latini dicevano et de hoc satis, e di questo non se ne parli più, se ne è già parlato abbastanza”.Ciò posto, passo alla traduzione di quello che ho testè scritto, non senza averti prima ringraziato parecchio. franz falanga



Care Felìsce, finalmènde stamatìne, penzànne accùde ka sì scritte, me so sendùte naldettànde. “Quanne se scrive u tagliàne, nesciùne se permètte de disce ada fa acchessì o ada fa acchessà. La stessa cose ava seccède quanne se scrive u dialètte neste. Avàste ke stu gebellère, chessa paròle se scrive acchessì, chessàlde se scrive jìndannàldamanère, carte tjìene tu e carte tènghe jì. Le latine descèvene et de hoc satìsse, avìme parlàte assà, mò avàste. Soltànde alla scola te pòtene disce quanne sì sbagliàte o quanne non sì scritte leggìtteme, ddà stonne le prefessùre ka sò pagàte d’ò state, na vòlde ka si fernùte la scole, ognùne pìgghjie la stràda sò. Grazzie assà Felìx e sciame nnanze acchessì, uggòde jè assà. frangìscke falanghe.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Messaggio  felice.alloggio il Ven Dic 16, 2011 7:50 pm

Quanne


Ultima modifica di felice.alloggio il Sab Ago 11, 2012 5:06 pm, modificato 1 volta
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

scriviamo-in-dialetto-barese#solo se inndispensabile

Messaggio  Nico Lomuto il Ven Dic 16, 2011 11:42 pm

Mi dispiace, Felix, ma io non sono d'accordo. Scrvere in daletto escluderebbe chi il dualrtto non lo sa ma vuole imrpararlo, per esempio i figli dei "Baresi nel mondo".
avatar
Nico Lomuto

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 17.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

RE: SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Sab Dic 17, 2011 7:44 am

IN SOSTANZA, DA QUELLO CHE LEGGO, NOTO CHE SIETE TUTTI D'ACCORDO, CON IL DETTO, RICHIAMATO PIÙ VOLTE: «LA RASCE COME LA UÈ LA FASCE». PER CUI STATE CONFERMANDO CHE NON SERVONO SEMINARI, ACCADEMIE, COMITATI, CENTRI STUDI (DI CHE COSA?), GRAMMATICHE DI TIZIO O DI CAIO, ECC.
INOLTRE SONO CONVINTO CHE NESSUNO IMPARERÀ NOZIONI GRAMMATICALI, PER SCRIVERE UNA POESIA O UNA BREVE PROSA. COLORO CHE STANNO TENTANDO IN TUTTI I MODI DI PREDISPORRE E IMPORRE REGOLE GRAMMATICALI O QUANT’ALTRO, LO STANNO FACENDO SOLO PER TORNACONTO PERSONALE.
STATE PUR CERTI CHE LA MAGGIORANZA DI CHI SCRIVE IN DIALETTO NON DARÀ CERTAMENTE ASCOLTO AI VARI IMBONITORI. BASTA SCORRERE LA RECENTE PRODUZIONE DIALETTALE BARESE CHE STA A DIMOSTRARE, ANCORA UNA VOLTA, CHE CERTI AUTORI, PUR PARTECIPANDO «CON PROPOSTE COSTRUTTIVE» AI LAVORI DI UN SEMINARIO, CONTINUANO A SCRIVERE “A MODO LORO”. PIÙ CHIARO DI COSÌ? E POI COSÌ FACENDO SI EVITERÀ AI TANTI IMPROVVISATI "DOCENTI DI DIALETTOLOGIA" DI SEDERSI IN CATTEDRA, NEL TENTATIVO DI DETTARE REGOLE, SENZA ESSERNE ABILITATI.

Vittorio Polito
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 973
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

LA RESPOSTE IE' PE COLINE

Messaggio  Admin il Sab Dic 17, 2011 9:08 am

Meh come te vene Nico, te pozze chiamà Colìne? Ka non petìme scrive u barese percè stonne i baresi nel mondo ka non potene capì? Comaddisce ka non pozze parlà kettè de matemàteche percè jìndomunne stonne chide ka non sàpene nu berefàtte chiapparìedde de matemàteche? Mena mene! Javassà ka non nge sendìme Colì. Comesciàme? Ddò in Itaglie sta nu gebellère ka non s'accapìsce. Cangiàme descùrse, ce tenève na settandìne d'anne de mene, me ne sceve da stu paise criùse.
Tande salute. falànghe.
P.S. Me stogghe ad abbetuà a mette l'accjìende soltande quanne sèrvene adavère.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

ALISCE FRITTE

Messaggio  felice.alloggio il Dom Ago 12, 2012 6:00 am

Caro Franz,
a quanne se vete Alisce fritte non è comuniste come a te! E po' iè na fèmmene e che le fèmmene besogna fa' attenziòne a parlà percè ce l'offìnne chisse mànnene le marite o le zite a farte u mbonemènde.
Statte buène Falanghe
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PER FELIX

Messaggio  Admin il Dom Ago 12, 2012 8:07 am

Cito me stesso, ho scritto: "qui nel forum ognuno ha una sua visione politica della vita.Io continuerò a dire e ad esprimere le mie opinioni,senza naturalmente ledere la libertà di nessuno, quando e come voglio". Non comprendo dove tu possa vedere qualcosa di offensivo in queste parole. Ce vuè fà l'appicciafueche kemmè te sì sbagliate. E de chessa storie non ne sime parlanne cchiù. N'alda cosa: jì scriveche u dialette come me piasce ammè, jè quindi nuddle ka qualcune se mettaffà tabicchetabbocche sopa la manera mè de scrive. franz
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Pe Falànghe

Messaggio  felice.alloggio il Dom Ago 12, 2012 11:01 am

Brave, achesì me piascie, sembe combattìve ma, scuse, jì ce cose cèndreche?
A proposete Franz, t'arrecùrde la canzone de Giorgio Gaber, "...de destre e de senìstre...'", secondo te u dialètte iè de dèstre o de senìstre?
Te fazzeche chessa domande percè jì a u combiànde Pinucce Tatarèlle u sendève sembe parlà in dialette barèse, mendre a Nichi Vèndola non u sèndeche ma' parlà in dialètte.
Famme sapè.Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SEMPRE PER FELIX

Messaggio  Admin il Dom Ago 12, 2012 1:23 pm

Come ce cjiendre tu? Sì tu ka sì acchemenzate! Peqquande reguarde le du politeke, lassàmele fà, tenimele fora la politeche da coamanacosaellalde. Pemmè ognune parle come vole e scrive come vole. Le dialette non appartenene a nesciune. Ci pò sciamallesce u tagliane, ddà sì ka te ne puete avverte da come scrìvene ci iune jè de na vanne o de l'alde. Ma u dialette non è de nusciune, le dialette, come discene chide ka parlene diffigle, sò libertarie. Meh, tanda salute! falàn
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

CENTO PAROLE

Messaggio  felice.alloggio il Dom Ago 12, 2012 3:40 pm

Ciao Franz,
ti ho inviato per e mail le cento parole in Italiano con la mia traduzione in dialetto per il nostro Vangelo, e non mi hai dato ancora riscontro.
Ti ho inviato anche il testo in dialetto veneziano di una commedia di Goldoni con la preghiera di tradurmela in Italiano ed inviarmela perchè mi serve per l'allestimento della prossima commedia, e non mi hai dato riscontro. Ti prego di dirmi se puoi aiutarmi oppure no. Ciao, per il resto io stavo solo scherzando!!!
Admin ha scritto:Come ce cjiendre tu? Sì tu ka sì acchemenzate! Peqquande reguarde le du politeke, lassàmele fà, tenimele fora la politeche da coamanacosaellalde. Pemmè ognune parle come vole e scrive come vole. Le dialette non appartenene a nesciune. Ci pò sciamallesce u tagliane, ddà sì ka te ne puete avverte da come scrìvene ci iune jè de na vanne o de l'alde. Ma u dialette non è de nusciune, le dialette, come discene chide ka parlene diffigle, sò libertarie. Meh, tanda salute! falàn
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

DIALETTO VENEZIANO E DIALETTO BARESE

Messaggio  felice.alloggio il Lun Ott 01, 2012 3:57 pm

Per Franz,
ti inviai tempo fa un testo del Goldoni scritto in dialetto veneziano per una traduzione. Non ho avuto più riscontro da parte tua e, fortunatamente, una mia corsista con parenti in quel di Chioggia, si prese tale impegno e lo ha mantenuto. Pertanto caro amico, lascia perdere e grazie lo stesso.
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PER FELIX

Messaggio  Admin il Lun Ott 01, 2012 5:10 pm

Caro Felice, mi spiace che tu non abbia rievuto il mio messaggio di posta elettronica che ti spedii privatamente dopo qualche giorno, non ti sarà certaemnte pervenuto. Come puoi pensare che non ti abbia voluto rispondere? Ripeto qui quello che più o meno avevo scritto nel mio e-mail. "Mi ero accinto a tradurre quando ad un certo momento mi sono imbattuto in una serie di parole auliche in veneziano di cui non conoscevo il significato. Allora telefonai ad un mio amico veneziano che ha una cartolibreria. L'amico è venexian verace ma non riusciva neanche lui a tradurmi dei termini che neanche lui conosceva. Mi ha detto che ogni tanto un suo amico capace di tradurre il dialetto aulico di Venezia lo andava a trovare. Mi disse di telefonargli ogni tanto, e lui mi poteva far parlare con l'amico se per caso era in negozio. Ci sarebbe voluto un eternità per cui io, a malincuore e con dispiacere, non riuscivo ad andare avanti". Questo è quello che ti scrissi qualche giorno dopo aver ricevuto il testo. Mi dispiace che una disfunzione della rete ti possa aver fatto pensare ad una mia cattiva educazione, che non mi è per nulla congeniale. Spero di avere spiegato il tutto. Bisognerebbe chiedere le scuse alla rete, any way mi spiace per il tempo che senza che io lo volessi, tu hai perso. franz
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Testo dialetto veneziano

Messaggio  felice.alloggio il Mar Ott 02, 2012 7:03 am

Ciao Franz,
in effetti non ho mai ricevuto il tuo messaggio e questo spiega tutto. Scusami e grazie per il tuo impegno.
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Messaggio  felice.alloggio il Mar Ott 02, 2012 7:20 am

Dal testo di T. Dell'Era "I cari baresi" -
Il Lagno (mia traduzione in dialetto barese)


U lagne
Iè nu deritte. u jus lamentandi, chembòrme a u jus murmurandi: nu deritte ca iè devendàte na pigra conzuetùdene.
U lagne de le barise no iè come a cudde de u cercalemòsene, no iè come a u lamìnde de Giobbe, iè nu lagne devèrse, nu lagne barese.
Na tradeziòne oramà, ca le giuriste come a Andrè e Sparàne avonne trascuràte jìnde a "le conzuetùdene de la cettà de Bare"; nu retuàle, come a disce buongiòrne, ciào, no mangherò, come a ne defèse condre l'ammìdie de l'alde crestiàne, come a n'astùte desègne: u lagne rènne (dà frutte)
Le barise miche chiangene ce la cettà de Bare vène destrutte, e nemmène chiangene come a l'Ebrè mbacce a u mure de u chiande, u lagne de le barise iè personàle, egoìsteche percè esclùde u chiande de l'alde e condemboràniamènne u pènze. Nfatte u lagne tène abbesègne de ci u sènde, senza na recchia ca sènde u chiande, u lamìnde pèrde ogni effecàgge. Come a l'amore, u chiande ava iesse fatte almène in du'.
Però no tutte chiangene secònne u rìte: stonne chidde per esèmbie ca dope u assàlde de u chembàgne se lemetèscene a disce: "viàte a te!" . Po' stonne cert'alde che aqquànne nge vène renfacciàte na spuderàta fertùne in amore o in affàre responnene: "no me pozzeche lamendà!". E pe fernèsce stonne ialde angòre ca no se lamèndene ndutte: chisse crestiàne vènene tenute a la larghe e conzederàte crestiàne pericolòse.
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

IL MITO veldàte a la barèse

Messaggio  felice.alloggio il Gio Ott 04, 2012 6:50 am

INTRODUZIONE AL MITO(veldàte a la barèse)
Ce nqualche iune velève acchià gende besciàrde, violènde, crudèle e pagghiùse, tradetùre e reffiàne, esageràte sì a odià che ad amà, mascalzùne ca facèvene a mazzàte ogni memènde, chernùte e nfedèle, fafellùse e pecciùse, farènue, avève scì probbie dà, sope a Monde Olìmbe!
Chessa mendàgne, circondàte da nùvue addò iavetàvene le DÈ andìche, parève nu condomìnie de matte pe chèdde ca chembenàvene ndrà lore e lore, senza prescìnne da chedde ca chembenàvene sope a la terre a l'essere umàne! Nfatte pe nu picce te petèvene accìte senza pietà come certe volte se fasce che le fermìche o come quanne se strazze nu fiore da u terrène.
A nu' nge pare mbossìbele de vedè achesì le DÈ de l'Olìmbe percè a la scole nge avonne sembe ditte e nge avonne sèmbe racchendàte cose belle, ma chesse iè storia vecchie e iè megghie a no fedàrse ma' de chedde ca discene l'àlde e scì a vedè mbesce le raccònde andìche e le storie vere.
Mò chisse DÈ se iacchiene tutte jìnde a le Musè, a Rome e Atène, stonne tutte raffeguràte o sope a na tele opuramènde sottofòrme de sculdùre de marme e de bronze. E pare a vedè ca quanne passa nanze a lore t'acchiamèndene e se mèttene a ride de nu'. Essì percè lore nge avonne sembe pegghiàte pe cule, de nu' a chisse no nge ne iè ma fregàte nudde! E stonne sembe vive, come aggìre e aggìre la cape, dà te iacchie Zeùsse, o Giove come u chiàmàvene le Romàne, a u àlde late sta Afrodìte o Vènere, sembe che chidde vèle nguèdde ca da sotte se vede e no nze vede, pare e no pare, e ièdde ca fasce finde de brevegnàrse, chedde sorte de...decìme svergognàte! E Dionìsie o Bacche, ca va' sembe redènne come a nu mbriàche demènde ca na raspa d'uve mane. Po' sta Posidòne, ossì Nettùne, segnòre de tutte le mare e de l'abìsse ca tène mane na sorte de fercìne longhe ca no nge serve a nudde tanne u pessce nge u pòrtene sembe l'alde, mò iè u fatte, probbie come a u sinneche Emilàne de Bare.
A pegghià menze a u scèche a chisse DÈ nge avonne penzàte sembe le screttùre come per esèmbie u commediògrafe atenièse Aristòfene e u romàne Luciàne, che la lore comecetà e irriverènze tìpeche de chidde ca fàscene sàtere argùte e ndelligènde. Le felòsefe mbesce scèvene sembe cercànne segnefecàte, simbele e allegorì naschennùte pure menze a le ciuffe de le pile e de le capìdde de chisse DÈ.[/b][/color][/size]
Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

DIALETTO E DIZIONARIO

Messaggio  felice.alloggio il Ven Ott 05, 2012 3:46 pm

SULLA UTILITA' DI UN DIZIONARIO DIALETTALE E REGOLE PER UNA MAGGIORE COMPRENSIONE DEI SUONI E DELLA SCRITTURA CITO:

A.PEROTTI, BARI DEI NOSTRI NONNI.


"... U dialette barese, come a tutte l'alde dialette, se va trasformànne, no more. Pòte merì ce more u l'ùldeme iavetànde, ossì ma'. E iè probbie pe chessa trasformaziòne, lènde e inesoràbele, ca iè mègghie a fessà chedda ca già sta.
...Da nqualche tìmbe stonne devèrse propòste: mò sta chedde de nu vocabolàrie de u dialette barese, fatte, se ndènde scientificamènde. Nqualche iune crède ca iè inùdele percè ogni barese pènze de canòsce u lenguagge su', o percè a u forastìre no nge ne mbòrte nudde, opuramènde angòre percè iè na cosa mìsere. Chisse crestiàne se ngànnene!... U barese ca crede de canòsce u dialette iè introvàbele: jìdde pòte canòsce se ma' na parte de dialette, chedda de la classe sociàle addò appartène....
... Per esèmbe ce tène famegliaretà che u munne marenàre, o ce tène famegliaretà che u munne condadìne, sape benìsseme le parole specialìsseme usàte da chessa categorì, ma no canosce l'alde.
...Nu vocabolàrie ava mette nzìme tutte chisse parole sparse e fissàrle che na forma precìse. Sole allore se pòte vedè ca u dialette barese no iè povere, percè tène tutte chidde parole ca nge sèrvene, nè chiù, nè mène. E allòre addò sta la cose, sta la parole. E seccòme a Bare, in tanda vite, avonne state e viste megliàie de cose, stonne megliàie de parole in dialette.
A mètterle nzìme jìnde a nu cuèrpe, fessà suòne e segnefecàte, iè n'obbre sane, giuste, nderessànne e giovèvele. Solamènde achesì so' possìbele chidde confrònde ca lumenèscene tande problème de scienze. Solamènde achesì se pòte sfatà chedda credènza scème ca u dialette iè na forme nferiòre de lenguagge, ndègne pure de iesse nomenàte, e da lassà a le vastàse e vagabònde.
U dialette iè mbèsce espressiòne naturàle, no artefeciàle, de le particolàre attetùdene de nu pobble; u dialette provène da le chiù profònne e resestènde radìsce de la vite, e iè cudde ca iè, percè no petève iesse deversamènne. U dialette barese iè Bare: la storia so', l'anema so', la ragiòne stesse de l'esestènza so'.

ARMANDO PEROTTI
DA: BARI DEI NOSTRI NONNI
-Il dialetto barese
(traduzione e sintesi di Felice Alloggio)
Ciao Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

DIALETTO E CONDIVISIONE

Messaggio  alisce fritte il Sab Ott 06, 2012 7:32 am

SULLA UTILITA' DI UN DIZIONARIO DIALETTALE E REGOLE PER UNA MAGGIORE COMPRENSIONE DEI SUONI E DELLA SCRITTURA CITO:

A.PEROTTI, BARI DEI NOSTRI NONNI.

"... U dialette barese, come a tutte l'alde dialette, se va trasformànne, no more. Pòte merì ce more u l'ùldeme iavetànde, ossì ma'. E iè probbie pe chessa trasformaziòne, lènde e inesoràbele, ca iè mègghie a fessà chedda ca già sta.
...Da nqualche tìmbe stonne devèrse propòste: mò sta chedde de nu vocabolàrie de u dialette barese, fatte, se ndènde scientificamènde. Nqualche iune crède ca iè inùdele percè ogni barese pènze de canòsce u lenguagge su', o percè a u forastìre no nge ne mbòrte nudde, opuramènde angòre percè iè na cosa mìsere. Chisse crestiàne se ngànnene!... U barese ca crede de canòsce u dialette iè introvàbele: jìdde pòte canòsce se ma' na parte de dialette, chedda de la classe sociàle addò appartène....
... Per esèmbe ce tène famegliaretà che u munne marenàre, o ce tène famegliaretà che u munne condadìne, sape benìsseme le parole specialìsseme usàte da chessa categorì, ma no canosce l'alde.
...Nu vocabolàrie ava mette nzìme tutte chisse parole sparse e fissàrle che na forma precìse. Sole allore se pòte vedè ca u dialette barese no iè povere, percè tène tutte chidde parole ca nge sèrvene, nè chiù, nè mène. E allòre addò sta la cose, sta la parole. E seccòme a Bare, in tanda vite, avonne state e viste megliàie de cose, stonne megliàie de parole in dialette.
A mètterle nzìme jìnde a nu cuèrpe, fessà suòne e segnefecàte, iè n'obbre sane, giuste, nderessànne e giovèvele. Solamènde achesì so' possìbele chidde confrònde ca lumenèscene tande problème de scienze. Solamènde achesì se pòte sfatà chedda credènza scème ca u dialette iè na forme nferiòre de lenguagge, ndègne pure de iesse nomenàte, e da lassà a le vastàse e vagabònde.
U dialette iè mbèsce espressiòne naturàle, no artefeciàle, de le particolàre attetùdene de nu pobble; u dialette provène da le chiù profònne e resestènde radìsce de la vite, e iè cudde ca iè, percè no petève iesse deversamènne. U dialette barese iè Bare: la storia so', l'anema so', la ragiòne stesse de l'esestènza so'.
ARMANDO PEROTTI
DA: BARI DEI NOSTRI NONNI
-Il dialetto barese
(traduzione e sintesi di Felice Alloggio)


INTERESSANTE CIO' CHE SCRIVE ARMANDO PEROTTI GIA' AI PRIMI DEL NOVECENTO. E' EVIDENTE CON QUANTO E' SCRITTO CHE BENE FANNO LE ATTUALI ASSOCIAZIONI CHE SI OCCUPANO DI DIALETTO A PERSEGUIRE IL RISULTATO DI RENDERE UN SERVIZIO A TUTTI I BARESI E AL PROPRIO DIALETTO. SBAGLIANO DUNQUE QUELLI CHE AFFERMANO IL CONTRARIO E CIOE,' TANTO PER FARE UN ESEMPIO, QUELLI CHE SCRIVONO CHE "IL DIALETTO E' COME A LA RASCIE, CHE COME LA VUOI MANGIARE LA MANGI".
A PARTE IL FATTO CHE NON HO VISTO MAI UN BARESE MANGIARE LA RASCIE CRUDA.
SECONDO IL PEROTTI QUESTE PERSONE CONOSCONO SOLO UNA PARTE DEL DIALETTO, SOLO QUELLO CHE SANNO, PERCHE' SI ISOLANO DAL CONTESTO GENERALE.
alisce fritte

alisce fritte

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 08.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

DIALETTO E GIOCO DEL CALCIO

Messaggio  felice.alloggio il Sab Ott 06, 2012 12:51 pm

Umberto Saba
Da: Canzoniere
- Goal


Scequatùre de pallone e tefùse, tutte unìte pe la vettòrie de na partìte de pallòne so' le protagonìste de chessa pausì scritte a verse sciolde.

Gòlle
U portìre cadùte a l'estrèma defèse
inùdele, sta' de facce nderre
pe no vedè l'amàra realdà.
U chembàgne ngenecchiàte u aiute
che le paròle e che na mane ad'alzàrse,
e vede l'ecchie mbùsse de larme.

Le tefùse, unìte jìnde a la gioie, pàrene
ca stonne menze a u cambe, mendre attùrne
a u vengetòre festèggene tutte le chembàgne.

Picche memènde belle come a chisse
a l'ùmene conzumàte da odie e amòre
iè congèsse de vedè sotte a u cìle.

Apprisse a la rete nviolàte u portìre
- u àlde – iè remàste. Ma no l'ànema so',
ca sta che u portìre, u prime, remanùte sule.
La gioia so' iè nu cazzecùmmere
e tande bagge ca manne da lendàne.
De chedda feste – disce – pure jì so' parte.


Traduzione in dialetto barese di Felice Alloggio
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PASOLINI IL DIALETTO E I LETTERATI BENPENSANTI COMUNISTI

Messaggio  felice.alloggio il Dom Ott 07, 2012 1:32 pm

Pier Paolo Pasolini
Da: Poesia in forma di rosa
-Supplica a mia madre


L'amòre ca legò Pasolìne a la mamme fu na salvèzze e a u tìmbe stesse la ruìna so'. Jìnde a chessa lìreche, la pausì se trasfòrme in chenvessiòne autobiogràfeche. Pasolìne se revòlge a la mamme e la sùppleche de no merì percè iè l’ùneca fèmmene che jìdde av'amàte. La storie po' nge ha date rasciòne percè quanne jìdde merì, la mamme ieve angòre vive. Ma cusse amòre, come jìdde stesse na volde decì, steve a la radisce de l'omosessualetà ca u poète non ha ma' vessùte serenamènne. La prima versiòne de chessa pausì combòste a verse lìbere, Pasolìne la screvì in dialètte de Casàrse, paìse natìve de la mamme, in provinge de Iùdene, e chessa scèlde mostre angòre na volde la profonnetà de u rappòrte ca u legàve a la mamme.

Sùppleche a mamme
Pe nu figghie a paròle iè deffigele a disce
cose ca no mbòdene ma' menì da u core.
Soldànde tu sa' ce pène tenghe jinde a me
chedde ca so' amàte da quanne so' nate.
Pedènne t'agghia disce na veretà sconvolgènne
percè da la grazia to' nasce l'angoscia me.
Tu pe me si insostetuìbele e pedènne
la vita ca me si date iè destenàte a la soletùdene.
Ma jì no nvogghie sta' sule, vogghie amà
tenghe fame d'amòre, amòre senz'àneme.
Percè l'àneme si tu, l'ànema me sta jìnde a te
ma tu me si mamme, e jì so' schiave a te:
so' passàte l'infànzie sembe che cusse penzìre
sembe che cusse mbègne, sublìme e senza remèdie.
Ieve l'ùneca manère pe sendìrme vive
l'ùneche chelòre, l'ùneca forme ca mò iè fernùte.
Nu' e du' no vevìme, ma sopavvevìme
ndrà chessa confusiòne senza rasciòne.
Pe piacère mamme, te sùppleche no nzi merènne
stogghe dò, sule, che te, na Pasque de Resurreziòne.


(poesia scritta da Pasolini in dialetto di Casarsa (Udine) e trascritta in dialetto barese da Felice Alloggio

P.S.: Ragazzi di vita ebbe una vita travagliata perchè aggredito dalle censure di sinistra i cui intellettuali benpensanti temevano che il dialetto e la cultura delle borgate periferiche romane potessero divenire protagoniste nella società. Insomma la dignità letteraria che poteva essere conferita all'opera "Ragazzi di vita" e alla parte più bassa della società offendeva i letterati comunisti, il loro paternalismo, le loro sclerosi culturali e la loro idea di letteratura.
Ma, ironia della sorte, tutto questo accrebbe il volume della "voce contro" pasoliniana. (V.C.)
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: SCRIVIAMO IN DIALETTO BARESE

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum