DIALETTO BARESE: CURIOSITA'

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

DIALETTO BARESE: CURIOSITA'

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:31 pm

CURIOSITA' E VARIETA' DEL DIALETTO BARESE

Sulla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi (7 luglio 2008), è stata pubblicata la recensione di Pasquale Tempesta del “Nuovo Dizionario dei baresi”, di Lorenzo ed Enrica Gentile (Levante Editori), nella quale ricorda che il vocabolo “sciocco” è tradotto in barese in ben 49 versioni dialettali.

Per chi non fosse in possesso del Dizionario i termini sono i seguenti:

allòcche, babbè, babbiòne, babbuàsse, bàbbue, babbuìne, babbuòne, baccalà, baiàcche, calasciòne, capacchiòne, capavacànde, cape d’acjìdde, cape de chiumme, cetròne, chèchè, checòmmere, chiacòne, cocò, fèsse, fessòne, jè jè, jè du june, lambasciòne, lòcche, lumacòne, maccaròne, mammalucche, mamòne, maulòne, menghiarìle, pabberùsse, pappamòsque, pernacchie, pernacchiòne, piùsse (arcaico), prevelòne, quaquè, rebambìte, scapecchiòne, scème, scème cocò, scèmefèsse, scemòne, stegghefisse, tòddere, toddre, tremòne, vavòne.
Ma la storia non finisce quì, eccovi qualche altro vocabolo ricco di traduzioni dialettali:

avaro: avàre, carecchiàle, carestùse, sckerzòne, seràre, serràche, sguizze, spedecchiòne, stritte de pjìtte;

povero: chiànge mesèrie, cule a l'àrrie, cule a l'anùte, muèrte de fame, ndèrra ndèrre, nute e crute, palazzùule, pezzènde, povvre, rezzulàne, sfasulàte, strazzàte;

ruffiano: cernacùle, leccacùle, lecchine, portapullàstre, reffiàne, rucche rucche, ruffe;

schiaffo: buffe, cannàle, carìzze, cheppìne, chiandèdde, chianèdde, cjìnghe dèscete, cinghe màgghie, garzàle, lavamùsse, leccamùsse, lisce e busse, mafòne, mandelline, mandòffe, mappìne, marvètte, pjiòne, porte e annùsce, recchiàle, salescinne, salvjiètte, sbèrle, scennènde, scennìzze, scervegliòne, sciacquadjìnde, sckaffe, screfegghiòne, scuèrze, senagghjière, senètte, serchiàle, serchiòne, serdelline, sighetenòsse, sin'e nnone, suàtte, sucamèle, sùrchie, svèndele, uànde, và e vjìene, vendagliètte, vertelline, vertuìne.

Saluti

Vittorio Polito
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DIALETTO E LINGUA, DIALETTO ARCAICO E GRAFIA DIALETTALE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:33 pm

DIALETTO E LINGUA, DIALETTO ARCAICO E GRAFIA DIALETTALE

L’Italia dal punto di vista linguistico è notevolmente differenziata nel suo interno, per cui oltre all’italiano numerose altre varietà linguistiche sono presenti definite comunemente con il termine dialetto. Ma questo termine, non sempre è accettato dai parlanti, perché ritenuto di valore inferiore rispetto a lingua, associata spesso a stereotipi negativi.
L’Italia, fra le nazioni europee, sostiene Rohlfs, uno studioso tedesco che si è occupato della situazione dialettale italiana, gode il privilegio di essere il paese più frazionato nei suoi dialetti. Un viaggiatore che inizia un viaggio dal Piemonte, passando per la Liguria, la Toscana, il Lazio per finire in Sicilia si rende ben conto di questa situazione.
Spesso si sente dire che il dialetto non è più quello di un tempo, si contrappone un dialetto più vecchio a uno più moderno, come se ciò fosse un fatto esclusivo di oggi. Certamente in questi ultimi decenni il cambiamento del dialetto è stato molto rapido, ma le ricerche mostrano che anche in passato nelle comunità di parlanti avvenivano continui rinnovamenti e variazioni dialettali.
L’espressione dialetto arcaico fa pensare al dialetto che si parlava un tempo o quello parlato anche oggi ma in luoghi geograficamente isolati, nelle campagne, in montagna, dalle persone anziane (i giovani sono tendenzialmente più «moderni» anche negli usi dialettali. Quanto sopra lo sostiene Carla Marcato, docente di linguistica italiana nel suo libro «Dialetto, dialetti e italiano» (Ed. Il Mulino).
La grafia dialettale, sostiene sempre Marcato, resta un problema quando non si faccia ricorso a trascrizione con segni diacritici, vale a dire con segni speciali che permettano di riconoscere il suono corrispondente ad un segno grafico, cioè una trascrizione fonetica.
La scrittura dialettale – e ciò si può osservare in qualsiasi area dialettale italiana – è quanto mai varia per il fatto che nel tempo si sono proposte soluzioni grafiche diverse per rendere suoni particolari di ciascun dialetto.
La mancanza di grafie dialettali unitarie, finalizzata a rendere la fonetica dei dialetti, sembra dovuta al fatto che i dialetti non sono stati interessati dai processi di normalizzazione grafica. Ad esempio, una grafia normalizzata del friulano è stata fissata da una legge regionale (n. 15/96) per la tutela e la promozione del friulano, ma fatica a diventare il modello di riferimento per tutti coloro che scrivono in dialetto abituati, magari, a seguire una delle tante tradizioni di scrittura.
Nel citato testo, ad esempio, si parla di tanti dialetti e di tante grammatiche ma delle grammatiche baresi e del nostro dialetto non c’è traccia.
Alla luce di quanto sopra sembra allontanarsi la possibilità di concordare una soluzione ai tanti problemi relativi al dialetto barese che si stanno dibattendo nell’ambito del seminario. L’ultima assemblea, e non solo, è stata una prova lampante in relazione alle vivaci e varie polemiche sull’utilizzo, ad esempio, della lettera j.
Vittorio Polito
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

J LUNGA: SI O NO?

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:36 pm

J LUNGA: SI O NO?

Ho ripreso dal «Dizionario etimologico dei dialetti italiani» (UTET), di Manlio Cortelazzo e Carla Marcato, una serie di vocaboli contenenti la j o la doppia jj, sottoponendola all’attenzione dei forumisti per le valutazioni del caso.

Manlio Cortelazzo, deceduto novantenne ai primi di febbraio, illustre luminare dei dialetti, ha insegnato per lunghi anni “Dialettologia italiana” all’Università di Padova, pubblicando centinaia di saggi e contributi di ricerca e di promozione dello studio scientifico del dialetto. Un suo alto merito è la promozione degli studi dialettologici negli anni Settanta, quando dirigeva il Centro di Studio per la Dialettologia Italiana del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Carla Marcato è professore di linguistica italiana all’Università di Udine e si occupa di dialettologia, etimologia, antroponimia e toponomastica.

Àjo de San Giovanni, laziale: romanesco; emiliano, reggiano)
Jàcca (sardo centrale)
Jacchiatura, (salentino, con varianti;)
Jacòbbu , (siciliano, a Ragusa jacòpu)
Jacovèlla (campano in Irpinia)
Jàgnë (abruzzese)
Jammòttu (salentino)
Japichìnu (calabrese: Polistena)
Jàrbe da cuèstis (friulano)
Jatta cenerèndele (abruzzese; campano)
Javetà (pugliese, nel tarantino)
Jéddu (siciliano, anche jéllu)
Jéffula (campano, Napoli)
Jélu (calabrese)
Jemmessùre (molisano)
Jermànu (calabrese)
Jérmitu (siciliano, con varianti; calabrese jérmita, ecc.)
Jéersu (calabrese, con varianti)
Jjattìta (umbro)
Jòne (friulano) Jòp (veneto giuliano)
Jòrni condarécci (marchigiano, a Macerata)
Jòrnu céndo (marchigiano: Macerata)
Jòta = minestra di crauti e fagioli (veneto giuliano)
Istérju (sarco con varianti)
Jubàl (friulano con varianti)
Juccurià (laziale Castel Madama)
Judìscu (siciliano)
Jurnàte de la nnucendetà (abruzzese)
Jùsse (abruzzese a Villanova)
Jùza (veneto giuliano)
Nteja o anteja (calabrese settentrionale)
Òjjo de Régno (marchigiano)
Òjjo ferrato (umbro)
Òjo dè càrta (marchigiano: Macerata)
Pajàn (friulano)
Prijìzza (calabrese; salentino)
Prisàgghji (calabrese meridionale)
Réppio (umbro: Bevagna)
Ròja (calabrese settentrionale)
Rojda (piemontese)
Rpijà lu pallì (marchigiano: Macerata)
Schjaìna (abruzzese: Zizzoli)
Sfrajatùra (laziale: Ascrea; abruzzese)
Sghijè (piemontese)
Sìnghij (corso)
Strìnghja (ticinese Val Bedretto)
Tràje (pugliese: Bitonto)
Trasé ra fjòca (piemontese: Alba)
Vajantìsa (piemontese)
Varchijà (lucano: San Fele)
Varnéju (laziale e umbro)
Vecchjarola (marchigiano: Macerata)
Vòjp (romagnolo)
Vujìna (pugliese, nel tarantino, nel salento)
Zaffarajòlu (sardo logudorese settentrionale)
Zgnunfjè (emiliano: Parma)
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

I DIALETTI DELLA PUGLIA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:38 pm

I DIALETTI DELLA PUGLIA

Nella Puglia, tra Ostuni, Ceglie,Taranto a nord, e Grottaglie, Francavilla, Brindisi a sud, cade la linea di confine tra due sezioni della grande famiglia dei dialetti italiani meridionali: la molisano-abruzzese-campano-lucana e la calabro-sicula. Appartengono alla prima le varietà pugliesi settentrionali, alla seconda le varietà pugliesi meridionali o salentine.

Nei dialetti settentrionali, come nei molisani e abruzzesi, si è conservata intatta, fuori d’accento, una sola vocale, l’a, e nella sola protonia; tutte le altre, protoniche e postoniche, hanno perduto ogni vivacità di colore, accostandosi più o meno all’e muta francese. Le vocali accentate si sono invece rotte in dittonghi di tinta svariata: molfettano càepe, bitontino chèupe, ecc. “capo”; molfettano sàete, bitontino sàite, cerignolano sèite, ecc. “seta”; molfettano fòele, bitontino fóele, cerignolano fóile, ecc. “filo”; molfettano scàope, bitontino scàupe, cerignolano scoupe, ecc. “scopa”; molfettano lèune, bitontino léune, ecc. “luna”. Anche gli abitanti di questa parte della Puglia dovevano essere di stipite italico, affini ai Pentri di Bovianum, ai Peligni di Corfinium ecc., ai Sanniti del Sannio e della Campania.

I dialetti pugliesi meridionali, come i calabresi e i siciliani, non conoscono vocali indistinte e, da Lecce in giù, l’o, tanto nell’accento quanto fuori d’accento, si è chiusa in u (ura “ora”, sule e suli “sole”, sulu “solo”, dunu “dono”, utu “voto”, culure e culuri “colore”, luntanu “lontano”, ecc.), e l’e nell’accento si è chiusa in i (sita “seta”, siti “sete”, rina “arena”, siu “sego”, ecc.). Nelle varietà della zona più settentrionale, a Brindisi, Mesagne, Francavilla, Manduria, si è chiusa in i anche l’e finale e in genere l’e fuori d’accento (brindisino imbrici “embrice”, résciri “reggere”, li Cínniri “il giorno delle Ceneri”, Binidittu “Benedetto”, sintía “sentiva”, ecc.). Gli antichi abitatori di questa parte estrema della penisola, i Messapi, non erano di stipite italico, ma affini agli Illiri, allora stanziati sull’altra sponda del mare Adriatico, lungo le coste dalmate. Alla diversità del sostrato sarà da attribuire verosimilmente anche la mancanza, in qualche varietà salentina (Brindisi, Mesagne, ecc.), dell’assimilazione di nd in nn (méndula “mandorla”, mandari “mandare”, ecc., e non ménnula, mannari), che è una delle alterazioni consonantiche che allaciano strettamente insieme quanti dialetti si parlano oggi dalle Marche e dall’Umbria alla Sicilia. Manca all’intera regione salentina anche l’assimilazione di ld in ll, ch’è fenomeno marchigiano, umbro, romanesco, molisano e pugliese settentrionale (tarantino e ostunese cávete, leccese cáudu, ecc. “caldo”, ma cerignolano ecc. calle). È invece di tutta la Puglia (e di una parte della Basilicata) l’esito sc(i) dei latini j-, -jj- (leccese sciocu, barese sceche, ecc.” giuoco”; leccese scigghiu, barese scigghie ecc. “giglio”; leccese pesciu, barese pésce ecc. “peggio”) di contro all’italiano meridionale comune j-, -j(j)- (abruzzese jóche, napoletano juoche, siciliano jocu; abruzzese péjje, napoletano pevo o pe(j)o, siciliano peju). A Lecce, Maglie, ecc. sc(i) è anche l’esito del latino str (fenescia “finestra”, mmosciu “io mostro”, nesciu, noscia “nostro, -a”, ecc.): e questa grave alterazione del nesso consonantico latino, come in genere la pronunzia invertita dei nessi tr, str che le parlate salentine hanno in comune con quelle della Calabria estrema e di una gran parte della Sicilia, è indizio della presenza in quei luoghi di genti di razza diversa dall’indoeuropea con le quali gli invasori indoeuropei (Italici e Illiri) si frammischiarono.

Anche nella Puglia vivono resti di colonie straniere, oasi etniche e linguistiche destinate a sparire, assorbite dall’elemento italiano che le attornia e le incalza da ogni lato.

A Faeto e a Celle San Vito (Foggia) si parla tuttora un dialetto di tipo franco-provenzale, sebbene profondamente intaccato dalla parlata locale pugliese settentrionale (foggiano). Esso proviene dai nuclei franco-provenzali formatisi in Puglia sotto Carlo I d’Angiò. Tracce di stanziamenti di provenienza identica si trovano tutt’attorno: a Montaguto, Monteleone di Puglia, Ariano Irpino a sud; a Castelluccio Valmaggiore, San Bartolomeo in Galdo, Volturara Áppula a nord.

Tracce albanesi si riscontrano nella parte settentrionale della Capitanata e nei monti della Dáunia; mentre resti di colonie albanesi si trovano in provincia di Taranto, nei comuni di San Giorgio Ionico, Roccaforzata, Faggiano, Monteparano e San Marzano.

Si parla greco nella terra d’Otranto in un’oasi compatta a sud-est di Lecce, detta la Grecìa Salentina, oggi ridotta a sole otto borgate, di una ventina ch’erano nei secoli XIV e XV: Calimera, Martignano, Sternatia, Zollino, Martano, Castrignano, Corigliano, Soleto. Si pensò che questi Greci (come quelli di Calabria) fossero i discendenti di qualcuna delle torme di infelici che, durante le feroci guerre di Roberto il Guiscardo e del figlio di lui Boemondo contro Alessio Commeno nella penisola greca (1077-1085) furono trascinati in Italia; accresciuti poi da profughi delle colonie romaiche della vicina Sicilia, oppresse e disperse dai Normanni, e ingrossate negli ultimi anni del regno di Ruggero II dopo la sua corsa vittoriosa attraverso la Morea (1147). Si pensò da altri che fossero invece i discendenti di colonie stabilitasi tra la metà del secolo IX e la fine del X, quando la dominazione greca fu consolidata da Basilio I. A ogni modo è da escludere che si tratti di reliquie dell’evo antico, anziché d’un rifiorimento greco medievale. Lo comprova la lingua dei loro canti, uguale a quella che si parla oggi in tutta la Grecia, e che è il dialetto dell’Attica, reso illustre e potente dal genio dei suoi figli, alterato da elementi eterogenei soprattutto nel lessico e nella sintassi. La vecchia tesi, che queste colonie siano la continuazione diretta delle antiche colonie che popolarono la Magna Grecia, è confutata dallo studio dei nomi locali del Salento, dei quali uno solo risale all’età greca antica: Gallipoli, l’emporio greco dirimpetto alla messapica Anxa. Gli altri sono o preindoeuropei (Ória, Carovigno, Arnesano, Monteroni, Maglie, Tuglie, ecc.) o messapici (Taranto, Brindisi, Alezio, Vereto, Neretum ora Nardò, Valesium, Hydruntum = Otranto, ecc.) o latini. Particolarmente notevole, a sud della strada Taranto-Brindisi, la grande quantità di nomi locali in –ano da nomi gentilizi latini (Carpignano, Casarano, Melpignano, Neviano, Sogliano, Taviano, ecc. e gli stessi Castrignano, Corigliano, Martano, Martignano, oggi greci), che non si possono spiegare se non ammettendo che il Salento, conquistato dai Romani, fu diviso in piccoli poderi (praedia) durante i primi secoli dell’Impero. I coloni bizantini sopravvenuti presero dimora nei luoghi che, già abitati da Latini o da Italici latinizzati, conservano ancora il loro nome schiettamente latino. Delle colonie greche salentine la sola Calimera ha nome greco, ed è proprio quella di cui si sa con sicurezza che fu fondata nell’età di mezzo.


Guida d’Italia. Puglia, Touring Club Italiano, Milano 1978.
Microsoft ® Encarta ® 2006. © 1993-2005 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

USO DELLA LETTERA J: COME LA PENSAVA DAVIDE LOPEZ (1867-1953)

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:40 pm






avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

USO DELLA LETTERA J: COME LA PENSAVANO GLI ALTRI

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 10, 2012 3:41 pm





avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DI QUALE BARI IL FRASARIO SOTTOSTANTE?

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Ago 12, 2012 3:57 pm





L'ARCANO E' STATO INDIVIDUATO:
LE SUDDETTE FRASI SONO STATE COPIATE DAL "FRASARIO DEL DIALETTO DI BARI" DEL PROF. A LACALENDOLA (Liantonio Ed., 1962) E INSERITE NEL LIBRO "BARESISMI" DI A. SCIACOVELLI (Wip Edizioni), SENZA SPIEGAZIONE ALCUNA, PER CUI VIENE FUORI TUTTO QUEL PO' DI PAROLE STRANE E SCONOSCIUTE.



ESEMPIO:




ORA E' TUTTO CHIARO


avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

IL DIALETTO BARESE E LA DIVERSITA'

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Ago 12, 2012 4:01 pm

IN CONSIDERAZIONE DEL FATTO CHE A DISTANZA DI SOLO UN ANNO SI CAMBIA OPINIONE, È IL CASO DI RICORDARE, A CHI FA CRITICHE D’IMPETO, ALCUNI PUNTI DI VISTA SOSTENUTI SOLO FINO AD UN ANNO FA E CHE OGGI VENGONO GIUDICATI DIVERSAMENTE.

DIALETTO & REGOLE

DA COMANACOSAELLALDE
felice.alloggio Lun Nov 28, 2011 8:46 pm

«Carissimi amici,

due parole sul Senatore Francesco D'Ovidio,
Nato da madre originaria di Trivento, frequentò con successo la Scuola Normale di Pisa, e si occupò nello specifico di letteratura tedesca. Successivamente s'interessò anche alla glottologia in generale, e non ancora trentenne divenne docente di materie letterarie classiche nelle strutture ginnasiali di Bologna e di Milano. Poi, sempre in giovane età, ottenne la facoltà di poter insegnare lettere classiche nell'ateneo napoletano. Attestati di benemerenza per il lavoro che svolse gli furono attribuiti da Benedetto Croce e Niccolò Tommaseo. Socio di un importante circolo letterario partenopeo, presiedette per un quadriennio l'Accademia dei Lincei, e divenne socio di quella della Crusca [1]. Nel suo lavoro d'indagine letteraria si interessò di Dante Alighieri, Alessandro Manzoni, Torquato Tasso. Egli è anche noto come propugnatore della corrente tendente ad adottare il dialetto fiorentino con opportuni aggiustamenti, secondo la visione manzoniana. Fu candidato al Premio Nobel per la letteratura. Per quanto riguarda il Molise, Francesco D'Ovidio si occupò degli aspetti connessi al modo di parlare derivanti dal dialetto campobassano, e dedicò un suo scritto alla ricorrenza del Primo centenario della Provincia molisana. Il suo slancio fu sempre teso al miglioramento morale e sociale degli abitanti della sua terra natia ed alla manifestazione organizzata in occasione del quarto di secolo dalla sua morte intervenne il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi. (da: WIKIPEDIA)

Il prof. D'Ovidio che ho studiato quale critico letterario al pari di Francesco De Santis nei miei anni presso la Facoltà Lettere all'università, e del quale ho saputo solo qualche giorno fa che si è interessato molto dei dialetti e della Glottologia, pure non insegnandola, mi ha messo in crisi. E si perchè carisimi amici, questo importantissimo critico letterario è stato un sostenuto assertore dell'uso della doppia consonante all'inizio della parola, sicuramente per i dialetti, ma cosa davvero sorprendente, anche nella lingua italiana, sebbene solo in taluni casi. E' chiaro che a fine Ottocento le norme grammaticali italiane riguardavano ormai l'intera nazione e, per questo, erano state ormai codificate ed era impossibile procedere ad una riforma ortografica del genere. Inoltre, come affermava lo stesso D'Ovidio, "vi era una certa diffusa ripugnanza."
Tutto ciò l'ho letto per puro caso, solo qualche giorno fa in un bellissimo libro antico di poesie ostunesi di Pietro Pignatelli soprannominato Lu Barcarulu nel capitolo intitolato "Ortografia del dialetto ostunese", il cui dialetto si avvicina molto più a quello barese che a quello salentino. Il raddoppiamento della consonante all'inizio di parola si definisce "geminazione". Si tratta del suono più intenso della consonante iniziale di una parola per effetto di quella che la precede. Quindi il raddoppio va fatto e, afferma il D'Ovidio, senza bisogno di alcuna regola grammaticale, perchè è sufficiente l'emissione orale per scrivere immediatamente nel momento stesso una qualsiasi parola o frase dialettale e, quindi, codificarle.
Nel Seminario sul dialetto del quale faccio parte, la geminazione non è ammessa, però leggendo le poesie del libro, queste sono molto presenti, così come lo sono in tanti altri poeti dialettali molto importanti, primo fra tutti il Belli e la poesia romanesca. Ma il D'Ovidio parla anche dell'uso della lettera "J" nel dialetto, dell'uso importante dell'aferesi (') , dei nessi con la nasale, tutti argomenti che nel Seminario sono stati già discussi e approvati esattamente in modo opposto alle tesi del D'Ovidio. Ma lui era un critico letterario e un glottologo, noi nè l'uno nè l'altro!
Di qui nascono i dubbi e, siccome avere dubbi significa essere saggi, ecco che ora sono in crisi, anche perchè l'anno prossimo conto di pubblicare un importante lavoro e, francamente, adesso non so cosa fare, a cosa riferirmi.
Ma non è finita. Recentemente ho conosciuto il prof. Francesco De Martino, ordinario di Letteratura Greca all'Università di Foggia al quale gli ho riferito che nel Seminario stiamo realizzando una grammatica dialettale barese. La sua risposta mi ha gelato! Infatti mi ha detto di non essere assolutamente d'accordo con questo progetto semplicemente perchè è un non senso. Dialetto, mi ha detto in greco significa diversità. Ognuno di noi, ha continuato, parla in dialetto in modo diverso in momenti diversi della stessa giornata, e può esprimere la stessa parola anche in modo diverso addirittura da un momento all'altro, cioè nel giro anche di pochi secondi. Questo perchè, per l'appunto, dialetto è sinonimo di diversità. Come si può allora pensare ad una grammatica?
Francamente non so cosa fare, ma dopo quello che ho letto e sentito tutto mi sembra crollare addosso.
Ciao a tutti e scusate questa disgressione alle 21,36. Ora vado a cenare e poi a dormire. Spero che la notte mi porti consiglio.
Felix»
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO" DEL 12 AGOSTO 2012

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Ago 13, 2012 6:26 am

Non sei vero barese
se al mare non peschi
i ricci e te li scrofani



di ALBERTO SELVAGGI

Non c’è dubbio, ha ragione il collega che mi ha ispirato: «Uno non è barese se, quando va al mare, non si porta il coltello, pesca i ricci e li mangia». Non sei un barese se non unisci l’utile al dilettevole. Non sei un barese se non levantinizzi finanche lo svago. Non sei barese davvero se non sgrosci di brutto succhiando il nettare che offre il fondale. Il torinese, il milanese nevrotizzato vanno al mare come prevedibili umani: il costume, il lettino, la crema abbronzante. Il barese, avvezzo a commutare in convenienza pure l’amicizia datata, a massimizzare il profitto sul suo percepire squallido in qualsivoglia situazione esistenziale, applica al mare la regola aurea: nello zainetto cela sempre coltellino, retina, o un secchiello, o la busta di «blastica» (mai pronunciare con la pi, ché si perde la cittadinanza).

Si trovi a Trinidad, in Kuwait come a Fesca, San Giorgio o Torre a Mare, si accomoda sulle natiche: «Aah, sì!». Prende un poco di sole, si sciacquetta qua e là: pla-plaplà, pla-plaplà. Dopo di che, brandendo la lama da sub, da bragiuola o da cozza gratinata si ammena e incomincia la caccia. Le prede più ambite sono i ricci, pur se smagriti in agosto, che – generoso - passa ai bambini talvolta: «Pigliate... Pigli!». Sia perché ne è ghiotto, sia perché alla Lanza ‘ngostano assai, mentre la prateria subacquea li smolla gratis.

Il barese, in quanto tale, non si spinge mai in immersione oltre i due metri. Ma se avvista putacaso una costellazione di gusci aculei calcarei, può toccare anche i 470 metri in apnea tenendo la bocca aperta per afferrarli alla maniera dei cani. Tornato sopra lo scoglio insozzato dalla rimmata che egli per primo ha depositato, li acciaffa con la manotta prensile, li sfracana con l’arma e slurpa le leccornie con lingua di lama. Ne sorchia orribilmente l’apparato buccale e le labbra si tingono di sbaffi corallo in un face-painting da sessantottesco indiano metropolitano.

A questo punto pronuncia la frase: «Nèh, ci è ssò bell’ ‘l rizz! So’ chijn chijn!». Dalla quale echeggia la meditatio degli astanti: «Moh, ha pigghiàt’ ‘l rizz’, kudd figgh’ d’ sfessat’...».
Per tale consuetudine il barese è molto apprezzato sulle coste del Ghana. Ottuso com’è suddivide questi echinodermi in «femmine» polpose e «maschi» esangui. Non sa che quelli vacanti sono semplicemente Arbacia lixula, altra specie dal Para centrotus lividus, delle cui gonadi di ambo i sessi ci ingozziamo, o dallo Sphaerechinus granularis, il «regina» violaceo. Ma allu baràis non basta il riccio per sentirsi veramente d’ Bbàr. Il suo istinto ladro preme a 360 gradi. Gli insaziabili non si fermano davanti alla gozza selvatica che cresce a ridosso dei depuratori affogati. È gente già appestata da epatiti A, B, B³, X e M (M sta per Mutante). Per questo può ben vantarsi, prima di crepare: «A me queste mi fanno solo la sciacquatura».

Tanti, considerando taratuffi e musci leccornie insperate, si incanagliscono sulle patelle, indifese come pecore davanti a branchi ungolati. Bella forza a frecarti la patella, barese che non sei altro. Di qua ai cozzilli, all’erba marina all’amianto, al granchietto stecchito con una zoccolata, è breve il passo. Quanti ne vediamo sul Lungomare sgranocchiare contenti le zampucce elettrizzate, affondare gli incisivi nei carapaci: cra- cracrack! La pelosa, è noto, si cuoce, non si mangia, offrendo al sugo un prodigioso concentrato aromatico. Il polpo invece, se si auanda per puro miracolo, si crepa sulla roccia seduta stante, si arriccia spandendo scivolose trappole per gli altri bagnanti, e si mangia con laceranti scotimenti del capo o risucchiando cirri come il formichiere nelle praterie africane. A questo punto il barese, se è davvero tale, può pure suicidarsi o consumare rapporti impuri con un leccese ed è lo stesso. Esulta come mai avrebbe sperato: «Mudù, mudù, cci è bell’ ‘u pulp!». E il giubilo genera l’eco dei vicini su canone inverso bachiano: «Ma vid a cudd kittemmurt: pur ‘u pulp s’ha frecat’».


avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

I BARESI AL MARE

Messaggio  Admin il Lun Ago 13, 2012 8:31 am

Sono rimasto estasiato leggendo l'articolo di Alberto Selvaggi apparso sula Gazzetta del Mezzogiorno del 12 agosto ultimo scorso. L'ho trovato delizioso per la forma italiana, delizioso per la vitalità e la comicità che lo pervade e, soprattutto, per la descrizione perfetta della baresità che Selvaggi ha descritto da acutissimo osservatore di noi baresi. Veramente un gran pezzo di giornalismo e, perchè no, di ottima antropologia culturale. Se in Puglia si tengono dei premi di giornalismo candido questo gran bell'articolo ad uno di questi premi. Ringrazio l'amico Vittorio Polito per averci fatto conoscere una così gran bella penna. A questo serve Comenacosaellalde. franz falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

PARALLELISMI

Messaggio  Admin il Sab Ago 18, 2012 3:58 pm

Fra le parlate venete e la parlata barese ci sono moti punti in comune, per esempio in barese per dire sono incazzato, si dice tenghe la suste, in veneziano per dire che si è giù di morale si dice so sò de susta, sono giù di susta. Ci sono altre due parole nel barese e nel veneziano che hanno parecchio in comune. In barese per indicare le bigotte si dice bizzoche, in veneziano si dice pizzocchere, come si vede le parti iniziali, bizzo e pizzo, sono simili. Chissà perchè, sia in barese che in veneziano, queste due parole sono al femminile, al maschile è più difficile sentire il bizzoco, il pizzocchero. franz falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

«Franchin del Sénégal». dal "CORRIERE DELLA SERA.IT"

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Ago 22, 2012 5:37 am

SOCIETA'

«Vengo dal Senegal ma parlo barese»
Talla racconta la sua esperienza

«Uè paisà!» il docu-film del pugliese Torres
In ricordo degli immigrati della strage di Firenze

BARI - Talla è un senegalese che parla perfettamente il dialetto barese, ma per chi lo incontra nei mercati pugliesi, dove fa il venditore ambulante, lui è «Franchin del Sénégal».
«Il dialetto l'ho imparato perchè mi piace, e poi così è stato più facile per me farmi amare dalla gente», racconta Talla durante l'intervista nel documentario Uè paisà! di Gianni Torres.

IL DOCUMENTARIO - Il regista polignanese ha voluto riproporre il suo lavoro, realizzato nel 2003, «per ricordare i senegalesi uccisi pochi giorni fa a Firenze». «Ho avuto il piacere di incontrare Talla anni fa, di cui ora ho perso purtroppo le tracce - continua Torres -, mi ha colpito la sua capacità di adattarsi alla nostra società, l'amore per il nostro dialetto. I senegalesi sono un popolo straordinario, il loro altruismo verso noi italiani va riconosciuto».

RICONOSCIMENTI - Uè paisà!, premiato dalla Fondazione Europea «come esempio originale d'immigrazione», è stato proiettato in più di cinquanta città italiane, compresa Firenze, è presente al museo del cinema di Torino, ed è stato inserito in diverse pubblicazioni editoriali.

16 dicembre 2011


http://www.youtube.com/watch?v=-f0Zb61okUs
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

AUGUSTO CARBONARA, SHAKESPEARE E IL DIALETTO BARESE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Ago 31, 2012 6:40 am

UNA SIMPATICA PAGINA DI SHAKESPEARE TRADOTTA IN DIALETTO BARESE DA AUGUSTO CARBONARA


Tutt’u munne iè na scene

Tutt’u munne iè na scene
e tutte l’èmmene e le fèmene so’ asselute scecuature;
c’avonne le lore assute e le lore trasute,
e nu crestiane p’ogne tìembe tene la parta sò.
E pe iidde tutte le mosse tènene sette etate.
_ Apprime u pecceninne de la menne
ca gnauesce e vemecquesce sope le vrazze de la lattara sò.
_ Po’ vene u scuare
ca sfelamesce che la cartiere,
la mattenera fàccia luscende
stresscianne come a nu cazzavone, ca non vole scì a la scole.
_ E po’ u nnamorate
ca sospire come a na fernasce, che na canzona sestose
scritte pe le sopaccègghie de la patrona sò.
_ E po’ u seldate
chìene de sdrèuse gasteme, e la varve accome a nu lioparde
geluse pu anore, mbrime ad allemarse all’andrasatte
cercanne chedda vodde de sapone ca iè la nemenate
pezzinghe nnande a la vocche de nu cannone.
_ E po’ u giùdece che la bedda venda tonna tonne,
abbegnate de azzeccuse peddastre
che l’ècchere severe e la varve cu tàgghie solenne,
chìene de dèttere sapute e parole sembe repetute.
E acchessì se scioche la parta sò.
_ La sesta etate s’àcchie
iinde a le calze fatte larghe e le chianedde,
che l’acchialine sope au nase, e la vorsette a u cueste.
La bon’astepata veste de la giovendute s’è fatte larghe assà,
pe le gamme mazzelìende e la voscià sò d’òmene gresse
iè veldate arrete a la voscedde de nu pecceninne,
che le sònere c’assemègghiene a pìffere e fresckettine.
_ L’uldema scene de tutte
ca fasce fernesce chessa stòrie chiene de tande vrevùgghie
iè la seconda picciualdate de chembleta scherdanze
senza dìende, senz’ècchere, senza guste, senza nudde.

Veldate alla barese da “Accome tepiasce 2,7” de William Shakespeare
da Auguste o pe Èlie e Marie _ 24/07/11


l the world's a stage

All the world's a stage
And all the men and women merely players,
They have their exits and entrances,
And one man in his time plays many parts,
His acts being seven ages.
_ At first the infant,
Mewling and puking in the nurse's arms.
_ Then, the whining schoolboy
with his satchel
And shining morning face, creeping like snail
Unwillingly to school.
_ And then the lover,
Sighing like furnace, with a woeful ballad
Made to his mistress' eyebrow.
_ Then a soldier,
Full of strange oaths, and bearded like the pard,
Jealous in honour, sudden, and quick in quarrel,
Seeking the bubble reputation
Even in the cannon's mouth.
_ And then the justice
In fair round belly, with good capon lin'd,
With eyes severe, and beard of formal cut,
Full of wise saws, and modern instances,
And so he plays his part.
_ The sixth age shifts
Into the lean and slippered pantaloon,
With spectacles on nose, and pouch on side,
His youthful hose well saved, a world too wide,
For his shrunk shank, and his big manly voice,
Turning again towards childish treble, pipes
And whistles in his sound.
_ Last scene of all,
That ends this strange eventful history,
Is second childishness and mere oblivion,
Sans teeth, sans eyes, sans taste, sans verything.

William Shakespeare
All the world's a stage (from As You Like It 2/7)
from August to Elio and Maria _ July 24, 2011
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DUE PAROLE

Messaggio  Admin il Gio Set 27, 2012 3:42 pm

Mi sono ricordato di due parole che risalgono ai lontani anni cinquanta del secolo scorso: U ricche pelone e U giochedellotte. Il gioco del lotto è facilmente comprensibile, la prima significa Il ricco Epulone. admin
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

RE: DUE PAROLE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Gio Set 27, 2012 4:53 pm

ALTRI MODI DI SCRIVERE "GIOCO DEL LOTTO"

U scèche d’u lòtt (Arturo Santoro)
U gighedellòtte (Enzo Migliardi)
U gigdellotte (Peppino Zaccaro)
Ggigghedellòtte (Vito De Fano)


avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

IN TEMPI PASQUALI

Messaggio  Admin il Sab Ott 13, 2012 7:44 am

Quando la temperie culturale italiana era un filino più tranquilla e più aggiornata di quanto non lo sia all’oggi, in epoca di totale barbarie (se vuoi un esempio guardati intorno, dicevano i latini), nel nobile dialetto barese talora ruvido e irsuto ma sempre con i piedi ben piantati per terra, c’era l’usanza, durante le feste pasquali, di rispondere agli auguri di Pasqua (ovviamente fra amici consolidati) con un robusto “e chisse sò l’ove” “e queste sono le uova” indicandosi platealmente le regioni meridionali. Alcuni personaggi un filino più con la puzza sotto il naso tradussero in inglese questo modo di dire e, sempre nella solita situazione pasquale, anziché con il sopradetto modo barese, rispondevano “e bacia così amore tradotto in inglese”. Guarda caso, “bacia così amore” in inglese si dice “kiss so love”. franz falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

IN TEMPI PASQUALI

Messaggio  felice.alloggio il Sab Ott 13, 2012 11:10 am

Qual'è la fonte di quanto hai scritto Franz, sembrerebbe una tua interpretazione personale. A me sembra solo una bizzarra coincidenza "chisse so' l'ove" con "kiss so love"
Ciao Felix
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

A PROPOSITO DELLE UOVA DI PASQUA

Messaggio  Admin il Sab Ott 13, 2012 4:18 pm

Caro Felix, se fosse stata una mia interpretazione personale l'avrei detto. Era un divertito modo di dire nato presso il bar gestito dal mitico don Leopoldo, nei sotteranei dell'Ateneo, bar contiguo alla camera mortuaria, allora tutto era racchiuso nell'Ateneo. Nel mitico bar di don Leopoldo sono rinate le più intriganti feste della matricola addirittura qualche mese prima che terminasse l'orrore della seconda Guerra Mondiale. Tu non credo fossi ancora nato, beato te! Quello era il periodo in cui girellavano nell'ambiente universitario frasi come "kiss so love" "fatte nu chiappe" e "nulla è". Ti ringrazio per lo stimolo che mi ha permesso di ricordare altri due modi di dire tipici del linguaggio della meglio gioventù barese dell'immediato dopoguerra, gioventù che stava finalmente rivedendo le stelle. Al paragone con il piattume dei tempi contemporanei, non smetterò mai di lodare e amare i miei carissimi compagni di università dell'epoca. Basterebbe il loro immenso merito per aver fatto tornare il sorriso sul viso dei nostri concittadini baresi con le nostre feste della matricola, concittadini, insieme a noi ragazzi, reduci da un incubo che potrai agevolmente immaginare.Stammi bene! franz falanga
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

PREGÁME A LA BARÉSE - DVD PRESENTAZIONE AULA MAGNA ATENEO

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Ott 24, 2012 6:29 pm

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

LA VETRANE

Messaggio  Admin il Sab Dic 22, 2012 9:25 am

Non sapevo perchè in dialetto barese il morbillo fosse detto La vetrane. Ieri una persona molto gentile mi ha dato una sua interpretazione: la faccia dei bambini ammalati di morbillo si ricopre di foruncoletti spesso duri diventando quindi quasi una carta vetrata, ecco qui l'origine della parola. Riferisco quanto mi è stato detto. Se altri ne sapessero di più, benvenuti! admin
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

SCHIAFFI E SCHIAFFONI

Messaggio  Admin il Mer Dic 26, 2012 8:33 am

Sckàffe (U). Sostantivo maschile. Significa “schiaffo”. La sc prima della kappa va letta con la "sc" morbida come in “scegliere”. Notevole in questa parola la presenza della kappa. I vecchi barivecchiani dicono che lo schiaffo ha un centinaio di traduzioni. Proverò ad elencare tutte quelle poche che conosco: U sckàffe U mappìne U mandellìne U retuìne. U recchiàle. U lavamùsse U stusciamùsse U susessòtte U lavadjìente U sciacquadjìente U gnùffe gnùffe La cìnghe La dèsce U sdùmme U cannàle U garzàle U chèchere (anche se è dato sulla càpa) U serdellìne U va evvjìene U beffettòne U cheppìne U serchiàle U paberùsse Qualche spiegazione ci vuole. U sckàffe = lo schiaffo, evidente. Pronunciare sc dolce come in “scendere”. U mappìne = il mappìno. L'origine è controversa. La mappina in barese è lo strofinaccio. Se lo strofinaccio/mappina è completamente bagnato, sbattendolo sul viso di qualcuno forse fa male. Potrebbe essere una spiegazione. U mandellìne = il mandolìno. Non ho idea di che cosa si provi ad avere un mandolino nei denti. U retuìne = il rotolìno. Forse significa l'effetto di rotolamento su se stesso quando si riceve lo schiaffo. U recchiàle = il recchiàle. Recchia è l'orecchio. La spiegazione è quindi uno schiaffo sull'orecchio. Dovrebbe far parecchio male. U lavamùsse = il lavamùso. Facile spiegazione. U stusciamùsse = lo stusciamùso. Stusciare in barese significa pulire con una certa forza. Quindi puliscimùso. U susessòtte = il sopra e sotto. Indica uno schiaffo dato in due movimenti all'insù e all'ingiù, in due momenti ben distinti, ma dati di seguito. U lavadjìente = il lavadènti. Ovvio. U sciacquadjìente = lo sciacquadènti. Altrettanto ovvio. U gnùffe gnùffe = onomatopeico. Gnùff gnùff è il suono del gargarismo che si fa dopo uno schiaffo, quando ti sono saltati diversi denti. Doloroso. Molto doloroso. La cìnghe = la cìnque. Schiaffo dato con una mano, con tutte e cinque le dita aperte. La dèsce = la dièci. Schiaffo dato con due mani, con tutte e dieci le dita aperte. Se si riesce a colpire contemporaneamente le due orecchie, la perfezione è raggiunta. Oltre al dolore si aggiunge al malcapitato un lungo ed odioso sibilo nelle orecchie. Questo sibilo si dice “surdellìne” “sordellino” italianizzato. U sdùmme = lo sdùmmo. Onomatopeico. Se uno schiaffo quando arriva a segno fa sdùmm! allora sono cavoli amari. U cannàle = il cannàle. Schiaffo vibrato di taglio sulla canna, sul pomo di Adamo insomma. E' uno di quegli accadimenti che ti fa andare via carico di meraviglia. U garzàle = il garzàle. Schiaffo vibrato sulle guance esternamente. Esattamente in direzione delle garze (vedi) che si trovano dentro la bocca, in prossimita dei denti del giudizio. U chèchere = il chèchero. Licenza poetica, come detto, perchè il chechero non è uno schiaffo ma un colpetto ben assestato con le nocche del pugno chiuso sul cranio del malcapitato. Così come la morte del polipo è l'acqua sua stessa, la morte del chechero è il carone. Carone in barese significa testa rapata. U serdellìne = Il sordellìno. E’ un fischio acutissimo che ti viene nelle recchie (vedi) quando ti arriva sulle medesime un recchiàle (vedi). U va evvjìene = Facile traduzione: va e vieni. U beffettòne = Dall’italiano “buffetto”. Grande buffetto. Fa male in modo affettuoso. U cheppìne = Il mestolo. Un mestolo nei denti, o meglio una mestolata nei denti, fate voi. U serchiàle = Da sùrchio. Uno schiaffo che ti fa tirare su il fiato. U paberùsse = Da paperùsso, peperone. Evidente l’accostamento delle dimensioni e del colore. Sckaffòne (U). Al plurale “sckaffùne”. Non è lo schiaffone, ma il maestoso rigatone, quello liscio per l’esattezza. Per assonanza e per parentela culturale, il rigatone in napoletano è detto “pàcchero” che significa schiaffo, donde “paccariàta” che sta per “sculacciata” o una bella faccia riempita di schiaffi. In veneto si dice “sciaffonàda”. Pronunziare la “sc” come “scervellarsi”.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

L'ARTE DELL'INSULTO

Messaggio  Admin il Gio Gen 31, 2013 4:18 pm

Tempo fa ho pubblicato un piccolo lessico sul dialetto barese dal titolo O DADO’ O DADA’. In questo mio lavoro c’è un piccolo capitolo destinato alla raffinatissima arte barese dell’insulto. Sono molto fiero dell’assoluta scientificità con la quale è stata scritta questa piccola dissertazione sull’invettiva, considerata addirittura in senso ciceroniano. Considerata l’esistenza di un esercito di malfattori che sta inquinando dalle fondamenta la vita italiana, ho pensato fosse cosa buona e giusta dedicare a questi personaggi questo mio piccolo lavoro. Mi scuso con i miei lettori non pugliesi, sono comunque convinbto che con un piccolo sforzo potranno anche loro carezzare gli insulti à la barisienne e farne l’uso che più riterranno opportuno.franz falanga
Mmòcc! Letteralmente significa “in bòcca!”. In realtà significa “accidènti!”. Suoi sinonimi in italiano sarebbero “all’anima! All’animaccia!”. Va immediatamente detto che codesto termine è importantissimo e assolutamente basilare nella raffinata arte della costruzione dell’invettiva e dell’insulto. Va usato sempre come prefisso. I suffissi che di volta in volta lo accompagnano sono praticamente infiniti. Elenchiamo qui i più comunemente usati: “attè, ammàmete, assòrete, acchitemmùrte” oppure, rafforzando ulteriormente la frase, “acchitestramùrte”. Altri importanti suffissi sono: “opecciònedemàmete, opecciònedesòrete” che possono essere arricchiti con l’ulteriore suffisso “chedachiàveche” al femminile “cudechiàveche” al maschile, “chìde chiàveche” al plurale maschile, “chède chiàveche” al plurale femminile, sempre scritti in unica parola. Esiste un suffisso usato soltanto al femminile singolare che è “chedambrattàte”. In alcuni casi molto pregnanti il termine “pecciòne” viene sostituito dal nobilissimo termine “fèsse”. Per esempio: “mmòccallafèssedemàmetechedachiàveche” va letto e profferito con sapienza e con sottile piacere senza frapporre assolutamente alcuno spazio. Nella stessa maniera va profferito l’insulto: “mmòccopecciònedechedachiàvechedesòretechedambrattàte”. Le combinazioni, o le combinazioni con ripetizione sono frequentissime e danno luog ad una sterminata varietà di insulti, che come tutti sanno, rendono assolutamente più preziosa e colorita una discussione fra sodali. E’ fondamentale sapere che nelle varie articolazioni combinatorie, “mmòc” può essere tranquillamente sostituito da “ngùle” (vedi), che ovviamente significa “in cùlo”. Valga per tutti “ngùlopecciònedechèdachiàvechedesòretechedambrattàte chiènachiènedepuppù”. Come si può agevolmente notare, si aprono scenari maestosi e pregni di significati e di infinite varietà combinatorie. La componente volgare, peraltro ininfluente, scompare di fronte a tale potenza espressiva dovuta, giova ripeterlo, a raffinatissimi meccanismi mutuati dal calcolo combinatorio e da teorie che si rifanno alla prefabbricazione. A conclusione di questa dottissima dissertazione va ricordato che “mmòcc” e “ngùle” sono ambedue delle contrazioni delle ripettive parole originarie “vaffammòcc” e “vaffangùle”, che qualche volta sono anche pronunziate con una sola effe, tipo “vafammòcc” “vafangùle”. Questa perdita della effe dà una certa qual signorilità all’insulto in questione. Signorilità che si può evincere appunto dalla perdita della doppia effe che, proprio a causa del suo essere doppia, rafforza l’epressione stessa.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

ANCHE IL DIALETTO BARESE FRA I MITI

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Mar 19, 2013 3:44 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2013/03/anche-il-dialetto-barese-fra-i-miti.html



19 MARZO 2013


ANCHE IL DIALETTO BARESE FRA I MITI

Vittorio Polito


È recente la pubblicazione a cura di Francesco De Martino, professore ordinario di Letteratura Greca nell’Università di Foggia, del ponderoso volume “Puglia Mitica” (Levante Editori), nel quale l’argomento mitologia è ampiamente trattato da numerosi punti di vista: greca, romana, nordica, classica, greco-romana, ecc.
Un lavoro, quello del curatore, molto arduo per le difficoltà di reperire e recuperare letteratura e arte mitologica, ma anche e soprattutto per la «tanta abundantia» di una produzione rivelatasi inaspettatamente corposa, marginale e sommersa, dispersa in tante biblioteche, un patrimonio ibrido fatto di beni disparati con grandi e piccoli gioielli. De Martino pertanto si è avvalso di una lunga serie di collaboratori di varia estrazione culturale: docenti universitari e di scuola, letterati, politici, artisti, commediografi, scultori, registi, scrittori, giornalisti, con lo scopo di documentare il più ampiamente possibile quelle che sono state le nostre origini, anche attraverso la narrazione fantastica, ma riferite essenzialmente a fatti mitologici della nostra bella Puglia.
A parte la vastità del materiale presente nell’interessante pubblicazione (ben 1310 pagine), il curatore ha inserito tra i miti della nostra Puglia anche argomenti prettamente di casa nostra: la Basilica di San Nicola, con i suoi misteri e la sua vocazione ecumenica, ed il dialetto barese attraverso l’inserimento della farsa quasi mitologica di Giovanni Panza “La Capasèdde”, nella edizione critica basata sulla copia d’autore curata da chi scrive in collaborazione con Rosa Lettini Triggiani e Giuseppe Gioia, messa a disposizione da Emanuele Panza.
La farsa, una sorta di ‘contaminatio’ tra la versione mitologica e quella biblica dell’origine del mondo, come confermano i nomi doppi di alcuni protagonisti: Pandora-Eva, Ivo-Adamo, Coline-Caino e Cilluzze-Abele che, oltre che biblizzati, sono anche ovviamente baresizzati.
Dello stesso Panza si parla del poema epico “La uerre di Troia - L’Iliade e l’Odissea chendate a la pobblazione” (Unione Tipografica). Omero, il più grande poeta di tutti i tempi, scrive Panza, convinto che il dialetto è il veicolo più adatto per avvicinare il maggior numero di persone al mondo dell’autentica poesia.


E non poteva mancare Domenico Triggiani, noto commediografo barese in dialetto e in lingua, che è presente con il volume “Da Adàme ad Andriòtte” (Schena), l’unico romanzo storico-satirico scritto in dialetto barese a quattro mani con Rosa Lettini. Un romanzo che mostra il grandangolo della visuale di Triggiani, che spazia dalla creazione del mondo (la criazziòne du mùnne), alla nascita di Roma, alla morte di Gesù (da la nàscete de Ròme a la mòrte de Gesù), all’Italia e alla Bari da ieri a oggi (Bàre d’aijre a jòsce). «Pe’ tutte cùsse casìne de lèngue, u dialètte barèse jè nu minestròne fatte che la lèngua frangèse, spagnòle, grèche e nabbeldàne. Pezzìnghe Dante Alighière ne parlò ijnde all’òbbra so’ e se pòte disce ca la lèngue tagliàne jè nate pròbbie do dialètte barèse. Avàst’a vvedè u prime dizzionàrrie della lèngua tagliàne. Ma nzèguite le barìse, a pìcche a pìcche, se facèrene frecà pure cùsse prevelègge da le frastijre. Non besògne comùngue scherdàrse ca chidde c’acchemenzàrene a scrive in latìne fùrene tre puglijse; Andronìco, Énnie e Pacùvvie».
Anche Giuseppe Gioia (Pino), poeta dialettale fecondo e gioioso, è presente con alcuni suoi frammenti di epica, accettando di buon grado di cimentarsi in questo genere di travestimento di temi mitologici. La gioia del cantare prevale su tutto e si sposa con l’intenzione di facilitare il racconto alla ristretta schiera di amici capaci di intendere il dialetto e le sue ruffianerie. Gioia presenta nel capitolo “Cantari mitologici”: “Giudizio di Paride”, “Hera e Afrodite e “Cassandra”, scritti in dialetto con traduzione a fronte. Da “Hera e Afrodite” di Gioia, riporto la simpatica conclusione che così recita:
……….
E cudde reggipètte reffiàne
Afrodìte u mettì jind’a le mane
di Hèra che la raccomandazióne
de mettassille senza privazióne
acquanne, pe chembenazióne,
u penzìre auande la tendazióne
e u córe, senza seggeziòne,
va acchiànne la mègghia sfazióne.

(E quel reggipetto ruffiano Afrodite lo mise nelle mani di Hèra con la raccomandazione di indossarlo senza privarsene quando, per combinazione, il pensiero cattura la tentazione ed il cuore, senza soggezione, desidera la migliore soddisfazione
).



UN COMMENTO DA FACEBOOK:

TERESA GENTILE:
È SOLO PER VERO AMORE PER LA PARLATA DEGLI AVI CHE I DIALETTI POSSONO PRENDER POSTO TRA I MITI. I MITI SANNO SUPERARE GLI EFFIMERI LIMITI DELLO SPAZIO E DEL TEMPO E I DIALETTI PIÙ AMATI DAI NOSTRI POETI, SCRITTORI E GLOTTOLOGI ILLUSTRI, COME POLITO, ASSURGONO A DIGNITÀ LETTERARIA.


avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

essere "senza sang"

Messaggio  Admin il Sab Apr 13, 2013 1:30 pm

essere "senza sang"
Dado Giorgio il Gio 4 Apr 2013 - 18:15

.un po' di tempo fa ho involontariamente sentito utilizzare questo modo di dire tra due ragazze, riferito al fidanzato di una di delle due, presumibilmente alla lettera dovrebbe essere "senza sangue" ma a cosa si riferisce in realtà? alla fisicitá o alla
materialità? grazie in anticipo ps qualcuno mi ha detto che significa anche avaro, vi risulta?.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

SENZA SANGUE

Messaggio  Admin il Sab Apr 13, 2013 1:32 pm

SENZA SANGUE
Admin il Ven 5 Apr 2013 - 19:22

.Buona sera Dado, ti sta rispondendo l'admin, franz falanga. Senza sangue sottintende nelle vene, senza sangue nelle vene. Si potrebbe pensare ad acqua nelle vene, a freddo in petto, a privo di emozioni, ad una persona che difficilmente si incavola, difficilmente si indigna, resta di ghiaccio a fronte di qualsivoglia situazione, sia essa bella sia essa brutta. Un essere glaciale insomma. Non si sa se il senza sanghe ha in sè furori nascosti o energie da vendere, questo non è dato sapere. Se una donna dice di un uomo che è senza sanghe, il poveraccio forse è messo male. Un ultramoderato, moderato fino all'inverosimile. Spero di essere stato chiaro. A proposito, grazie per esserti iscritto a Comanacosaellalde, devo però dirti che in questo forum vige una unica regola, non è ammesso l'anonimato, quindi ti prego di voler scrivere pubblicamente sul forum il tuo nome e il tuo cognome. Il forum attenderà una settimana, se non dovesse ricevere una risposta, così come è accaduto altre volte, ti cancellerà automaticamente. Entro venerdì prossimo dunque. Stammi bene. l'admin. .
Admin
Admin



Messaggi: 235
Data d'iscrizione: 16.02.08
Località: Provincia di Treviso





.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: DIALETTO BARESE: CURIOSITA'

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum