DIALETTO BARESE E DINTORNI: NOTIZIE, APPUNTAMENTI, INFORMAZIONI, NOVITÀ ED ALTRO

Pagina 19 di 22 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20, 21, 22  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

RE: A FRANZ FALANGA ED A TUTTI

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Set 23, 2013 3:53 pm


L'IDEA DI ELIMINARE LE LETTERE J E K DALL'ALFABETO DEL DIALETTO BARESE DA PARTE DI QUALCHE SPROVVEDUTO E' A DIR POCO ASSURDA. MA DI QUESTI TEMPI C'E' DA ASPETTARSI DI TUTTO.
OTTIMI, INVECE, I COMMENTI E LE CONCLUSIONI DI FRANZ FALANGA FRUTTO DI GRAN CLASSE E BRAVURA SULL'ARGOMENTO. SOPRATTUTTO MI PIACE L'OSSERVAZIONE:


"Senza dimenticarci poi, che le parole, oltre che “lette” e “pronunziate”, vanno anche guardate come forme pure, per cui “jì” potrebbe essere assimilato a un quadrato, e “iì” potrebbe anche esso essere assimilato a un quadrato, con la differenza che, mentre il primo è stato “costruito” con riga e squadra, il secondo è stato invece maldestramente “disegnato” a mano libera."

PERTANTO SCRIVENDO IN DIALETTO BARESE CERCHIAMO DI SEGUIRE IL CONSIGLIO DI FRANZ FALANGA ED UTILIZZIAMO "RIGA E SQUADRA", MA CHE NON SIANO SCHEGNATE.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

LA FILASTROCCA DEL GIORNO: "MA MI FACCIA IL PIACERE..."

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Set 23, 2013 4:59 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2013/09/la-filastrocca-del-giorno-ma-mi-faccia.html



La filastrocca del giorno:
'Ma mi faccia il piacere... '

23 SETTEMBRE 2013 17:22



di Vittorio Polito

L’umorismo, secondo Totò, «È la rappresentazione filtrata attraverso la propria sensibilità, degli uomini nei loro difetti, nelle loro manchevolezze, nella loro vanagloria». Ma l’umorismo è anche la capacità di rilevare e rappresentare l’aspetto comico della realtà o la capacità di percepire, esprimere e rappresentare gli aspetti più curiosi e comunque divertenti del reale che possano suscitare il riso e il sorriso, senza malignità, ma con umana comprensione e simpatia.

Per rimanere nello spirito ho pensato di scrivere liberamente, in dialetto barese, una filastrocca rimata, nella quale ho incluso il Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera, il Presidente del Consiglio, qualche ministro e soprattutto molti politici, quelli che vediamo quotidianamente in TV in dibattiti e interviste e che per il loro particolare modo di evidenziarsi colpiscono maggiormente la nostra attenzione.

Il tutto vuole essere solo un modo come un altro per allentare la tensione in un momento in cui alcuni politici stanno offrendo ai cittadini uno spettacolo poco edificante.
Chi fa ridere la gente è un comico; chi la fa pensare prima, e ridere dopo, è un umorista.

Albèrte Casellàte: iè mègghie ca se gnòtte la marmellàte
Alfáne: percè non se ne va che le repubblecáne?
Azzolìne: iè adàtte chiú a spedì dò cartolìne
Belfióre: scèsse a rebbá a Sànda Necóle gnóre
Berluscóne: ormá iè nu chiangóne
Bernìne: facèsse la ballerìne
Bersáne: àva scì a fá arréte l’esáme
Binde: ié sèmbe línde e pínde
Boldrìne: iè na presedènde assá ricche de dottrìne
Bòsse: s’avèssa dá na mòsse
Brunètte: fásce búne ce allàsse la baionètte
Calderóle: s’amnàsse jinde a na fresóle
Cangellìre: la gestìzie de Dì non è chèdde de segnerì
Capezzóne: fásce sèmbe la parte du garzóne
Carfàgne: iè pròbie tefàgne
Cicchìtte: iè mègghie ce se ne sta citte citte
D’Ambròsie Lèttíre: facèsse u mestíre d’ajíre
Dalème: non è chiú de la “senìstr’estrème”
De Care, seccóme iè buéne e càre percè non retòrne a Bàre?
Epifáne: nge  bàttene tutte le máne
Fassìne: àva mètte da parte nu pìcche de monetìne
Finocchiàre: iè mègghie ca s’affìde a Sànda Chiàre
Fioróne: ce non téne la chiá usàsse u varróne
Fìtte: avàste che le conflìtte
Frangeschìne: facèsse u presedènde de le salìne
Gaspàrre: se téne stritte strìtte a la sbarre
Gèlmìne: remanèsse jinde o lítte la matìne
Ghèdìne: facèsse mègghie a defènne le pèdìne
Giovanàrde: non è state má gagliàrde
Grìlle: fásce u scéche de le birìlle
Iervolìne, è state chendannáte a pagá assá soldìne
Kyenge, ce zùmbe c’ha fàtte: da oculiste a menìstre
Larùsse: iè bràve a checená le paperùsse
Lètte Enrìche: iè nu presedènte ca no scànze la fatìche
Lupe: iè pròbie brave a manovrá le pupe
Matteóle: non fásce mále ce va arréte a la scóle
Mònde: vète tutte gnóre a l’orizzònde
Mussolìne: iè mègghie ca va a fásce la spése a la matìne
Napolitáne: iè u vére presedènde tagliáne
Prestigiàggheme: me fásce sendì le gamme giàggheme giàggheme
Quagliarièlle: pe le cóse ca dísce me fásce rìte a crepapèlle
Ravètte: percè non va a ballá u minuètte?
Saltamartìne: rièsce assá mègghie a fá la sartìne
Santanchè: ha  rùtte le sckàddue pure a mè
Schifáne: fásce  búne a sci a vènne le patáne
Scilipóte: àve acchiàte u sande devóte
Sìste: da quànne sta cu PDL non è chiú nzìste
Tatarelle:  iè mègghie ca s’accàtte nu bèlle mbrèlle
Urse: cange bandíre quànne mange nu sporcamùsse
Verdìne: va d’accòrde che l’alísce e le sardìne
Zanonáte: iè menìstre da picche, ma iè state giá cretecàte

Un grazie particolare alla prof. Rosa Lettini Triggiani per la consulenza fonologica.


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Mar Set 24, 2013 5:58 pm, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

ALCUNI COMMENTI ALLA FILASTROCCA DEL GIORNO: «MA MI FACCIA IL PIACERE...»

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Set 24, 2013 5:56 pm

Ringrazio in primis la prof. Grazia Stella Elia per i versi dedicatimi insieme agli altri interlocutori che hanno apprezzato la mia filastrocca.

Ben vengano le filastrocche
quando chiuse sono le bocche
per troppa malinconia
o per eccesso di ipocondria!
Preferibile è scherzare
piuttosto che litigare
per questioni politiche o dialettali
che non ci rendono immortali.
Evviva Polito giocherellone,
giornalista compagnone!

Con un amichevole sorriso,
Grazia Stella Elia

^^^^^^
Caro Vittorio,
solo ora, dopo una giornata piena d'impegni,sono riuscita ad aprire il computer; l,a tua filastrocca  gustosissima è riuscita a donarmi quella leggerezza di cui avevo bisogno. Bravo!!    
Saluti     Franca Fabris
^^^^^
Bravissimo!
Buona giornata.
Grazia Galante
^^^^^
Complimenti Vittorio è simpaticissima !!!
Anna Gissi
^^^^^
Grazie e complimenti. Quando non parli di Chiese e Santi sei proprio gustoso!!!
Peppino Polito
^^^^^
Uagliò, tu sì potènde assà.
È forse un'anticipazione del prossimo libro?
Un abbraccio.
Franco De Benedetto
^^^^^
fortissima!!! grazie
amaro sorriso...
Enrica Simonetti
^^^^^
Ciao Vittorie,
Tu si probbete nu gemèndatore, si sciute a descetà u cane ca stève a dorme, cudde acquanne à lesciute la felastrocche acchemenzate a sckamà: dope la bèdda storrie e patorrie ca nge si mannate nge si arrecherdate accome facime a sci nanze che chisse spadriate;
Tenime cannarute, ladre, postine e chiangune, tenimele a pane nguèrpe e acchiedimele jinde a le pertune;
Tenime le ballerine, le fucilìere e ce non nz' amméne jinde a la fresole, mannamele a mbarasse nu muèrse de polideche tutte nzìeme a  la scole;
petèvene ammangà le tefagne, le manuale e chidde ca non nze stonne ma citte? ammenamene jinde a na fresole e facimele ndorate e fritte;
cusse je u govèrne ca ammenate a mare tutte le tagliane, e nu nge stame... ce aspettame? a m' acchemenzà a menà le mane.

Ciao Vito Antonio Corsini


avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

RE: A FRANZ FALANGA ED A VITTORIO POLITO

Messaggio  Rosa Lettini il Gio Set 26, 2013 3:28 pm

RINGRAZIO VIVAMENTE FRANZ FALANGA PER AVER APPREZZATO LA MIA ANALISI SULLA "J" (I LUNGA) E PER I SALUTI CHE CONTRACCAMBIO DI CUORE.
 
CARO VITTORIO,
 
E' STATA DAVVERO UNA BELLA IDEA QUELLA DI COMPORRE UNA FILASTROCCA TUTTA DEDICATA AI NOSTRI POLITICI. UN PO' DI IRONIA VA SEMPRE BENE PER FARCI DIVERTIRE E RIFLETTERE.
COMPLIMENTI VIVISSIMI.
 
Rosa Lettini
avatar
Rosa Lettini

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 17.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

2 OTTOBRE 2013: PREMIAZIONE UIL PENSIONATI - VIII EDIZIONE 2012-2013

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Ott 01, 2013 6:50 am



avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

GIORNALE DI PUGLIA - PREMIAZIONE UIL PENSIONATI - VIII EDIZIONE 2012-2013

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Ott 02, 2013 3:47 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2013/10/la-uil-premia-gli-anziani-che-si.html


2  OTTOBRE  2013
La UIL premia gli anziani che si dimostrano una risorsa anche nella poesia


di Vito Ferri


Bari, Territorio
10/02/2013 02:48:00 PM
 di Vito Ferri - Si è svolta presso l’Hotel Excelsior di Bari la cerimonia di premiazione dei partecipanti al concorso di poesie in vernacoli pugliesi, organizzata dall’Unione Italiana Lavoratori Pensionati (UIL), in collaborazione con l’A.D.A. (Associazione di volontariato per i diritti degli anziani).

Sono ormai otto anni che la UIL organizza l’evento dedicato alla poesia nei vari dialetti della Puglia e l’iniziativa, oltre a conservare tutta la sua freschezza, vede ogni anno in crescita sia la partecipazione ed il consenso dei pensionati, che la qualità delle composizioni.

Per l’occasione è stata presentata l’VIII edizione 2012-2013 dell’Antologia “Il mio cuore, la mia terra, la mia vita” (Levante Editori), che raccoglie tutte le poesie presentate nei vari dialetti con relativa traduzione a fronte e che ogni anno aumentano sempre di più.

Rocco Matarozzo, segretario generale Uil Pensionati di Bari e di Puglia, che firma l’introduzione scrive che «È un onore e un piacere scrivere, ogni anno, l’introduzione all’antologia di poesie. Ed ogni anno sembra sempre più difficile. Poi, appena si inizia, tutto si risolve come per magia, perché appunto, “magicamente” scopri che di poeti ce ne sono dei nuovi e soprattutto che le cose che dicono tutti sono diverse e piene di contenuti. Ciò che più colpisce è che di anno in anno le menti si affinano e quanti hanno iniziato per gioco oggi si affiancano, quasi alla pari, ai poeti di elevata caratura».

Il segretario generale della UIL pensionati, Romano Bellissima, scrive nella prefazione che «È importante ribadire con ogni mezzo, anche con un concorso di poesie in vernacolo, il valore della memori e del vissuto delle persone anziane, da sempre portatrici di ideali di condivisione e comunità, di capacità di fare sacrifici per il bene comune, di sobrietà nei consumi e negli stili di vita».

Numerosi gli autori meritevoli di essere premiati e ricordati, ma come sempre vi sono perle che vanno esaltate per la grande forza poetica. Il primo premio è stato assegnato a Lucia Delle Grottaglie di Mesagne per la poesia “L’urtumu arvulu ti aulja” (L’ultimo albero di ulivo); i premi per la Sezione Bari sono stati assegnati a Michele Caldarulo per “Caccà” (Balbuziente); A Vincenzo D’Acquaviva per “U Gnùrəchə ’nguèrpə” (Il groppo in corpo); ad Agostino Galati per “Sorriso”. Per la Sezione Bat sono stati premiati: Felice Dimonte, Sante Valentino; per Brindisi, Apollonia Angiulli; per Foggia, Mario Iannacci; per Lecce, Rosanna Gabellone; per Taranto Antonio Spada. Premi speciali sono stati assegnati a Concetta Conte ed Angela Tragni.
                                                 
Numerose le menzioni speciali tra le quali figurano i nomi di Michele Lucatuorto per la poesia “Tembòrale” (Temporale); Vittorio Polito per la poesia “U Tréne de la vite” (Il treno della vita); Santa Vetturi per “Serafine” (Serafina) e Giuseppe Zaccaro per “U trène de la tèrra noste” (Il treno della nostra terra).

Altrettanti numerosi i diplomi di partecipazione consegnati a Vita Corallo per “U Eure” (L’Euro); a Vito Antonio Corsini per “ U munne de josce… ce cose sta seccète!” (Il mondo di oggi… cosa sta succedendo) e “La Pasque de Resurrezzione” (La Pasqua di Resurrezione); a Vincenzo D’Acquaviva per “Uagnangéddare” (Ragazzini); a Tonino Fonzeca per “Lupràne” (Leporano); a Giuseppe Gioia per “La serène” (La sirena) e “Museche” (Musica); a Michele Lucatuorto per “U’ attòre còmeche” (L’attore comico); a Vittorio Polito per “U giornaliste de iòsce” (Il giornalista di oggi); a Santa Vetturi per “U paravìjse vere” (Il paradiso vero); a Nicola Vitale per Vot’Andònie vot’Andònie” (Vota Antonio).

Fuori concorso le poesie di Antonella Agape “La notte”; di Antonio Salvatore Landolfo “Caru amore mia” e “La nuvoletta” e, infine, di Enzo Migliardi “U sindacàte de la UIL penzionate” (Il sindacato della UIL pensionati).

Il nostro collaboratore Vittorio Polito, si è aggiudicata la coppa con la menzione speciale per la poesia “U Tréne de la vite” (Il treno della vita), che di seguito riportiamo.

U tréne de la vite
di Vittorio Polito

Le giùvene de la redazióne,
che tand’aggarbàta seggezióne,
m’addemànnene sèmbe u motìve
ca me fásce ièsse attìve attìve
cóme crestiáne ca non se stanghe
che la capa biànga biànghe,
ca da la matìne che volondá
va sèmbe fescènne dó e dá
e cóme fòsse nu uagnongídde,
chíne de prísce e de cervídde,
allàsse attùrne chèdda fresckèzze
ca de gevendù iè dòlgia brèzze.

Care giùvene, ve digghe cu córe
ca cusse mbìte iè tradetóre
e a respònne m’àgghia arrènne
allassànne u mbègne o Padretérne.

Ve pòzzeche dísce da crestìáne
ca sènghe nguèdde na máne
de ngualchedùne ca da lendáne,
me vóle béne e cóme a n’attáne
me spènge a scì sèmbe chiú nànze,
chiáne chiáne e senz’arrogànze,
e m’appìcce chèdda lúsce
ca m’auànde e me fásce fúsce
cóme a nu vagóne carresciàte
da nu tréne ca acceleràte
mbrìme pìgghie stràte
e scènne scènne, scapeceràte,
pìgghie na bèlla veloscitá
ca a l’andrasàtte m’àva pertá
a na stanzióna scanesciùte,
chendènde e sterdesciùte.

Chèdda stanzióne, ca me piásce,
iè chiéna chiéne de prísce e pásce
e p’arrevá, che tand’affànne,
non avàstene... n’ald’e cínd’ànne!


Il treno della vita

I giovani della redazione,
con tanta delicata soggezione,
mi domandano sempre il motivo
che mi rende attivo attivo
come persona che non si stanca,
con la testa bianca bianca
che dal mattino con volontà
va sempre correndo qua e là
e come fosse ragazzino,
pieno d’allegria e intelligenza,
sparge attorno quella freschezza
che di gioventù è dolce brezza.

Cari giovani, vi dico col cuore
che questo invito è traditore
e a rispondere mi devo arrendere
lasciando l’impegno al Padreterno.

Vi posso dire da uomo,
che sento addosso una mano
di qualcuno che da lontano,
mi vuol bene e come un padre
mi fa andare sempre più avanti,
pian piano e senza arroganza,
e mi accende quella luce
che mi cattura e mi fa correre
come un vagone trasportato
da un treno che accelerato
velocemente prende strada
e procedendo, sbizzarrito,
prende una bella velocità
che d’improvviso mi porterà
ad una stazione sconosciuta,
contento e stordito.

Quella stazione, che mi piace,
è piena piena di gioia e di pace
e per giungervi, con affanno,
non bastano... altri cent’anni!
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

UIL PENSIONATI - PREMIO DI POESIA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Gio Ott 03, 2013 6:19 am





3  OTTOBRE  2013 - PAGINA 8



COMMENTO:
Corrado Petrocelli:  Grande Vittorio Polito, continua così, a rappresentare il cuore e la coscienza della nostra città e delle nostre tradizioni (sì uso il plurale perché sono tante e diverse ed è una delle nostre ricchezze). Un abbraccio pieno di felicitazioni.
8 novembre 2013


Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Ven Nov 08, 2013 3:16 pm, modificato 1 volta
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO" DI OGGI 7 OTTOBRE 2013

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Ott 07, 2013 5:43 am



7  OTTOBRE  2013  -  PAG. X

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

IL DIALETTO A SCUOLA? UNA INEZIA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Ott 23, 2013 1:22 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2013/10/il-dialetto-scuola-una-inezia.html


23 OTTOBRE 2013
Il dialetto a scuola? Una inezia

di Vittorio Polito

Qualche anno fa (2009) la Lega propose l’insegnamento del dialetto nelle scuole, cosa quanto mai insensata se solo si considera che in Italia vi sono oltre 8000 Comuni con altrettanti dialetti senza contare delle altre migliaia di derivazione dall’originale. Se poi si considera che nella maggior parte dei Comuni i dialetti sono solo parlate e non esistono quindi grammatiche e dizionari e, soprattutto, insegnanti, allora la frittata è bella e pronta. I dialetti, come detto, sono solo parlate e dal parlare allo scrivere il solco è molto grande da superare, per cui è facile cadere nel baratro. La pronuncia è cosa molto diversa dalla scrittura per cui non si può fare di tutt’erba un fascio.
Immaginate un barese che si trasferisce a Roma e che dovrebbe imparare il dialetto romano e se va in qualche altra città dovrebbe imparare un altro dialetto e così via. Cosa ne sarebbe? Certamente una contraddizione dello spirito unitario del nostro Paese, dal momento che i dialetti, sotto certi aspetti, tendono a farci rinchiudere in noi stessi. Pur riconoscendo che il dialetto è una sorta di  ‘capasèdde’, un vaso di argilla molto grande paragonabile a quello di Pandora, nella quale sono riposti, storia, cultura,tradizioni, cucina, ecc., proporne lo studio a scuola è stato da molti criticato, sconsigliato e disapprovato. L’attenzione verso le nostre tradizioni può essere senz’altro positiva, ma ritengo del tutto inutile legiferare l’obbligatorietà dello studio dei dialetti a scuola dal momento che la cosa appare molto complessa.
Vari e diverse sono state le risposte anche dal mondo politico alla assurda proposta leghista. Secondo l’ex parlamentare Italo Bocchino «Il disegno di legge sui dialetti è ben diverso da quello sul federalismo, non facendo parte del programma di governo. Non c’è pertanto nessun vincolo di maggioranza a votarlo», e poi va detto che sono senz’altro più utili e produttive alcune ore in più di inglese, francese, tedesco, ed oggi anche di arabo e cinese, che qualche ora di dialetto nostrano.

Ed i linguisti che dicono?

Luca Serianni, professore ordinario di storia della lingua italiana, è del parere che «Si tratta di una strada non percorribile: si può insegnare una lingua, ma non un dialetto, che non ha alcuna omogeneità. Persino in regioni come il Veneto e la Campania, regioni con una forte connotazione dialettale, non ce n’è uno che si sia imposto. Il poeta Raffaello Baldini diceva che “In dialetto si può parlare con Dio, non si può p Luca Serianni, professore ordinario di storia della lingua italiana, è del parere che «Si tratta di una strada non percorribile: si può insegnare una lingua, ma non un dialetto, che non ha alcuna omogeneità. Persino in regioni come il Veneto e la Campania, regioni con una forte connotazione dialettale, non ce n’è uno che si sia imposto. Il poeta Raffaello Baldini diceva che “In dialetto si può parlare con Dio, non si può parlare di Dio”, un ambito, quindi solo familiare e affettivo».arlare di Dio”, un ambito, quindi solo familiare e affettivo».

Ugo Vignuzzi, professore ordinario di Linguistica Italiana all’Università, sostiene che «I dialetti sono oggetti storici diversi in ogni area culturale, abbiamo tanti dialetti quante aree culturali. Se questo è vero per l’Europa (per esempio in Svizzera c’è un dialetto per ogni cantone), nella tradizione storico-culturale italiana la situazione è differente e più complessa poiché i dialetti si presentano come “lingue delle identità locali” (cfr, E. della Loggia). Da qui nasce un problema sia pratico che teorico. Il problema pratico è che in Italia ci sono circa 10.000 dialetti, se colleghiamo, come la nostra storia impone, identità locali e “comuni”. Il problema teorico è la differenza semantica tra lingua (quella che si può apprendere a scuola) e dialetto che essendo viva e spontanea espressione non formale del parlante è quasi impossibile da insegnare».

Matteo Motolese, professore associato di Linguistica italiana all’Università “La Sapienza” di Roma, è del parere che poiché «Nel 2011 si festeggiano i 150 anni dell’Unità d’Italia: in tale contesto non appare contraddittorio cercare di fare emergere le differenze e i particolarismi regionali, tramite lo studio dei dialetti, invece di trovare un modo per rendere sempre più agevole, tramite la cultura comune, la comunicazione tra italiani e stranieri? C’è una contraddizione evidente, che infatti affiora quotidianamente sulle pagine dei giornali. Sinceramente, ho comunque dei dubbi sul fatto che le tendenze al localismo della Lega, o di altre forze politiche, possano realmente incidere sul lungo periodo. O almeno così mi auguro. Mi pare che si tratti soprattutto di una volontà di essere visibili, di parlare al proprio popolo, di sollecitarne le paure. In ogni caso, non avrei dubbi sul fatto che la scuola italiana abbia maggior bisogno di guardare fuori, all’Europa, che non ai suoi particolarismi».

A Bari qualcuno ha tentato di istituire dei corsi di dialetto, nell’ambito di Associazioni o Università della Terza Età, con il risultato che sono state frequentate da un insignificante numero di persone diluitesi nel tempo, prova evidente della inutilità dell’insegnamento e del disinteresse a tale tipo di studio.
Pertanto è senz’altro utile tramandare ai posteri quello che siamo stati e che siamo ed i dialetti possono rappresentare quindi una grande risorsa ma solo per attingere ad essi durante le ore scolastiche per innervare l’italiano e per salvare le nostre tradizioni ma certamente non come materia di studio a scuola.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

A PROPOSITO DEL DIALETTO A SCUOLA

Messaggio  Admin il Mer Ott 23, 2013 2:44 pm

Concordo pienamente con l'interessante e ben argomentato articolo di Vittorio Polito sulla praticamente impossibilità di insegnare il dialetto a scuola. Pe me, che abito nella Marca Trevigiana e che vivo a strettissimo contatto di gomito con i legaioli, è interessante notare come la frenesia con la quale i legaioli chiedono che il dialetto veneto sia insegnato a scuola sia pari alla loro non conoscenza assoluta dei meccanismi dell'insegnamento. Senza considerare che non esiste un dialetto veneto, ma centinaia di parlate venete l'una diversa dall'altra, addirittura a distanza di centinaia di metri. Bisognerebbe quindi addestrare  moltissimi prof che dovrebbero rivolgersi a un numero striminzito di pargoli veneti, sapendo che a poche centinaia di metri "potare" è  tradotto con "sarpir" e con "bruscàr". Come diceva il magnifico Antonio de Curtis, MA MI FACCIA IL PIACERE! franz falanga
P.S. Consideriamo che "potare" appartiene al lessico dei contadini e che i veneti provengono da una notevole civiltà contadina, come, peraltro, tutto il resto d'Italia. Ciò nonostante le differenze lessicali erano e restano immense.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 16.02.08
Località : Provincia di Treviso

Vedi il profilo dell'utente http://www.franzfalanga.it

Tornare in alto Andare in basso

IL BARESE? SI PARLA DA MARGHERITA DI SAVOIA A MONOPOLI- DA "BARINEDITA"

Messaggio  Vittorio E. Polito il Sab Ott 26, 2013 2:47 pm

http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n944-il-barese-si-parla-da-margherita-a-monopoli.-con-l-eccezione-corato
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

MARIO PIERGIOVANNI E IL DIALETTO BARESE

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Nov 05, 2013 3:16 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2013/11/mario-piergiovanni-e-il-dialetto-barese.html


5  NOVEMBRE  2013



MARIO PIERGIOVANNI E IL DIALETTO BARESE


Bari, Territorio
11/05/2013 01:00:00 PM

di Vittorio Polito

Una poesia di Mario Piergiovanni (1927-2009), scritta e riscritta in epoche diverse, sta a dimostrare che si può cambiare il modo di scrivere il dialetto barese anche senza grammatiche e, soprattutto, senza imposizioni e/o consigli di coloro che sempre più insistentemente si credono unici “addetti ai lavori”, i cosiddetti “unti dal Signore”, in grado di prescrivere regole e regolette ad ogni spron battuto e senza alcun valore normativo. Insomma si sentono, pur ignorati dalla maggior parte di coloro che scrivono in dialetto barese, esclusivisti della grammatica del dialetto di casa nostra. Una evidente ed ulteriore prova viene dall’illustre artista barese che qualche decennio fa così giustificava il suo modo di scrivere.

«Non esistendo un metodo codificato per la scrittura di un testo in lingua dialettale cui attenermi ed uniformarmi, e discostandomi da quelli adottati da altri autori, ho ritenuto valido il rappresentare le parole in relazione alla loro effettiva pronuncia dialettale con le sillabe mute e le vocali lunghe, caratteristiche tipiche della lingua barese. Pertanto le sillabe mute sono state scritte con una consonante seguita da un punto, che va quindi letta senza abbinamento con alcuna vocale, e le vocali lunghe con un'accoppiata della stessa vocale, di cui la prima accentata tonicamente».

Alcuni esempi:

U SÒOLE - IL SOLE
di Mario Piergiovanni [/color]

Sc.uànn d’ò uascratìdd
e trapanann na cangèdd
u sòole
s squàgghie sop’a nu vasen.còole,
jind’a nu buàatte d ch.nzèerve.

Sceuanne d’o uascratiedde
e trapananne na cangedde
u sole
se squagghie sop’a nu vasenecole,
jind’a nu buatte de chenzerve.

Scivolando da un terrazzino
e filtrando una cancellata
il sole
si scioglie sopra un basilico,
in un barattolo di conserva.


U SAGR.STÀANE E U CANON.CHE  -  IL SACRESTANO ED IL CANONICO
di Mario Piergiovanni

Nu r.mmòore d còose ròtt
da la Sagr.stìi.
- S’arrutt’u tùubbe;
Mannàaggi’ò mbìierne e ò diàaue!
- Corrèette C.ccìill, corrèeeette…
ma che s.ccìisse?
- S’arrùtt’u tùubbe, pàadr.
- Mannaggi’ò p.ccàate e c u’addòore!
- Corrèette C.llènze, corrèette.

          -  Ave Maria gratia plena…
          -  Sancta Maria Mater Dei…

Nu remore de cose rotte
da la sagrestì.
- S’à rrutte u tubbe…
mannaggi’o mbierne e o diàue!
- Corrette Ceccille… corrette!
Ma ci à successe?
- S’à rrutte u tubbe… padre.
- M’annaggi’o peccato e ci u adore!
- Corrette Cellenze… corrette!

              - Ave Maria gratia plena…
              - Santa Maria Madre Dei…

Un rumore di cose rotte
dalla sacrestia
- Si è rotto il lume…
mannaggia all’inferno e al diavolo!
- Corretto Ciccillo… corretto!
Ma che è successo?
- Si è rotto il lume… padre.
- Mannaggia al peccato e chi lo adora!
- Corretto Eccellenza… coretto!
             -  Ave Maria gratia plena…
             -  Santa Maria Mater Dei…
 
Da:
“Bari anni trenta” di M. Piergiovanni, Stampa Unione tipografica, Bari 1970, pag. 9-11, e 33-35;
“Sole & Cerase” di M. Piergiovanni, Edizioni Fratelli Laterza, Bari 1981,     pag. 46-47 e 30-31.

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "NEL MESE" PERIODICO DIRETTO DA MICHELE CRISTALLO - N. 10 - OTTOBRE 2013 - PAG. 27

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Nov 12, 2013 10:39 am





Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Sab Mar 29, 2014 7:13 pm, modificato 2 volte
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

MICHELE CRISTALLO PRESENTA "U VANGELE DE MARCHE" DI AUGUSTO CARBONARA

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Nov 22, 2013 10:06 am

http://www.giornaledipuglia.com/2013/11/michele-cristallo-presenta-u-vangele-de.html



22  NOVEMBRE  2013

Michele Cristallo presenta “U Vangele de Marche” di Augusto Carbonara

Libri, Territorio
11/22/2013 10:17:00 AM


di Vittorio Polito - Mercoledì  27 novembre alle ore 18,30 presso l’Istituto delle Suore di Carità dell’Immacolata Concezione – Ivrea, via Gandhi, n. 2, Bari, Michele Cristallo, giornalista e direttore del periodico “Nel Mese”, introdurrà e presenterà il volume di Augusto Carbonara «U Vangele alla manere de Marche veldate alla barese» (Wip Edizioni).

Carbonara, ingegnere barese, esperto di costruzioni idrauliche, ha ricoperto per lunghi anni il ruolo di funzionario dell’Acquedotto Pugliese, ha affrontato il difficile compito di tradurre nella nostra lingua madre il Vangelo di Marco, il cui originale è datato intorno agli anni 70 d.C., dando soprattutto ai baresi la possibilità di gustare nel proprio dialetto i vari episodi della vita di Gesù.

All’incontro culturale che l’associazione “Amici Campani” ha voluto organizzare col titolo “Passaggi dal latino ai dialetti napoletani e baresi”, parteciperanno il professor Aldo Luisi che illustrerà il passaggio dal latino ai dialetti, il noto attore-regista Nicola Pignataro che leggerà alcuni brani del libro, in barese, e il regista Mario D'Angelo e l’attore Enzo Oriolo che leggeranno alcuni brani, in napoletano.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

NON C'E' PIU' RELIGIONE DI E CON FRANCO MINERVINI

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mar Mar 25, 2014 6:47 pm

http://www.youtube.com/watch?v=uCV8zScmHqY&feature=share
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

PRESENTAZIONE LIBRO

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Apr 23, 2014 6:22 am

VENERDÌ 20 GIUGNO 2014 ALLE ORE 17 NELL'AULA MAGNA DELL'UNIVERSITÀ DI BARI – PALAZZO ATENEO -  SARA' PRESENTATO CON IL PATROCINIO DELL'UNIVERSITA' DI BARI IL LIBRO A CURA DI VITTORIO POLITO: «SAN NICOLA, IL DIALETTO BARESE E...» (LEVANTE EDITORI)



Ultima modifica di Vittorio E. Polito il Mer Mag 28, 2014 11:46 am, modificato 3 volte
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

“LA SROCHE TETÈ” COMMEDIA DI FELICE ALLOGGIO

Messaggio  Vittorio E. Polito il Lun Apr 28, 2014 6:41 am

 http://www.giornaledipuglia.com/2014/04/presentata-dallute-eurolevante-la.html


28  APRILE  2014

PRESENTATA DALL’UTE “EUROLEVANTE” LA COMMEDIA DI FELICE ALLOGGIO
“LA SROCHE TETÈ” (LA SUOCERA BRONTOLONA).

Bari, Territorio
4/28/2014 08:36:00 AM


di Vittorio Polito - È stata presentata presso il Teatro dell’Istituto De Mattias di Bari Carbonara la commedia di Felice Alloggio, docente del Laboratorio Teatrale dell’Università della Terza Età “Eurolevante” di Bari, dal titolo “La sroche tetè” (La suocera brontolona),  liberamente ispirata alla commedia di Carlo Goldoni, “Sior Todero Brontolon”.

Nella commedia goldoniana il sior Todero è un personaggio brusco, scontroso, brontolone con tutti, e il nostro regista ha trasformato questo personaggio in una suocera odiosa, molto  attaccata al denaro, un vero e proprio flagello della famiglia.
Quella del Goldoni è una commedia interpretata da numerosi personaggi, e il nostro  regista li utilizza tutti, senza tralasciare l’intento moralista del Goldoni. Infatti attraverso l’uso sapiente del dialetto barese, un linguaggio come al solito efficace, colorito, ironico, con battute formidabili ricche di espressività, Alloggio, come il Goldoni, si scaglia contro l’esasperazione e l’uso improprio della ricchezza, dell’avarizia e del potere.

Ritratti altrettanto brillanti sono quelli di tutti i personaggi della commedia goldoniana, un testo scritto ed interpretato sempre e solo in dialetto veneziano, mai  tradotto in italiano, tanto che Felice Alloggio ha chiesto l’aiuto ad una delle corsiste ed interpreti, la signora Lina Terzi che, essendo veneziana, ha tradotto il testo in italiano per poi affidarlo per la successiva trasposizione in dialetto barese a Felice.

In otto anni di attività volontaria presso l’Università “Eurolevante”, Alloggio, commediografo e attore di teatro, ha allestito e diretto ben sedici lavori, molti scritti da lui, ed è così entrato a far parte di quel mondo di persone che utilizzano la loro opera volontariamente e gratuitamente a favore della solidarietà, inserendoli tra gli scopi importanti della loro vita.
Gli interpreti della commedia sono stati: lo stesso Felice Alloggio con Lucia Laratro, Ida Sciarilli, Pietro Dattomo, Lina Terzi, Nicola Dattomo, Mariella Francese, Piero Ragonese, Anna Binetti, Mimmo Marino, Antonia Evaristo.

Le scene sono state disegnate da Alcibiade Cardanobile, per la regia dello stesso Alloggio.

La commedia è stata presentata dal Presidente dell'Università “Eurolevante” prof.ssa Elena de Tullio, che ha ricordato il commediografo Carlo Goldoni e la Riforma della Commedia dell’Arte.

La commedia è stata preceduta dalla lettura vernacolare della corsista Mina De Santis della poesia di Peppino Franco “La desgrazzie de nu professore…”  tratta dal volume “Citte citte fra nu e nu...” (Grafischena Editore, 1976 pag. 413).

     
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

LA SROCHE TETE' COMMEDIA DI FELICE ALLOGGIO

Messaggio  felice.alloggio il Gio Mag 01, 2014 4:33 am

GRAZIE ALL'AMICO VITTORIO COME SEMPRE GENTILISSIMO.
APPROFITTO DELL'OCCASIONE PER INFORMARE GLI UTENTI DI COMANACOSAELLALDE CHE DOMENICA 4 MAGGIO ALLE 17,30 PRESSO IL TEATRO DELL'ISTITUTO DE MATTIAS IN CARBONARA ANDRA' IN SCENA LA COMMEDIA "U SCORFENE" (LO SCORFANO) SCRITTA E DIRETTA DA ME, QUALE SECONDO SAGGIO DI FINE ANNO DEI CORSISTI DELLA UTE EUROLEVANTE DI BARI. L'INGRESSO E' LIBERO PREVIO TELEFONATA (348-0391244) PER PRENOTARE I POSTI A SEDERE. GRAZIE E CIAO.
FELIX
avatar
felice.alloggio

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 21.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

PRESENTAZIONE LIBRO "SAN NICOLA, IL DIALETTO BARESE E..."

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Mag 28, 2014 11:51 am

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "EPOLIS BARI" - 11 GIUGNO 2014 . PAG. 12

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Giu 11, 2014 4:46 am



avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DAL "GIORNALE DI PUGLIA" DELL'11 GIUGNO 2014

Messaggio  Vittorio E. Polito il Mer Giu 11, 2014 6:26 pm

http://www.giornaledipuglia.com/2014/06/il-20-giugno-si-presenta-allateneo-di.html#.U5ibkctZqcw
Il 20 giugno si presenta all’Ateneo di Bari il libro di Vittorio Polito
«San Nicola, il dialetto barese e…»




BARI - Venerdì 20 giugno alle ore 17 nell’Aula Magna dell’Università di Bari (Palazzo Ateneo), con il Patrocinio dell’Università degli Studi “Aldo Moro”, sarà presentato il volume di Vittorio Polito “San Nicola, il dialetto barese e…” (Levante editori). Presentazione di padre Lorenzo Lorusso o.p., Priore della Basilica di San Nicola.


Interverranno:

Antonio Felice Uricchio, Magnifico Rettore dell’Università di Bari;
Corrado Petrocelli, ordinario di Filologia Classica nell’Università di Bari;
Anna Maria Di Terlizzi, scultrice, autrice della copertina;
Vittorio Polito, giornalista e scrittore.

Introduce e modera Nicola Veneziani, cardiologo, cultore delle tradizioni popolari.
Rosa Lettini Triggiani e Felice Alloggio declameranno brani tratti dalla pubblicazione.

L’autore ancora una volta ha curato un nuovo libro, questa volta dedicato a San Nicola e al dialetto barese che, insieme a tradizioni, storia, folclore, cucina, monumenti, chiese, proverbi, soprannomi e poesie, rientrano in questo importante capitolo della Baresità. San Nicola «che ha illuminato il cuore di milioni di fedeli d’Oriente e d'Occidente» non poteva mancare con i suoi miracoli, leggende e curiosità. Polito con una particolare attenzione ha raccolto poesie, preghiere, poemi e prose scritte in dialetto barese di tutti i tempi, a partire da Francesco Saverio Abbrescia per finire ai giorni nostri.

Nella interessante pubblicazione si legge che «Un Santo come Nicola non poteva che dimorare a Bari, dal momento che la nostra città, al di là di curiosità e leggende, nella sua triplice dimensione di città ecumenica, europea e mediterranea, reca nella sua storia i tratti del sovrapporsi di molteplici civiltà e culture: romana, bizantina, longobarda, saracena, normanna, angioina, aragonese, ecc., identificando il suo destino in quello del Santo Vescovo di Mira», proponendo di proclamare San Nicola Patrono e protettore del Mediterraneo e dell’Europa.
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

BARINEDITA SEGNALA L'EVENTO

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Giu 13, 2014 5:14 am



http://www.barinedita.it/eventi-libri/5059/bari-presentazione-di---san-nicola-il-dialetto-barese-e...--
avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DAL "QUOTIDIANO DI BARI" DI OGGI, PAGINA 9

Messaggio  Vittorio E. Polito il Ven Giu 13, 2014 10:44 am



avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO" DI OGGI 14 GIUGNO 2014

Messaggio  Vittorio E. Polito il Sab Giu 14, 2014 7:19 am




avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

DA "LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO" DI OGGI 15 GIUGNO 2014

Messaggio  Vittorio E. Polito il Dom Giu 15, 2014 7:57 am

avatar
Vittorio E. Polito

Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 17.02.08
Località : Bari

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/vittorio.polito/

Tornare in alto Andare in basso

Re: DIALETTO BARESE E DINTORNI: NOTIZIE, APPUNTAMENTI, INFORMAZIONI, NOVITÀ ED ALTRO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 19 di 22 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20, 21, 22  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum